Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Lavoro difficile: contrazioni e amp; Spingendo

Lavoro difficile: contrazioni e amp; Spingendo

0
7

Il potere inadeguato è la causa più comune di progresso del lavoro inadeguato nelle donne che partoriscono per la prima volta. La forza del travaglio è determinata dalla forza con cui l’utero si contrae e dalla forza con cui la madre spinge. La potenza nella prima fase del travaglio può essere valutata valutando il modello del travaglio, costituito dalla durata, frequenza e qualità delle contrazioni uterine.

Le contrazioni devono durare abbastanza a lungo, venire abbastanza frequentemente ed essere abbastanza forti da far dilatare la cervice e far scendere il feto attraverso il canale del parto. Quanto esattamente è sufficiente può variare notevolmente per le singole donne e per le singole gravidanze. Per le donne in travaglio spontaneo, le contrazioni sono generalmente da due a cinque minuti l’una dall’altra, durano da 30 a 60 secondi e hanno una forza moderata.

Valutazione

Il modo più semplice per valutare la forza del lavoro è cronometrare la frequenza e la durata delle contrazioni (dall’inizio di una all’inizio della successiva). L’intensità delle contrazioni può essere stimata toccando l’utero. L’utero rilassato o leggermente contratto di solito si sente fermo come una guancia, un utero moderatamente contratto si sente fermo come l’estremità del naso e un utero fortemente contratto è fermo come la fronte.

Tocodinometro

In ospedale, il modo più comune per valutare la frequenza e la durata delle contrazioni è con un tocodinometro. Questo dispositivo è tenuto sull’addome, sopra l’utero, con una cintura elastica e contiene un pulsante che muove una molla quando l’utero si contrae. Un segnale elettrico consente quindi di registrare la contrazione come un picco sullo schermo di un computer o su un monitor. Il tocodinometro misura la frequenza e la durata senza misurare l’intensità. Questo dispositivo può anche essere limitato nel suo utilizzo dal modo in cui è posizionato sull’utero, dalle dimensioni e dalla forma dell’addome della madre e dal movimento del bambino. I tocodinometri vengono solitamente utilizzati insieme a un cardiofrequenzimetro fetale.

Catetere a pressione intrauterina (IUPC)

Quando c’è ancora incertezza su un modello di lavoro adeguato, la pressione delle contrazioni dall’interno dell’utero viene misurata con un catetere per la pressione intrauterina (IUPC). L’IUPC è costituito da un pezzo di tubo morbido pieno di liquido che viene fatto passare attraverso la vagina e la cervice, nell’utero. L’estremità del catetere si trova nel liquido amniotico e converte la pressione misurata in un segnale elettrico che viene tracciato sul monitor di un computer o su un pezzo di carta. Queste contrazioni sono simili a quelle misurate da un tocodinometro. Tuttavia, un IUPC misura la frequenza, la durata e l’intensità delle contrazioni. La forza della contrazione viene misurata dalla linea di base (quando l’utero è rilassato) fino al picco della contrazione e viene registrata in unità: un’unità è la quantità di pressione necessaria per sollevare una colonna di mercurio di un millimetro. Gli studi hanno suggerito che 200 unità di contrazioni ogni 10 minuti sono generalmente adeguate per il parto vaginale dopo il travaglio spontaneo. Un IUPC aumenta il rischio di infezione intraamniotica e quindi non viene utilizzato di routine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here