Onu “inorridite” per il massacro di decine di civili in Myanmar

0
68

Le Nazioni Unite chiedono “un’indagine approfondita e trasparente” sull’incidente che ha ucciso almeno 35 persone.

L’ambasciata Usa in Myanmar si è detta sgomenta per l'”attacco barbaro” [Partido Progresista Nacional Karenni via AP Photo]

Un alto funzionario delle Nazioni Unite si dice “inorridito” dalle notizie secondo cui almeno 35 civili sono stati uccisi ei loro corpi bruciati nel Myanmar orientale, chiedendo al governo di avviare “un’indagine approfondita e trasparente”.

Due lavoratori dell’organizzazione no-profit Save the Children sono rimasti dispersi dopo che il loro veicolo è stato tra i tanti che sono stati attaccati e bruciati nell’incidente nello stato di Kaya.

Un gruppo di monitoraggio ei media locali hanno attribuito l’attacco alle truppe militari.

“Condanno questo grave incidente e tutti gli attacchi contro i civili in tutto il Paese, che sono vietati dal diritto internazionale umanitario”, ha dichiarato domenica il sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari Martin Griffiths.

“Chiedo alle autorità di avviare immediatamente un’indagine approfondita e trasparente sull’incidente in modo che i colpevoli possano essere rapidamente assicurati alla giustizia”, ​​ha affermato Griffiths.

“Inoltre, invito le forze armate del Myanmar e tutti i gruppi armati in Myanmar a prendere tutte le misure per proteggere i civili dai danni”, ha aggiunto.

L’ambasciata degli Stati Uniti in Myanmar domenica ha dichiarato di essere rimasta sconvolta dal “barbaro attacco nello stato di Kayah che ha ucciso almeno 35 civili, tra cui donne e bambini”.

“Continueremo a chiedere la responsabilità degli autori della campagna di violenza in corso contro il popolo birmano”, si legge in una dichiarazione pubblicata sui social media.

tumulto in corso

Il Myanmar è nel caos politico da quando i militari hanno rovesciato il governo eletto del premio Nobel Aung San Suu Kyi a febbraio, accusando di brogli in un’elezione che il suo partito aveva vinto.

Secondo un gruppo di monitoraggio locale, più di 1.300 persone sono state uccise in un giro di vite da parte delle forze di sicurezza.

Gruppi chiamati “Forze di difesa popolare” (PDF) sono sorti in tutto il paese per combattere il governo militare e hanno trascinato le truppe in una sanguinosa situazione di stallo di scontri e rappresaglie.

Sabato, sui social media sono apparse foto che mostravano due camion bruciati e un’auto su un’autostrada nella cittadina di Hpruso, nello stato di Kayah, con i resti carbonizzati dei corpi all’interno.

Un membro di un gruppo PDF locale sabato mattina ha detto che i suoi combattenti avevano trovato i veicoli dopo aver sentito che i militari avevano fermato diversi veicoli a Hpruso dopo gli scontri con i suoi combattenti nelle vicinanze venerdì.

“Quando siamo andati a controllare la zona questa mattina, abbiamo trovato cadaveri bruciati in due camion. Abbiamo trovato 27 cadaveri”, ha detto sabato all’agenzia di stampa AFP a condizione di anonimato.

“Abbiamo trovato 27 teschi”, ha detto un altro testimone che non ha voluto essere nominato e che ha affermato che c’erano altri cadaveri che non potevano essere contati.

Save the Children ha detto più tardi sabato che due membri del suo staff in Myanmar erano stati “coinvolti” nell’incidente e risultavano dispersi.

I due stavano tornando a casa dopo aver svolto attività umanitarie nella regione, ha detto l’ente di beneficenza in una nota, aggiungendo che da allora aveva sospeso il suo lavoro in diverse regioni.

L’esercito del Myanmar in precedenza aveva affermato che le sue truppe erano state attaccate venerdì a Hpruso dopo aver tentato di fermare sette auto che guidavano in “modo sospetto”.

Le truppe hanno ucciso un certo numero di persone nello scontro successivo, ha detto il portavoce Zaw Min Tun all’AFP, senza fornire dettagli.

Il monitor dei Testimoni del Myanmar ha affermato di aver confermato i resoconti dei media locali e le testimonianze dei combattenti locali “che 35 persone, tra cui bambini e donne, sono state bruciate e uccise dai militari il 24 dicembre nella cittadina di Hpruso”.

I dati satellitari hanno anche mostrato che un incendio si era verificato intorno alle 13:00 (06:30 GMT) di venerdì a Hpruso, ha aggiunto.

L’AFP ha affermato di non essere in grado di confermare i rapporti che circondano lo scontro, ma i suoi reporter di verifica digitale hanno affermato che le immagini che pretendono di mostrare l’incidente non erano apparse online prima di venerdì sera.

I gruppi PDF hanno sorpreso l’esercito con la loro efficacia, hanno detto gli analisti, mentre i militari lottano per spezzare la resistenza al suo dominio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here