Nefrectomia parziale

0
17

Per i tumori renali più piccoli, i medici possono raccomandare una nefrectomia parziale. Questo intervento prevede la rimozione solo di una parte del rene. Un approccio robotico può ridurre i tempi di recupero e il rischio di complicanze.

Una nefrectomia parziale è una procedura chirurgica volta a rimuovere una parte del rene preservando quanto più tessuto sano possibile. Si chiama anche chirurgia con risparmio di nefroni.

Questa tecnica è una delle opzioni di trattamento preferite per i tumori renali di piccole e medie dimensioni, il carcinoma a cellule renali e altre condizioni che possono colpire i reni. Offre un’elevata possibilità di cura preservando la migliore funzionalità renale possibile.

I chirurghi possono utilizzare approcci diversi per la nefrectomia parziale, a seconda di diversi fattori.

Questa guida esplora i vari aspetti della nefrectomia parziale, inclusi lo scopo, le tecniche chirurgiche, i benefici, i potenziali effetti collaterali e le prospettive.

Qual è lo scopo di una nefrectomia parziale?

Lo scopo principale di una nefrectomia parziale è rimuovere il tumore o la crescita cancerosa e il tessuto interessato circostante preservando quanto più tessuto renale sano possibile. Ciò aiuta a eliminare il cancro e a ridurre il rischio di recidiva.

Una nefrectomia parziale mira anche a preservare la funzionalità renale. I tuoi reni aiutano a filtrare i prodotti di scarto e a produrre urina, che è vitale per la tua salute generale. Risparmiando quanto più tessuto renale sano possibile, la nefrectomia parziale aiuta a ridurre al minimo il rischio di insufficienza renale o la necessità di dialisi in futuro.

Nefrectomia parziale vs. radicale

La nefrectomia parziale comporta la rimozione del tumore o della parte danneggiata del rene preservando il tessuto sano.

La nefrectomia radicale comporta la rimozione completa del rene interessato e dei tessuti circostanti, compresi i linfonodi. I medici spesso raccomandano questo approccio per tumori più grandi o tumori che si sono diffusi oltre il rene.

I medici in genere scelgono la nefrectomia parziale per tumori più piccoli di 4 centimetri (cm)o circa 1,5 pollici (pollici), di larghezza, ma è possibile utilizzare questa procedura anche per tumori fino a 7 cm (poco meno di 3 pollici) di larghezza.

Sebbene entrambe le procedure presentino vantaggi, la nefrectomia parziale offre il vantaggio di preservare la funzionalità renale. Tuttavia, la scelta tra i due dipenderà dalle dimensioni, dallo stadio e dalla posizione del tumore, nonché dalla salute generale.

È stato utile?

Nefrectomia parziale aperta vs. robotica

Esistono due approcci comuni alla nefrectomia parziale: aperto e robotico.

La nefrectomia parziale aperta è un approccio chirurgico tradizionale che prevede l’esecuzione di incisioni più grandi nell’addome per accedere al rene. Questo metodo consente al chirurgo di vedere e manipolare direttamente il tessuto renale.

Sebbene efficace, la nefrectomia parziale aperta può comportare degenze ospedaliere più lunghe, più dolore postoperatorio e un rischio di sanguinamento più elevato rispetto all’approccio robotico.

Al contrario, la nefrectomia parziale robotica è un tipo di chirurgia laparoscopica. È una procedura minimamente invasiva in cui il chirurgo controlla i bracci robotici per eseguire l’intervento attraverso diverse incisioni più piccole.

Le incisioni più piccole riducono le cicatrici e forniscono un risultato estetico migliore. La nefrectomia parziale robotica offre inoltre una maggiore precisione per il chirurgo, consentendo una migliore conservazione del tessuto renale sano.

È stata effettuata una nefrectomia parziale robotica collegato A:

  • degenze ospedaliere più brevi
  • ridotta perdita di sangue
  • dolore più lieve
  • tempi di recupero ridotti
  • tassi di complicanze più bassi

Cosa succede durante una nefrectomia parziale?

Seguono i medici diversi passaggi per rimuovere in sicurezza il tumore o la crescita cancerosa durante una nefrectomia parziale.

Passaggio 1: anestesia

Un operatore sanitario ti somministrerà l’anestesia per assicurarti di dormire completamente e senza dolore durante l’intervento. Il tuo team medico determinerà il tipo di anestesia più appropriato per te.

Passaggio 2: incisione

A seconda della posizione del tumore, il chirurgo eseguirà un’incisione nell’addome o sul fianco. La dimensione e il posizionamento dell’incisione possono variare a seconda che si abbia una nefrectomia parziale aperta o robotica. Le incisioni per la chirurgia robotica sono generalmente più piccole.

