Home Notizia Mondo L’impegno sociale può migliorare la cognizione nella pre-demenza

L’impegno sociale può migliorare la cognizione nella pre-demenza

0
38

Una nuova ricerca suggerisce che una vita sociale attiva può migliorare la cognizione di coloro che vivono con un lieve deterioramento cognitivo. Thomas Barwick/Getty Images
  • I ricercatori hanno studiato gli effetti dell’impegno sociale e di vari fattori dello stile di vita sull’insorgenza della demenza e sul miglioramento cognitivo dopo una diagnosi di lieve deterioramento cognitivo.
  • Hanno scoperto che sia i fattori dello stile di vita che l’impegno sociale predicono le capacità cognitive tipiche.
  • Hanno anche scoperto che l’impegno sociale da solo predice il miglioramento cognitivo 5 anni dopo la diagnosi di decadimento cognitivo lieve (MCI).
  • Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere i meccanismi alla base dei risultati.

La ricerca mostra che solitudine e isolamento prevedere declino cognitivo e l’insorgenza della demenza, mentre l’impegno sociale protegge dall’insorgenza della demenza.

Altri studi mostrano che i fattori dello stile di vita come l’aumento dell’attività fisica, uno stile di vita cognitivamente attivo e una sana dieta mediterranea possono anche ridurre il rischio di declino cognitivo.

Mentre la ricerca ha dimostrato che i fattori sociali e di stile di vita possono aiutare a ritardare il declino cognitivo, pochi studi hanno valutato i loro effetti relativi e il modo in cui cambiano nel tempo.

Recentemente, i ricercatori hanno esaminato come vari fattori sociali e di stile di vita abbiano influenzato le capacità cognitive in un periodo di 5 anni.

Hanno scoperto che tra tutti i fattori sociali e di stile di vita valutati, l’impegno sociale era l’unico predittore significativo di essere cognitivamente tipico entro la fine del periodo di studio.

“Il cervello è un organo straordinario ed è responsabile di tutto ciò che pensiamo, sentiamo e facciamo”, ha affermato la dott.ssa Susan Kohlhaas, direttrice della ricerca presso l’Alzheimer’s Research UK, “Eppure le malattie che causano la demenza mettono a repentaglio tutto questo”.

“In questo lavoro, i ricercatori hanno studiato come il livello di coinvolgimento nelle attività sociali sia legato alla memoria precoce e ai problemi di pensiero in una condizione nota come MCI, che è spesso un precursore della demenza. I ricercatori hanno scoperto che quelli con MCI che sono più socialmente connessi hanno maggiori probabilità di migliorare la salute del cervello anni dopo”, ha aggiunto.

La ricerca è stata presentata alla conferenza dell’Alzheimer’s Research UK a Brighton all’inizio di questo mese.

Analisi dei dati

Per lo studio, i ricercatori hanno utilizzato la seconda e la terza ondata di dati del National Social Life, Health, and Aging Project (NSHAP), raccolti rispettivamente nel 2010–2011 e nel 2015–2016.

I partecipanti includevano 2.192 americani di mezza età e anziani. L’abilità cognitiva è stata valutata tramite il Montreal Cognitive Assessment (MoCA), uno strumento di screening che differenzia i cambiamenti cognitivi dall’invecchiamento normale, dall’MCI e dalla demenza precoce.

L’impegno sociale è stato chiesto tramite questionario e includeva elementi come la frequenza del lavoro di volontariato, la partecipazione a riunioni e gruppi organizzati e la socializzazione con amici e parenti.

Anche i fattori dello stile di vita sono stati valutati tramite un’indagine e includevano lo stato di fumo e la storia, il consumo di alcol e la partecipazione a un’attività fisica vigorosa.

I ricercatori hanno utilizzato fattori demografici tra cui età, sesso e reddito familiare come variabili di controllo.

Esaminando i dati dal 2015 al 2016 in isolamento, i ricercatori hanno scoperto che l’impegno sociale, essere un fumatore passato ma non attuale, e bere alcolici era significativamente correlato alle abilità cognitive tipiche.

I ricercatori hanno inoltre scoperto che le persone con MCI nella seconda ondata che avevano un maggiore coinvolgimento sociale avevano maggiori probabilità di essere cognitivamente tipiche della terza ondata rispetto a quelle che avevano un minore coinvolgimento sociale.

Hanno aggiunto che nessuno dei fattori dello stile di vita è stato collegato a risultati significativi.

Usalo o perdilo

Per quanto riguarda le cause del deterioramento cognitivo, il dott. Kohlhaas ha affermato: “Un declino nella memoria e nel pensiero è causato da un complesso mix di fattori legati all’età, alla genetica e allo stile di vita. Sappiamo che restare in contatto è un pilastro della buona salute del cervello e che la mezza età viene sempre più identificata come un momento chiave nella vita delle persone in cui possiamo agire”.

Per spiegare il legame tra miglioramento cognitivo e impegno sociale, la dott.ssa Maryam Afzal, Ph.D., ricercatrice associata all’Università di Bristol, non coinvolta nello studio, ha detto Notizie mediche oggi:

“Dovere utilizzare complessi percorsi neuronali per mantenere attive le interazioni sociali – ricordare nomi ed eventi legati a ogni persona con cui si interagisce potrebbe esercitare il cervello. Devi usarlo o perderlo!”

I ricercatori hanno concluso che mentre i fattori sociali e di stile di vita sono essenziali per la cognizione in età avanzata, il solo impegno sociale è legato al miglioramento cognitivo nel tempo per le persone con MCI.

I risultati, afferma il dottor Afzal, fanno eco a risultati precedenti che suggeriscono che le forti relazioni sociali hanno un impatto positivo sulla longevità. Ha affermato che questi risultati rafforzano così la tesi per un legame tra impegno sociale e protezione cognitiva.

Tuttavia, sia il Dr. Afzal che il Dr. Kohlhaas concordano sul fatto che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati poiché il legame tra MCI e insorgenza della demenza non è ancora certo.