Presidente croato, ex Primo Ministro nel deflusso presidenziale il 5 gennaio

0
59

Il candidato alla presidenza Zoran Milanovic e sua moglie Sanja Music Milanovic appaiono sul palco nella sede della sua campagna dopo le elezioni presidenziali a Zagabria, in Croazia, il 22 dicembre 2019. REUTERS / Marko Djurica

ZAGABRIA – Il candidato socialista democratico ed ex primo ministro Zoran Milanovic è arrivato primo nel primo turno delle elezioni presidenziali della Croazia, ha dichiarato la Commissione elettorale statale domenica dopo il conteggio del 99% dei voti.

Milanovic ha ottenuto il 29,5% dei voti davanti al presidente in carica di centrodestra Kolinda Grabar-Kitarovic, il candidato dell'Unione Democratica Croata al potere (HDZ), con il 26,7%. Il candidato indipendente Miroslav Skoro, un cantante popolare con opinioni conservatrici nazionaliste, si è classificato terzo con il 24,4% dei voti.

Milanovic e Grabar-Kitarovic si scontreranno in un deflusso il 5 gennaio 2020.

Il ruolo presidenziale è in gran parte cerimoniale poiché il capo di stato non può porre il veto alle leggi, ma ha voce in capitolo in politica estera e in difesa. Il presidente ha un mandato di cinque anni con il prossimo a partire da febbraio 2020.

Nonostante il suo secondo posto nel primo turno Grabar-Kitarovic, il cui primo mandato in carica alcuni osservatori hanno giudicato piuttosto insignificante con poca sostanza politica e molta retorica patriottica populista, sembra essere il favorito nel secondo turno.

"È improbabile che gli elettori della destra di Skoro sostengano Milanovic, quindi Grabar-Kitarovic sembra destinato a fare affidamento su un pool più ampio di potenziali elettori nel secondo turno", ha affermato l'analista politico Davor Gjenero.

Il secondo turno prevede la partecipazione dei candidati dei due maggiori partiti in un anno in cui la Croazia terrà anche elezioni parlamentari, molto probabilmente in autunno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here