spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoL’inseminazione delle nuvole ha causato le inondazioni a Dubai? Perché gli...

    L’inseminazione delle nuvole ha causato le inondazioni a Dubai? Perché gli esperti dicono di no

    -

    Il caos ha travolto gli Emirati Arabi Uniti dopo che la sua città più grande, Dubai, è stata inondata d’acqua a seguito di precipitazioni record.

    Martedì gli Emirati Arabi Uniti (EAU) sono stati inondati d’acqua dopo che i temporali hanno scaricato più di un anno e mezzo di pioggia in poche ore, allagando le strade e l’aeroporto internazionale con sede nella metropoli di Dubai.

    Anche il vicino Oman è stato testimone di forti piogge e inondazioni che hanno ucciso almeno 20 persone.

    Sui social media erano diffuse speculazioni che collegavano il cloud seeding, che comporta la manipolazione delle nuvole esistenti per indurre la pioggia, a precipitazioni senza precedenti. Ma gli esperti sostengono che le precipitazioni record siano state probabilmente causate dal cambiamento climatico.

    Ecco cosa sappiamo sulle ragioni dietro le precipitazioni record e le conseguenti inondazioni negli Emirati Arabi Uniti e in Oman.

    Cosa è successo negli Emirati Arabi Uniti e in Oman?

    La tempesta aveva inizialmente colpito l’Oman domenica prima di colpire gli Emirati Arabi Uniti martedì, interrompendo l’elettricità e causando interruzioni dei voli. Il diluvio ha inondato le case, causato il caos del traffico e intrappolato le persone nelle loro case a Dubai.

    Gli Emirati Arabi Uniti hanno assistito alle piogge più abbondanti mai registrate, hanno affermato le autorità.

    L’agenzia di stampa statale WAM lo ha definito “un evento meteorologico storico” che ha superato “qualsiasi cosa documentata dall’inizio della raccolta dei dati nel 1949”. Questo prima che il petrolio greggio fosse scoperto nel paese del Golfo, ricco di energia.

    Alla fine di martedì, più di 142 mm (5,59 pollici) avevano inzuppato Dubai, dove vivono più di tre milioni di persone. Quasi 127 mm (5 pollici) di pioggia sono caduti all’aeroporto internazionale di Dubai, dove circa 76 mm (3 pollici) di pioggia sono normali in un anno intero.

    Secondo le autorità in Oman sono caduti circa 230 mm di pioggia tra domenica e mercoledì. La piovosità media nella capitale, Muscat, è di circa 100 mm (4 pollici) all’anno. Anche Bahrein, Qatar e Arabia Saudita sono stati testimoni di piogge.

    Una vista mostra la città durante una tempesta di pioggia a Dubai
    Una vista mostra la città durante una tempesta di pioggia a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti [Rula Rouhana/Reuters]

    Cosa ha alimentato la speculazione che attribuiva la causa delle piogge a Dubai all’inseminazione delle nuvole?

    I rapporti hanno citato meteorologi del Centro nazionale di meteorologia (NCM) degli Emirati Arabi Uniti secondo cui Dubai ha effettuato sei o sette voli per seminare le nuvole prima dell’inizio delle piogge. I dati di tracciamento dei voli analizzati dall’agenzia di stampa Associated Press hanno mostrato anche che un aereo affiliato agli sforzi di inseminazione delle nuvole degli Emirati Arabi Uniti ha volato in giro per il paese lunedì.

    L’inseminazione delle nuvole, iniziata negli anni ’90, ha fatto parte degli sforzi del paese per risolvere la carenza d’acqua.

    Secondo i rapporti, mercoledì l’NCM ha affermato che la semina è avvenuta domenica e lunedì e non martedì.

    Omar Al Yazeedi, vicedirettore generale dell’NCM, ha dichiarato all’agenzia di stampa NBC che l’organizzazione “non ha condotto alcuna operazione di seeding durante questo evento”.

    “Uno dei principi di base del cloud seeding è che bisogna colpire le nuvole nella loro fase iniziale prima che piova, se si verifica una situazione di forte temporale allora è troppo tardi per condurre qualsiasi operazione di seeding”, ha aggiunto.

    Le piogge sono rare negli Emirati Arabi Uniti e in altre parti della penisola arabica, tipicamente nota per il suo clima secco e desertico. Le temperature estive dell’aria possono superare i 50 gradi Celsius (122 gradi Fahrenheit).

    Anche gli Emirati Arabi Uniti e l’Oman non dispongono di sistemi di drenaggio per far fronte alle forti piogge e le strade sommerse non sono rare durante le piogge.

    I cambiamenti climatici hanno causato le piogge torrenziali?

    Esperti e funzionari hanno sfatato le ipotesi secondo cui l’inseminazione delle nuvole avrebbe causato le piogge.

    “Se ciò accadesse con l’inseminazione delle nuvole, avrebbero acqua tutto il tempo. Non è possibile creare pioggia dal nulla di per sé e ottenere 6 pollici [152.4mm] di acqua”, ha affermato Ryan Maue, ex capo scienziato presso la National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti.

