Le famiglie si aspettano la pubblicazione negli Stati Uniti del rapporto dell’FBI sul ruolo saudita nell’11 settembre

0
7

Il rapporto di 16 pagine previsto è un riassunto dell’FBI di un’indagine di lunga data sulle attività di due dirottatori sauditi.

Il fumo denso si è alzato nel cielo sopra lo skyline di New York dove in precedenza si trovavano le torri gemelle del World Trade Center l’11 settembre 2001 [File: Daniel Hulshizer/AP Photo]

Le famiglie delle vittime degli attacchi dell’11 settembre che stanno facendo causa al governo dell’Arabia Saudita in un tribunale federale degli Stati Uniti a New York si aspettano che il governo degli Stati Uniti rilasci imminentemente un rapporto chiave dell’FBI.

Il rapporto di 16 pagine è un riassunto dell’FBI e un’analisi della lunga indagine dell’agenzia sulle attività di due dei dirottatori dell’11 settembre, cittadini sauditi, Khalid al-Mihdhar e Nawaf al-Hazmi.

Nel gennaio 2000, i due agenti di al-Qaeda arrivarono in California dove furono assistiti da altri sauditi. Il rapporto dell’FBI, che potrebbe essere censurato al suo rilascio pubblico, dovrebbe fornire dettagli sull’indagine dell’FBI su chi ha aiutato al-Mihdhar e al-Hazmi, secondo un avvocato delle famiglie dell’11 settembre.

“Non è chiaro quali altre parti del governo potessero sapere cosa stava succedendo, ma chiaramente funzionari sauditi di livello abbastanza alto e medio che lavoravano per il governo facevano parte di questa cospirazione”, ha affermato Andrew ‘Duke’ Maloney, un avvocato. con lo studio legale Kreindler LLP che rappresenta le famiglie dell’11 settembre nel contenzioso contro l’Arabia Saudita.

Ora, 20 anni dopo gli attacchi del 2001 che hanno provocato la morte di quasi 3.000 persone a New York, Washington, DC e Shanksville, in Pennsylvania, la causa legale delle famiglie che accusa il governo saudita di complicità si avvicina a un punto di svolta. O prove sufficienti per sostenere la causa saranno presentate alla corte o non andranno avanti.

Il rapporto in sospeso dell’FBI è un’analisi di agenti che hanno esaminato come al-Mihdhar e al-Hazmi, che parlavano poco inglese e non avevano risorse indipendenti quando sono arrivati ​​negli Stati Uniti, hanno preso piede a Los Angeles e poi a San Diego.

Gli avvocati delle famiglie dell’11 settembre credono di poter dimostrare che c’era “una cabala” di funzionari del governo saudita “che stavano cospirando con gli agenti di al-Qaeda”, ha detto Maloney ad Al Jazeera. L’obiettivo della causa è quello di ottenere un accordo finanziario per le famiglie delle vittime dell’attentato.

I pedoni nella parte bassa di Manhattan hanno assistito all’incendio del World Trade Center dopo essere stato colpito da due aeroplani dirottati. Dei 19 dirottatori di al-Qaeda, 15 erano cittadini sauditi [File: Amy Sancetta/AP Photo]

Discusse in gran parte in privato, a porte chiuse e in documenti segreti, le basi fattuali del caso potrebbero presto diventare pubbliche con un ordine esecutivo del presidente Joe Biden.

Dopo che a Biden è stato detto dai membri della famiglia dell’11 settembre che non sarebbe stato il benvenuto ai memoriali dell’anniversario solitamente frequentati dal presidente, Biden ha ordinato al Dipartimento di Giustizia e ad altre agenzie di rivedere e rilasciare documenti e prove dell’FBI ancora segreti.

L’ordine di Biden dirige specificamente il rilascio del rapporto di 16 pagine entro l’11 settembre 2021 anniversario.

È probabile che il rapporto getti nuova luce su ciò che l’FBI sa su diversi uomini collegati ai dirottatori, inclusi cittadini sauditi, il leader musulmano Fahad al-Thumairy e la sospetta spia saudita Omar al-Bayoumi, ha detto Maloney.

Si ritiene che un funzionario dell’ambasciata saudita, Mussaed Ahmed al-Jarrah, il cui nome era emerso in precedenza nell’ambito del procedimento legale, avrebbe fornito assistenza ai futuri dirottatori, secondo gli avvocati delle famiglie.

Il ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir ha dichiarato in una conferenza stampa all’ambasciata saudita a Washington nel 2016 che le accuse di coinvolgimento del governo saudita negli attacchi dell’11 settembre erano “infondate” [File: Kevin Lamarque/Reuters]

L’ambasciata saudita ha affermato che il regno accoglierebbe con favore il rilascio dei documenti investigativi dell’FBI e che “non è mai emersa alcuna prova che indichi che il governo saudita o i suoi funzionari fossero a conoscenza dell’attacco terroristico o fossero in qualche modo coinvolti nella sua pianificazione o esecuzione”. ”.

“Qualsiasi accusa che l’Arabia Saudita sia complice negli attacchi dell’11 settembre è categoricamente falsa”, ha affermato l’ambasciata saudita a Washington in una dichiarazione dell’8 settembre.

Dei 19 dirottatori di al-Qaeda, 15 erano sauditi e dall’inizio delle molteplici inchieste statunitensi fino agli attacchi dell’11 settembre, le domande hanno ruotato attorno al ruolo saudita.

Il leader di al-Qaeda Osama bin Laden era il figlio ricco del fondatore della società di costruzioni saudita, Saudi Binladen Group. Bin Laden ruppe con la famiglia reale saudita nel 1991 per il dispiegamento delle truppe statunitensi nel regno.

Ma l’organizzazione di bin Laden ha ricevuto sostegno finanziario da ricchi sauditi, comprese associazioni di beneficenza legate ai membri della famiglia reale, secondo i documenti del governo degli Stati Uniti.

La commissione indipendente degli Stati Uniti dell’11 settembre ha concluso nel suo rapporto del 2004 che il governo saudita non era a conoscenza degli attacchi in corso. La commissione “non ha trovato prove” che i funzionari sauditi abbiano avuto un ruolo.

Ma quel rapporto era incompleto e agli investigatori della commissione mancavano le informazioni emerse dall’FBI anni dopo, ha detto Maloney ad Al Jazeera.

Un’indagine del Congresso degli Stati Uniti del 2002 condotta dall’ex senatore Bob Graham aveva scoperto informazioni che indicavano collegamenti sauditi con gli attacchi dell’11 settembre. Graham ha detto ad Al Jazeera nel 2015 che il pubblico statunitense sarebbe “indignato” se conoscesse la verità sul ruolo saudita.

Il rapporto includeva 28 pagine di materiale sull’Arabia Saudita che è stato tenuto segreto dall’amministrazione Bush e successivamente declassificato e rilasciato nel 2016. Le 28 pagine erano inconcludenti ma mostravano che alcuni dei dirottatori erano stati in contatto e avevano ricevuto supporto da individui collegati al governo saudita.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here