L'India approva i fondi per l'indagine sulla popolazione in mezzo alle proteste sulla legge sulla cittadinanza

0
55

NUOVA DELHI – Il governo federale indiano ha approvato martedì i fondi per un censimento e un'indagine sulla popolazione da condurre il prossimo anno, nel timore che il database possa essere utilizzato per costruire un controverso registro dei cittadini, contro il quale ci sono state proteste diffuse.

Centinaia di migliaia di indiani sono scesi in strada per protestare contro una nuova legge sulla cittadinanza emanata dal governo nazionalista indù del Primo Ministro Narendra Modi che fornisce alle minoranze non musulmane provenienti da Afghanistan, Bangladesh e Pakistan che prima del 2015 si sono trasferite qui verso la cittadinanza indiana.

Alcune di queste proteste hanno portato a scontri tra polizia e manifestanti in cui sono state uccise almeno 21 persone.

Molti indiani affermano che la legge discrimina i musulmani e viola la costituzione secolare dell'India facendo della religione un test per la cittadinanza. Dicono che la legge e un proposto registro nazionale dei cittadini potrebbero essere usati contro la minoranza musulmana.

Il governo ha approvato 87,54 miliardi di rupie (1,23 miliardi di dollari) per lo svolgimento del censimento e 39,41 miliardi di rupie per l'aggiornamento del National Population Register (NPR), ha detto ai giornalisti il ​​ministro delle informazioni e della radiodiffusione Prakash Javadekar.

Il censimento raccoglie dati su popolazione, attività economica, aspetti sociali e culturali, migrazione e demografia, fino al livello amministrativo più basso.

L'NPR ha lo scopo di creare un database completo di identità di tutti i residenti in India.

Il censimento e l'indagine sulla popolazione inizieranno da aprile del prossimo anno.

Javadekar ha affermato che l'esercizio del censimento non ha alcuna relazione con il registro nazionale dei cittadini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here