Home Notizia Mondo Miti medici: miti e fatti di IBS

Miti medici: miti e fatti di IBS

0
10

Design di Andrew Nguyen.

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è un disturbo gastrointestinale cronico che colpisce circa l’11% degli adulti in tutto il mondo.

I sintomi includono:

  • dolore addominale
  • gas in eccesso
  • gonfiore
  • bisogno improvviso e urgente di usare il bagno
  • cambiare le abitudini intestinali.

Sebbene sia relativamente comune, l’IBS è spesso frainteso. Per aiutarci a sfatare alcuni miti diffusi su questa condizione, abbiamo parlato con il dottor Ashkan Farhadi, un gastroenterologo presso il MemorialCare Orange Coast Medical Center di Fountain Valley, in California, e il dottor Mollie J. Jackson, un gastroenterologo presso l’Università del Kansas Health System. .

1. Sappiamo quali sono le cause dell’IBS

ha detto il dottor Farhadi Notizie mediche oggi che sebbene la ricerca stia scoprendo di più sull’IBS, non sappiamo ancora cosa lo causi.

Sebbene alcuni alimenti come latticini o cibi piccanti possano scatenare sintomi, non causano la condizione.

Ha notato, tuttavia, che l’IBS post-infettiva può essere causata da batteri come Campylobacter jejuni.

2. Lo stress provoca IBS

Negli ultimi anni, ricerca ha suggerito che i livelli di stress mentale influenzano la composizione dei batteri intestinali e svolgono un ruolo chiave nell’IBS attraverso l’asse intestino-cervello.

Il dottor Farhadi afferma, tuttavia, che le persone con e senza IBS generalmente affrontano quantità simili di stress, il che significa che potrebbe essere il modo in cui le persone gestiscono lo stress, piuttosto che lo stress da solo, che influenza se possono manifestare o meno sintomi di IBS.

“Nel mio libro su IBS, [I wrote about a study showing] che quando una persona è stressata, il numero di mastociti nell’intestino aumenta. Quindi lo stress non aumenta solo il rilascio di ormoni e mediatori nell’intestino; cambia anche l’anatomia dell’intestino in un modo che lo rende più sensibile allo stress”, ha spiegato.

“Ciò significa che anche se esci da quel periodo stressante, il tuo intestino non è lo stesso che avevi prima. I sintomi di IBS innescati dallo stress possono quindi persistere anche se lo stress è scomparso. E questo è molto comune nei pazienti con IBS”, ha aggiunto.

Ha menzionato anche il dottor Farhadi uno studio ha condotto che ha scoperto che la percezione soggettiva del benessere è legata a un minor numero di sintomi di IBS.

Ricerca precedente ha anche suggerito che i fattori psicologici, sociali e genetici possono tutti svolgere un ruolo nello sviluppo dei sintomi dell’IBS.

3. I medici diagnosticano l’IBS solo tramite “fancy test”

“L’IBS può essere diagnosticata senza test di fantasia”, ci ha detto il dottor Farhadi. “Con i giusti criteri clinici, i medici possono diagnosticare l’IBS con una precisione del 97% in 5 anni. Nessun altro test in campo medico ha questo tipo di accuratezza”.

“La diagnosi di IBS si basa sui criteri di Roma IV: i pazienti con IBS dovrebbero riferire sintomi di dolore addominale almeno una volta alla settimana — in media — in associazione con un cambiamento nella frequenza delle feci, un cambiamento nella forma delle feci e/o sollievo o peggioramento dolore addominale correlato alla defecazione”, ha spiegato il dottor Jackson.

“Esistono sottotipi di IBS e potresti avere prevalentemente diarrea, stitichezza o un pattern misto. I pazienti spesso sperimentano anche gonfiore, ma il suo sintomo non è necessario per fare la diagnosi”, ha aggiunto.

Altro in Miti medici
Mostra tutto

Miti medici: fatti sull’endometriosi contro finzione

Miti medici: Tutto sull’ictus

Miti medici: tutto sulla BPCO

4. L’IBS è curabile

Esistono diversi modi di trattare l’IBS, inclusa una combinazione di farmaci da prescrizione e cambiamenti dello stile di vita adattati alla situazione individuale di ogni persona.

“Posso assicurarvi che nella stragrande maggioranza dei casi, la gestione è molto semplice ed economica: fibre, probiotici, rassicurazione ed esercizio”, ha affermato il dottor Farhadi.

Quando si tratta di farmaci, secondo il dottor Farhadi, può essere un’esperienza “per tentativi ed errori”. Tuttavia, può aiutare ad alleviare i sintomi causati dall’IBS, insieme ad altri interventi.

“In definitiva, non esiste una cura per l’IBS”, ha osservato il dottor Farhadi, e talvolta i farmaci possono “solo [work] come un cerotto per alleviare i sintomi. Devo ripetere le prescrizioni per farmaci come la gestione della proliferazione batterica con antibiotici. In definitiva, non esiste una cura per l’IBS”.

5. L’IBS è raro, non influisce sulla qualità della vita

“L’IBS è spesso un disturbo cronico, debilitante e comune dell’interazione intestino-cervello”, ha affermato il dottor Jackson.

La sua “prevalenza in Nord America è del 10-15% ed è associata a un aumento dei costi sanitari”, ha sottolineato, aggiungendo che “[I]Può influire in modo significativo sulla qualità della vita dei pazienti”.

“Uno studio ha evidenziato l’impatto negativo dell’IBS con i pazienti che hanno riferito che avrebbero rinunciato a 10-15 anni della loro aspettativa di vita per una cura istantanea per la loro condizione”.

6. Tutti i tipi di esercizi aiutano IBS

Mentre il dottor Farhadi ha convenuto che alcuni tipi di esercizi aiutano l’IBS, ha affermato che non tutti gli esercizi sono uguali.

“L’esercizio agonistico non allevia lo stress, produce stress. Lo stesso vale per il sollevamento pesi in palestra se devi prestare molta attenzione al tipo di peso che stai sollevando, come stai tirando questo muscolo e come stai spingendo quel muscolo “, ha osservato .

Ha anche detto che molti corridori hanno quella che è nota come “corsa del corridore” o diarrea dopo aver corso per lunghi periodi. Pertanto, ha avvertito, è molto probabile che lunghi periodi di corsa possano causare un peggioramento dei sintomi dell’IBS.

7. La meditazione aiuta

Mentre alcuni studi suggeriscono che la meditazione può aiutare ad alleviare i sintomi dell’IBS, la ricerca è in corso.

“Stiamo continuando a capire l’asse cervello-intestino-microbioma e come svolge un ruolo nell’IBS”, ha affermato il dottor Jackson. “Le psicoterapie dirette all’intestino hanno dimostrato di essere utili nel migliorare i sintomi dell’IBS”.

“La meditazione e la consapevolezza hanno dimostrato di aiutare a stimolare i cambiamenti nel cervello e il modo in cui elaboriamo pensieri, sensazioni e risposte emotive, e questo può influenzare positivamente il modo in cui percepiamo e interpretiamo i segnali dall’intestino, migliorando così i sintomi dell’IBS”, ha aggiunto.

Detto questo, diversi tipi di meditazione possono funzionare in modo diverso per persone diverse. Anche se potrebbe non funzionare per tutti, il dottor Farhadi consiglia la “meditazione senza mente”, che include camminare per 30 minuti al giorno sullo stesso percorso fino a quando non diventa così noioso che si smette di prestare attenzione a ciò che lo circonda.

“Questa è una passeggiata meditativa: meditate e camminate insieme. È un sollievo dallo stress riavviare il sistema. Ma ha bisogno di molta pratica. Dopo 1 anno, potresti entrare in quella zona per 1 minuto dei 15 che stai cercando di fare”, ha detto.