    Il diluvio è stato probabilmente dovuto a un normale sistema meteorologico aggravato dai cambiamenti climatici, dicono gli esperti.

    Il riscaldamento globale ha prodotto acqua “straordinariamente” calda nei mari intorno a Dubai, dove c’è anche aria molto calda in alto, ha affermato Mark Howden, direttore dell’Istituto per il clima, l’energia e le soluzioni ai disastri dell’Università nazionale australiana.

    “Ciò aumenta sia il potenziale tasso di evaporazione sia la capacità dell’atmosfera di trattenere l’acqua, consentendo scarichi più grandi di precipitazioni come quello che abbiamo appena visto a Dubai”.

    Secondo i rapporti, gli intensi acquazzoni sono stati il ​​risultato di una lenta tempesta che si è spostata attraverso la penisola arabica e nel Golfo di Oman per diversi giorni. Questa tempesta ha trasportato abbondante umidità tropicale vicino all’equatore e l’ha rilasciata pesantemente sulla regione.

    La tempesta è apparsa anche nei modelli di previsione con giorni di anticipo.

    Enormi tempeste tropicali come questa “non sono eventi rari per il Medio Oriente”, ha affermato Suzanne Gray, professoressa di meteorologia dell’Università di Reading. Ha citato un recente studio che analizza quasi 100 eventi di questo tipo nella penisola arabica meridionale dal 2000 al 2020, la maggior parte dei quali si è verificato a marzo e aprile, inclusa una tempesta del marzo 2016 che è caduta di 9,4 pollici (quasi 240 mm) su Dubai in poche ore.

    Gli scienziati del clima affermano che l’aumento delle temperature globali, causato dai cambiamenti climatici guidati dall’uomo, sta portando a eventi meteorologici più estremi in tutto il mondo, comprese precipitazioni intense.

    “Le precipitazioni dovute ai temporali, come quelli visti negli Emirati Arabi Uniti negli ultimi giorni, vedono un aumento particolarmente forte con il riscaldamento. Questo perché la convezione, che è la forte corrente ascensionale nei temporali, si rafforza in un mondo più caldo”, ha affermato Dim Coumou, professore di clima estremi alla Vrije Universiteit Amsterdam.

    Cos’è il cloud seeding?

    La semina delle nuvole è un tipo di processo di modificazione meteorologica che normalmente cerca di aumentare la pioggia o la neve.

    Le goccioline delle nuvole non si formano spontaneamente. Perché l’umidità possa condensarsi, ha bisogno di una superficie a cui aggrapparsi. All’interno di una nuvola, ci sono minuscole particelle nell’aria chiamate nuclei di condensazione, che forniscono una base a cui l’umidità può attaccarsi.

    L’inseminazione delle nuvole utilizza aerei e cannoni terrestri per sparare particelle nelle nuvole creando più nuclei e attirando l’umidità. Una volta che un numero sufficiente di goccioline si uniscono, diventano pesanti e cadono sulla Terra sotto forma di pioggia o neve.

    Piccole particelle come polvere e sporco spesso svolgono un ruolo chiave nella formazione di nuvole e precipitazioni fornendo superfici su cui l’umidità può condensare. Lo ioduro d’argento può potenzialmente svolgere la stessa funzione. Per scopi simili possono essere utilizzate anche altre sostanze, come il ghiaccio secco.

    Il metodo, introdotto negli anni ’40, non può creare acqua da un cielo limpido: le particelle devono essere sparate in una nuvola che trattiene già l’umidità per farla cadere, o per farla cadere più di quanto farebbe naturalmente.

    INTERACTIVE_CLOUD_SEEDING_RAIN_STORMS_APRIL18_2024-1713436757-modificato

    Il cloud seeding è ancora controverso nella comunità meteorologica, soprattutto perché è stato difficile dimostrare che faccia molto, e non è chiaro anche l’impatto negativo che potrebbe avere.

    I governi delle regioni colpite dalla siccità come gli Stati Uniti occidentali e gli Emirati Arabi Uniti hanno investito in tecnologie come la semina nella speranza di generare pioggia.

    Circa 50 paesi tra cui Stati Uniti, Cina, Australia, Emirati Arabi Uniti, Germania, India, Malesia, Russia e Messico utilizzano il cloud seeding.

    L’anno scorso il Bureau of Reclamation degli Stati Uniti ha speso 2,4 milioni di dollari per l’inseminazione delle nuvole lungo il fiume Colorado, troppo sfruttato. Lo Utah ha recentemente aumentato di dieci volte il budget per la semina.

    La Cina utilizza spesso la semina per l’irrigazione. Lo ha utilizzato anche durante le Olimpiadi di Pechino del 2008 con l’obiettivo di mantenere il cielo limpido.

    Le auto attraversano l'acqua in una strada allagata a seguito delle forti piogge a Dubai,
    Auto attraversano l’acqua in una strada allagata a seguito di forti piogge a Dubai, Emirati Arabi Uniti, 16 aprile 2024 [Amr Alfiky/Reuters]

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts