Papa, leader religiosi, inviano ai rivali del Sud Sudan un appello per la pace di Natale

0
56

CITTÀ DEL VATICANO – Papa Francesco e altri due leader religiosi hanno inviato mercoledì uno straordinario appello natalizio ai leader del Sud Sudan per mantenere la promessa di formare almeno un governo di unità di transizione all'inizio del prossimo anno.

FOTO FILE: Papa Francesco stringe la mano al Presidente del Sud Sudan Salva Kiir alla fine di un ritiro spirituale di due giorni con i leader del Sud Sudan in Vaticano, 11 aprile 2019. Vaticano Media / Dispensa via REUTERS

Il breve messaggio è stato firmato da Francis, leader mondiale anglicano, l'arcivescovo Justin Welby, e dal Rev. John Chalmers, ex moderatore della Chiesa di Scozia.

Il paese, il più giovane del mondo, è per lo più cristiano e una pace stabile consentirebbe al papa di visitare, cosa che ha detto che spera di fare l'anno prossimo.

Nel messaggio, i tre leader religiosi hanno affermato che stavano pregando per "un rinnovato impegno nel cammino di riconciliazione e fraternità".

Il mese scorso, il presidente Salva Kiir e l'ex leader ribelle Riek Machar hanno ritardato la formazione di un governo di unità per 100 giorni oltre la scadenza del 12 novembre, che a sua volta era un'estensione di una scadenza originale lo scorso maggio.

Hanno concordato di formare un governo di unità di transizione se non riusciranno a risolvere tutte le loro differenze entro la fine di febbraio.

I leader religiosi hanno affermato di voler mostrare ai leader politici "la nostra vicinanza spirituale mentre vi battete per una rapida attuazione degli Accordi di Pace".

Il messaggio è straordinario perché il giorno di Natale il papa solitamente combina appelli di pace nel suo discorso "Urbi et Orbi" (verso la città e il mondo).

Lo scorso aprile, settimane prima della scadenza originale, i leader religiosi hanno portato Kiir, Machar e altri politici in Vaticano per ritirarsi.

Con un gesto drammatico l'ultimo giorno del ritiro, Francis si inginocchiò ai piedi dei leader in guerra mentre li esortava a non tornare a una guerra civile che si concluse con un instabile accordo di pace nel 2018.

Il Sudan, che è prevalentemente musulmano, e il sud principalmente cristiano hanno combattuto per decenni prima che il Sud Sudan ottenesse l'indipendenza nel 2011.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here