Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Malattie delle valvole cardiache e diabete: cosa devi sapere

Malattie delle valvole cardiache e diabete: cosa devi sapere

0
50

Il diabete può essere un fattore di rischio per altre condizioni di salute come malattie cardiache e renali. Una gestione efficace del diabete è un modo per ridurre il rischio personale e aiutare a mantenere una buona salute generale.

La malattia della valvola cardiaca, che può influenzare il flusso sanguigno al cuore, può verificarsi più comunemente nelle persone con diabete. La condizione può anche progredire più velocemente ed essere più grave in coloro che hanno il diabete.

Il motivo esatto della connessione è ancora allo studio, ma i ricercatori stanno esplorando alcuni meccanismi comuni tra diabete e danni alle valvole cardiache.

Se soffri di diabete, collaborare con il tuo medico può essere un ottimo modo per sostenere la salute del tuo cuore e ridurre il rischio di altre gravi condizioni di salute.

Qual è il legame tra diabete e malattie cardiache?

Le persone con diabete lo sono due volte più probabile avere malattie cardiache come quelli senza diabete. Hanno anche, in media, maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiache in giovane età.

Le malattie cardiache sono un gruppo di condizioni che influenzano la salute del cuore. La malattia coronarica è una delle condizioni più comuni nelle persone con o senza diabete. È quando la placca si accumula nelle arterie che forniscono sangue al cuore. I percorsi si restringono, portando all’aterosclerosi o all’indurimento delle arterie.

Le persone con diabete hanno spesso fattori di rischio per le malattie cardiache, tra cui:

  • danni ai vasi sanguigni e ai nervi del cuore da glicemia alta
  • alta pressione sanguigna che costringe il sangue attraverso le arterie
  • alti livelli di colesterolo LDL (“cattivo”) che forma la placca nelle arterie
  • alti trigliceridi, un tipo di grasso e basso colesterolo HDL (“buono”).

Il diabete può anche influenzare la salute della valvola cardiaca, in particolare contribuendo alla malattia della valvola cardiaca.

Cos’è la malattia delle valvole cardiache?

Le valvole del cuore regolano il flusso sanguigno da e verso il cuore e anche al suo interno.

Quando una di queste valvole è danneggiata, è una forma di malattia delle valvole cardiache. Le valvole potrebbero non aprirsi o chiudersi completamente durante un battito cardiaco o potrebbero perdere. L’apertura di una valvola può essere stretta o rigida, quindi non può aprirsi completamente. Questa è una condizione chiamata stenosi.

La malattia della valvola cardiaca è più comune nella valvola aortica, sebbene possa verificarsi in qualsiasi valvola del cuore. L’ipertensione e l’aterosclerosi sono due fattori di rischio per la malattia della valvola cardiaca.

In che modo il diabete può influire sulla salute delle valvole cardiache

I ricercatori stanno ancora esaminando attivamente un possibile collegamento tra diabete e malattie delle valvole cardiache. C’è un crescente corpo di prove che le due condizioni sono collegate.

In particolare, il diabete può predire la stenosi della valvola aortica e questa stenosi può essere più grave nelle persone con diabete.

Un documento del 2019 ha citato una ricerca che ha rilevato che la prevalenza del diabete era più alta tra quelli con stenosi aortica rispetto alla popolazione generale. Lo stesso documento ha anche rilevato la ricerca secondo cui il diabete crea e peggiora i fattori pro-infiammatori che colpiscono anche la valvola aortica.

Uno studio pubblicato nel 2022 ha rilevato che il diabete era associato a una rapida progressione della stenosi aortica. La ricerca si è basata su un’analisi di 276 persone con stenosi aortica tra il 2016 e il 2021.

Potrebbe esserci anche una connessione tra il diabete e la degenerazione della valvola cardiaca aortica. Uno studio del 2018 ha rilevato che c’è un aumento di una certa proteina quando le valvole aortiche degenerano. Nel deterioramento della valvola in fase avanzata, il diabete aumenta la quantità di questa proteina.

Rischio di altre condizioni

Vivere con il diabete e le malattie cardiache può anche aumentare il rischio di altre condizioni, come la malattia renale cronica. Secondo il National Institutes of Health, 1 adulto su 3 con diabete ha una malattia renale.

Alcune delle stesse cause che portano ad un aumento del rischio di malattie delle valvole cardiache aumentano anche il rischio di malattie renali.

In particolare, la glicemia alta può danneggiare i vasi sanguigni non solo nel cuore ma anche nei reni. L’ipertensione può mettere a dura prova questi vasi sanguigni indeboliti dalla forza aggiuntiva mentre il sangue si muove attraverso.

Le persone con diabete possono anche portare a rischio maggiore di ictus a causa dei fattori di rischio per le malattie cardiache.

Parlare con il medico di malattie cardiache

Se vivi con il diabete, ci sono molti modi per gestire il rischio di malattie cardiache. Lavorando con il tuo medico, puoi sviluppare un piano per sostenere la tua salute generale e gestire il tuo diabete.

Potresti parlare con il tuo medico dello screening per il rischio di malattie cardiache. Il medico può consigliare:

  • monitorare la pressione sanguigna e il colesterolo
  • testare la salute del tuo cuore attraverso uno stress test sul tapis roulant, un ecocardiogramma o un elettrocardiogramma
  • adottare una dieta equilibrata
  • esercizio
  • riducendo lo stress
  • assunzione di farmaci

Vivere con una condizione di salute come il diabete a volte può sembrare opprimente. Fortunatamente, puoi spesso adottare misure per ridurre il rischio di altre condizioni.

I ricercatori stanno lavorando per scoprire il legame tra malattia della valvola cardiaca e diabete. I danni alle valvole cardiache possono influenzare il flusso sanguigno al cuore, una progressione che può verificarsi più rapidamente nelle persone con diabete.

Se vivi con il diabete, il tuo medico può aiutarti a creare un piano per il monitoraggio delle malattie cardiache, un’alimentazione equilibrata e l’esercizio fisico che possono aiutare a ridurre il rischio.