Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Porcile palpebrale esterno (Hordeolum Externum)

Porcile palpebrale esterno (Hordeolum Externum)

0
8

Cos’è un porcile palpebrale esterno?

Un porcile palpebrale esterno è una protuberanza rossa e dolorosa sulla superficie della palpebra. La protuberanza può assomigliare a un brufolo ed essere tenera al tatto. Un porcile esterno può apparire ovunque sulla palpebra. Tuttavia, è molto probabile che si formi vicino al bordo dell’occhio, dove le ciglia incontrano la palpebra. La condizione è più comune nei bambini.

Un porcile palpebrale esterno è spesso causato da un’infezione a seguito di una ghiandola sebacea ostruita. Le palpebre hanno numerose ghiandole sebacee che mantengono un livello stabile di umidità negli occhi e che eliminano le particelle estranee negli occhi producendo lacrime. Queste ghiandole a volte possono ostruirsi con olio vecchio, cellule morte della pelle e batteri. Quando ciò accade, le sostanze ei germi iniziano a accumularsi nella ghiandola, causando un’infezione. Il risultato è una piccola protuberanza rossa sulla palpebra. Questa crescita può essere gonfia e dolorosa.

Un porcile palpebrale esterno può durare diversi giorni prima che scoppi e poi guarisca. Alcuni porcili possono guarire da soli, mentre altri potrebbero aver bisogno di cure mediche.

Quali sono i sintomi di un porcile palpebrale esterno?

I sintomi causati dai porcili esterni delle palpebre possono variare da persona a persona. In generale, tuttavia, i porcili sono più spesso identificati dalla presenza di un nodulo rosso sulla palpebra. Altri sintomi comunemente associati a un porcile includono:

  • sensazione grintosa negli occhi
  • dolore o tenerezza agli occhi
  • lacrimazione o perdita degli occhi
  • palpebra gonfia
  • sensibilità alla luce
  • arrossamento e dolore al bordo della palpebra

Sebbene questi sintomi siano associati a porcili esterni, possono anche essere indicativi di altre infezioni agli occhi. È importante contattare il medico il prima possibile per ricevere una diagnosi corretta.

Che cosa causa un porcile palpebrale esterno?

Un porcile palpebrale esterno può formarsi quando una ghiandola sebacea nella palpebra viene infettata. L’infezione è più spesso causata dal batterio Staphylococcus. Questi batteri di solito vivono intorno alla superficie della palpebra senza causare alcun danno. Tuttavia, quando una ghiandola si ostruisce con cellule morte della pelle o olio vecchio, questi batteri possono rimanere intrappolati nella ghiandola e causare un’infezione.

L’infezione può verificarsi nelle seguenti aree:

  • follicolo delle ciglia: questo è un piccolo foro nella pelle da cui cresce una singola ciglia.
  • ghiandola sebacea: questa ghiandola è attaccata al follicolo delle ciglia e produce una sostanza oleosa chiamata sebo, che lubrifica le ciglia per evitare che si secchino.
  • ghiandola apocrina: questa ghiandola sudoripare è attaccata al follicolo delle ciglia e aiuta a evitare che l’occhio diventi troppo secco.

Le persone hanno maggiori probabilità di sviluppare un porcile se hanno una condizione infiammatoria cronica degli occhi, come la blefarite. Anche coloro che si sfregano gli occhi spesso con le mani non lavate corrono un rischio maggiore. Poiché i bambini tendono ad avere il contatto più diretto con i batteri e potrebbero non lavarsi sempre le mani accuratamente, sono più a rischio di orzaioli esterni rispetto agli adulti.

Come viene diagnosticato un porcile palpebrale esterno?

Il medico può diagnosticare un porcile palpebrale esterno semplicemente esaminando l’aspetto dei tuoi occhi. Potrebbero anche chiederti i tuoi sintomi. Nella maggior parte dei casi, non sono necessari altri test.

Come viene trattato un porcile palpebrale esterno?

In molti casi, un porcile palpebrale esterno andrà via da solo. Il medico potrebbe consigliarti alcuni rimedi casalinghi per accelerare i tempi di recupero.

Potrebbero dirti di mettere impacchi caldi sul porcile. Per fare questo, immergere un panno pulito in acqua tiepida. Strizza l’acqua in eccesso e poi posiziona il panno sulla palpebra interessata. Questo dovrebbe essere fatto tre o quattro volte al giorno per 10-15 minuti alla volta. L’applicazione di calore incoraggia il porcile a rilasciare qualsiasi pus, che aiuterà a drenare il fluido e rimuovere l’infezione dalla ghiandola dell’olio.

Il medico può anche suggerirti di usare una crema antibiotica se hai più di un porcile o se continui ad avere orzaioli sulla palpebra.

Durante il trattamento, è importante evitare di spremere e strofinare il porcile. Questo può danneggiare l’occhio e diffondere l’infezione ad altre aree dell’occhio.

Se normalmente indossi le lenti a contatto, dovresti passare agli occhiali fino a quando il tuo porcile non scompare. Assicurati di gettare via le tue vecchie lenti a contatto e di indossarne di nuove dopo che la condizione è scomparsa.

Si consiglia inoltre di evitare di riutilizzare il trucco indossato prima dello sviluppo del porcile. Il trucco può contenere batteri che possono causare un’altra infezione.

Se l’orzaiolo non va via con antibiotici o altri trattamenti, il medico potrebbe dover rimuoverlo chirurgicamente. Questo è un evento raro.

Il mio porcile palpebrale esterno andrà via?

In molti casi, un porcile palpebrale esterno andrà via da solo entro pochi giorni. Anche quando è necessario un trattamento, l’orzaiolo alla fine scomparirà senza causare complicazioni.

Come si può prevenire un porcile palpebrale esterno?

Un porcile palpebrale esterno non può sempre essere prevenuto. Tuttavia, puoi ridurre il rischio adottando le seguenti misure preventive:

  • risciacquare le palpebre ogni giorno con acqua tiepida
  • disinfettare le lenti a contatto e cambiarle regolarmente
  • rimuovere completamente tutto il trucco dagli occhi prima di andare a letto
  • evitando di condividere asciugamani o salviette con chiunque abbia un porcile

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here