L'inviato delle Nazioni Unite spera, ma non può prevedere, una rapida riapertura dei porti petroliferi della Libia

0
73

BERLINO – Sabato l'inviato delle Nazioni Unite in Libia ha dichiarato di sperare, ma "non è stato in grado di prevedere" se i porti petroliferi orientali chiusi prima di un vertice di Berlino in attesa di raggiungere una tregua in Libia sarebbero presto riaperti.

FOTO FILE: l'inviato U.N. per la Libia, Ghassan Salame, interviene durante una conferenza stampa a Tripoli, in Libia, il 6 aprile 2019. REUTERS / Hani Amara / File Photo

Ghassan Salame ha detto che il vertice di Berlino previsto per domenica probabilmente discuterà delle chiusure per evitare che si trascinino per settimane o mesi come i precedenti sequestri di strutture.

"Se la cosa non viene risolta tra oggi e domani, mi aspetto che il problema venga sollevato, sì", ha detto Salame a Reuters a Berlino, dove Germania e Nazioni Unite dovrebbero spingere per una tregua estesa.

I terminal delle esportazioni di petrolio attraverso la Libia orientale e centrale sono stati chiusi venerdì dai membri della tribù alleati del comandante Khalifa Haftar, il cui esercito nazionale libico (LNA) con sede a est è stato bloccato in una guerra di nove mesi con le forze governative sul controllo della capitale, Tripoli .

I diplomatici vedono le chiusure come un gioco di potere dell'LNA volto a soffocare le entrate petrolifere al governo di Tripoli riconosciuto a livello internazionale.

La National Oil Corp (NOC) ha dichiarato sabato la forza maggiore sulle esportazioni di petrolio dai porti orientali di Brega, Ras Lanuf, Hariga, Zueitina ed Es Sider, affermando che la chiusura comporterebbe la perdita di 800.000 barili (bpd) al giorno di produzione di petrolio .

La produzione in Libia, che è stata gettata nel caos con il rovesciamento del leader di lunga data Muammar Gheddafi nel 2011, è stata stimata a 1,3 milioni di barili la settimana scorsa.

Salame ha detto che spera che Haftar sia disposto a prendere in considerazione l'estensione di una tregua che si è tenuta in gran parte per una settimana nonostante le due parti non abbiano firmato un accordo ai colloqui a Mosca mediati da Russia e Turchia lunedì.

Si prevede che Haftar parteciperà al vertice di fronte al primo ministro con base a Tripoli, Fayez al-Serraj.

La guerra su Tripoli è sostenuta da potenze straniere con l'LNA sostenuta dagli Emirati Arabi Uniti, dall'Egitto e più recentemente dai mercenari russi, e dalla Turchia che invia truppe e combattenti dalla guerra civile siriana per aiutare Al-Serraj.

"Posso confermare l'arrivo dei combattenti dalla Siria", ha detto Salame, facendo stime tra 1.000 e 2.000.

Ci sono state una serie di conferenze e negoziati falliti per stabilizzare la Libia.

Salame ha affermato di aver avviato il processo di un nuovo dialogo intra-libico tra i parlamenti rivali a Tripoli e ad est, un approccio fallito dal 2017.

"Ciò che è diverso ora è che abbiamo la guerra … nel 2017 non c'è stata alcuna pressione, ma ora ci sono migliaia di persone che sono state uccise", ha detto.