L’azienda israeliana introduce il drone da combattimento armato per pattugliare i confini

0
6

Lunedì scorso, Israel Aerospace Industries, di proprietà dello Stato, ha svelato un drone robot armato telecomandato che si dice possa pattugliare le zone di battaglia, tracciare gli infiltrati e aprire il fuoco.

Lunedì, Israel Aerospace Industries, di proprietà statale, ha presentato un veicolo armato senza equipaggio all’avanguardia, secondo i loro specialisti, sarà schierato insieme alle truppe di terra per assistere in situazioni di combattimento [Sebastian Scheiner/AP]

L’appaltatore della difesa statale israeliano Israel Aerospace Industries ha svelato un robot armato telecomandato che si dice possa pattugliare le zone di battaglia, tracciare gli infiltrati e aprire il fuoco.

Il veicolo senza pilota rivelato lunedì è l’ultima aggiunta al mondo della tecnologia dei droni, che sta rapidamente rimodellando il moderno campo di battaglia.

I sostenitori hanno affermato che tali macchine semi-autonome consentono agli eserciti di proteggere i propri soldati, mentre i critici temono che questo segni un altro passo pericoloso verso i robot che prendono decisioni di vita o di morte.

Il robot a quattro ruote motrici presentato lunedì è stato sviluppato dalla società statale Israel Aerospace Industries “REX MKII”.

È gestito da un tablet elettronico e può essere equipaggiato con due mitragliatrici, telecamere e sensori, ha affermato Rani Avni, vice capo della divisione dei sistemi autonomi dell’azienda. Il robot può raccogliere informazioni per le truppe di terra, trasportare soldati feriti e rifornimenti dentro e fuori dalla battaglia e attaccare bersagli vicini.

È il più avanzato di oltre una mezza dozzina di veicoli senza pilota sviluppati dalla sussidiaria di Aerospace Industries, ELTA Systems, negli ultimi 15 anni.

Il robot a quattro ruote motrici presentato lunedì è stato sviluppato dalla società statale Israel Aerospace Industries “REX MKII” [Sebastian Scheiner/AP Photo]

L’esercito israeliano sta attualmente utilizzando un veicolo più piccolo ma simile chiamato “Jaguar” per pattugliare il confine con la Striscia di Gaza e aiutare a far rispettare un blocco imposto da Israele nel 2007, dopo che Hamas ha preso il potere lì.

Gaza ospita due milioni di palestinesi che sono stati in gran parte rinchiusi dal blocco, sostenuto in una certa misura anche dall’Egitto. L’area di confine è il luogo di frequenti proteste e tentativi occasionali di combattenti palestinesi o lavoratori disperati di entrare in Israele.

Secondo il sito web dell’esercito israeliano, la Jaguar semi-autonoma è dotata di una mitragliatrice ed è stata progettata per ridurre l’esposizione dei soldati ai pericoli del pattugliamento dell’instabile confine tra Gaza e Israele. È uno dei tanti strumenti, compresi i droni armati di missili guidati, che hanno conferito all’esercito israeliano una vasta superiorità tecnologica su Hamas.

I veicoli terrestri senza equipaggio sono sempre più utilizzati da altri eserciti, compresi quelli degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Russia. I loro compiti includono il supporto logistico, la rimozione delle mine e il fuoco delle armi.

Il tablet può controllare manualmente il veicolo. Ma molte delle sue funzioni, compreso il suo sistema di movimento e sorveglianza, possono anche funzionare in modo autonomo.

“Con ogni missione, il dispositivo raccoglie più dati da cui poi apprende per le missioni future”, ha affermato Yonni Gedj, un esperto operativo nella divisione di robotica dell’azienda.

I critici hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che le armi robotiche potrebbero decidere da sole, forse erroneamente, di sparare ai bersagli. La società ha affermato che tali capacità esistono ma non vengono offerte ai clienti.

“È possibile rendere anche autonoma l’arma stessa, tuttavia oggi è una decisione dell’utente”, ha affermato Avni. “La maturità del sistema o dell’utente non è ancora arrivata.”

Bonnie Docherty, un ricercatore senior della divisione armi di Human Rights Watch, ha affermato che tali armi sono preoccupanti perché non ci si può fidare di loro per distinguere tra combattenti e civili o fare chiamate adeguate sui danni che gli attacchi possono arrecare ai civili vicini.

“Le macchine non possono comprendere il valore della vita umana, che in sostanza mina la dignità umana e viola le leggi sui diritti umani”, ha affermato Docherty. In un rapporto del 2012, Docherty, docente presso la Harvard Law School, ha chiesto che le armi completamente automatizzate siano vietate dal diritto internazionale.

La rivista della difesa Janes ha affermato che lo sviluppo di veicoli terrestri autonomi è rimasto indietro rispetto agli aerei e alle barche autonomi perché spostarsi attraverso la terra è molto più complesso della navigazione in acqua o in aria. A differenza dell’oceano aperto, i veicoli devono affrontare “buchi nella strada” e sapere esattamente quanta forza applicare per superare un ostacolo fisico, afferma il rapporto.

Anche la tecnologia dei veicoli a guida autonoma ha sollevato preoccupazioni. Il produttore di auto elettriche Tesla, tra le altre società, è stato collegato a una serie di incidenti mortali, incluso un incidente in Arizona nel 2018 quando una donna è stata investita da un’auto che guidava con il pilota automatico.

Il veicolo drone israeliano è stato presentato questa settimana alla fiera internazionale delle armi per la difesa e il sistema di sicurezza a Londra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here