8. Eliminare il lattosio aiuta

Un recente revisione ha scoperto che, sebbene molti pazienti con IBS riferiscano intolleranza al latte, non esiste un legame conclusivo tra IBS e intolleranza al lattosio.

Come intorno due terzi della popolazione mondiale è intollerante al lattosio, è ragionevolmente probabile che qualcuno sia intollerante al lattosio e abbia l’IBS. Ciò significa che eliminare i latticini può aiutare ad alleviare i sintomi gastrointestinali.

“Molti pazienti con IBS associano i loro sintomi al mangiare e cercano di alleviare i loro sintomi evitando determinati cibi”, ha affermato il dottor Jackson. “Una dieta di eliminazione comporta la rimozione di più alimenti dalla dieta quotidiana e la loro reintroduzione lentamente per aiutare a identificare gli alimenti scatenanti”.

“La dieta più studiata per l’IBS è la dieta a basso contenuto di FODMAP. Gli alimenti FODMAP possono portare a un aumento del gas e della distensione e l’innesco di sintomi correlati ai pasti nei pazienti con IBS. I latticini sono un alimento ricco di FODMAP e per alcuni/molti possono essere un fattore scatenante dietetico, ma questo non è universalmente vero”, ha spiegato.

“Le scelte alimentari possono essere travolgenti e, se disponibile, un dietologo gastrointestinale può aiutarti a guidarti in questo processo”, ha aggiunto.

9. I trattamenti naturali funzionano per IBS

Rimedi naturali come olio di menta piperita e il cardamomo ha mostrato alcune promesse nell’alleviare i sintomi dell’IBS e delle ulcere gastriche. Tuttavia, la ricerca sui rimedi naturali è limitata, quindi potrebbero non essere universalmente utili.

“I semi di cardamomo nero e la menta verde sono rilassanti muscolari per l’intestino e quindi potrebbero ridurre i sintomi”, ha affermato il dottor Farhadi.

“Le persone possono provare questi rimedi naturali e altri purché non siano sostanze chimiche davvero forti. Molti rimedi erboristici esistono da migliaia di anni e le persone li usano senza problemi”, ha aggiunto.

Tuttavia, si consiglia sempre di consultare un medico prima di intraprendere qualsiasi nuova linea di trattamento.

10. Il digiuno allevia l’IBS

“Immagina di avere un motore e il motore ha un problema. Ora lo spegni. Oppure, ovviamente, potresti non avere problemi finché è spento, ma per quanto tempo puoi tenerlo spento? disse il dottor Farhadi.

“Quindi, se riduci il numero di volte che mangi da forse tre a due volte al giorno, puoi ridurre il numero di sintomi che si verificano al giorno. Può aiutare, ma non è necessariamente la strada da percorrere”, ha spiegato.

“Il digiuno, tuttavia, fa bene ad altre cose, come la perdita di peso e la memoria”, ha aggiunto.

11. La fibra aiuta l’IBS

Se un paziente ha costipazione cronica, il dottor Farhadi ha detto che la fibra potrebbe aiutare. Tuttavia, se esagerata, la fibra può causare gonfiore a causa del gas in eccesso nell’intestino.

Per evitare ciò, il dottor Farhadi ha raccomandato di consumare la fibra tramite un pizzico di fibra solubile in acqua psyllium – un prebiotico – su un cucchiaio di yogurt greco, che è un probiotico.

12. Esiste una dieta IBS

“Non esiste una dieta specifica per l’IBS”, ha detto il dottor Farhadi.

“Le diete non sono solo individualizzate; sono dinamici. Una persona potrebbe essere in grado di bere il caffè quando è in vacanza, ma ha problemi durante le finali. Poiché non esiste una dieta specifica per individui diversi, non esiste una dieta specifica per individui in ogni momento”, ha consigliato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here