Passaggio 3: accesso al rene

Dopo aver effettuato l’incisione, il chirurgo accederà con attenzione al tuo rene. Una nefrectomia parziale aperta espone il rene direttamente attraverso l’incisione. In una nefrectomia parziale robotica, il chirurgo visualizza il rene con una telecamera che inserisce attraverso una piccola incisione.

Passaggio 4: rimozione del tumore

Il chirurgo identificherà e rimuoverà attentamente il tumore o la crescita cancerosa insieme a un piccolo margine di tessuto sano attorno ad esso. Questo margine è importante per garantire la completa rimozione del cancro mantenendo abbastanza tessuto renale per un corretto funzionamento.

Passaggio 5: chiusura del rene

Dopo aver rimosso il tumore, il chirurgo chiuderà l’incisione nel rene utilizzando suture o altri dispositivi di chiusura. Questo passaggio aiuta a prevenire il sanguinamento postoperatorio e garantisce l’integrità strutturale del rene.

Passaggio 6: chiusura dell’incisione

In una nefrectomia parziale aperta, il chirurgo chiuderà l’incisione nell’addome utilizzando suture o graffette. In una nefrectomia parziale robotica, utilizzeranno suture o strisce adesive specializzate per chiudere le incisioni.

Quali sono gli effetti collaterali della nefrectomia parziale?

Effetti collaterali comunemente riportati della nefrectomia parziale includere:

  • dolore e disagio nell’area chirurgica
  • una diminuzione temporanea della funzionalità renale
  • sanguinamento nel sito chirurgico
  • infezioni
  • raccolta di liquido (sieroma) vicino al sito di incisione
  • reazioni negative all’anestesia o ai farmaci

Questi effetti collaterali sono in genere temporanei. Il tuo team sanitario può fornire assistenza medica adeguata e supporto per aiutarti a gestirli.

Cosa posso aspettarmi durante il recupero dopo una nefrectomia parziale?

Dopo una nefrectomia parziale, puoi aspettarti di rimanere in ospedale per alcuni giorni. Potrebbe essere necessario rimanere fino a 7 giorni mentre il tuo team medico monitora il tuo recupero.

Dolore, affaticamento e limitazioni della mobilità sono comuni dopo l’intervento. Un operatore sanitario ti fornirà farmaci e indicazioni sulla gestione dei sintomi.

Il recupero completo può richiedere diverse settimane o mesi, ma la maggior parte delle persone si riprende entro 6-12 settimane. Saranno necessari appuntamenti di follow-up e test di imaging per monitorare la funzionalità renale e garantire una corretta guarigione.

Come mi preparo per una nefrectomia parziale?

Innanzitutto, potrebbero essere necessari test preoperatori, come scansioni TC ed esami del sangue, per valutare la tua salute generale. Un medico potrebbe dirti di digiunare prima dell’intervento o di apportare modifiche al farmaco.

Puoi anche pianificare il tuo recupero organizzando un supporto a casa, garantendo un ambiente confortevole per il riposo e preparandoti mentalmente per la procedura. Un operatore sanitario fornirà indicazioni specifiche in base alle vostre esigenze.

Qual è la prospettiva per le persone dopo la nefrectomia parziale?

Le prospettive dopo la nefrectomia parziale possono variare in base a diversi fattori, come l’entità dell’intervento e la condizione sottostante da trattare. Tuttavia, sia la nefrectomia parziale aperta che quella robotica hanno mostrato buoni tassi di sopravvivenza a lungo termine per le persone con cancro del rene.

UN Studio del 2013 hanno scoperto che la nefrectomia parziale aperta aveva un tasso di sopravvivenza a 5 anni di circa il 92%, mentre la nefrectomia parziale robotica aveva un tasso di sopravvivenza a 5 anni del 94%. Tuttavia, il follow-up e il monitoraggio continui sono vitali per la funzionalità renale e la salute generale dopo l’intervento chirurgico.

La nefrectomia parziale comporta la rimozione solo della parte interessata del rene e di parte del tessuto circostante. È il trattamento standard per i tumori di larghezza inferiore a 4 cm, ma i medici a volte lo usano per tumori larghi fino a 7 cm.

I chirurghi possono scegliere tra chirurgia aperta e robotica. La chirurgia a cielo aperto può essere più invasiva e richiedere tempi di recupero più lunghi, ma in alcuni casi potrebbe essere la scelta migliore. La chirurgia robotica offre i vantaggi di meno cicatrici e di un ritorno più rapido alle attività regolari.

Parla con un operatore sanitario se hai dubbi o domande sulla nefrectomia parziale. Possono aiutarti a determinare la migliore opzione di trattamento per te.