La Turchia invierà truppe in Libia su richiesta di Tripoli: Erdogan

0
71

ANKARA – La Turchia invierà truppe in Libia su richiesta di Tripoli non appena il mese prossimo, ha detto il presidente Tayyip Erdogan giovedì, mettendo il conflitto del Paese nordafricano al centro di più ampi attriti regionali.

Il governo di accordo nazionale (GNA), riconosciuto a livello internazionale, ha lottato per respingere le forze del generale Khalifa Haftar dalla Libia orientale, che sono state sostenute da Russia, Egitto, Emirati Arabi Uniti (EAU) e Giordania.

Non è chiaro a quale specifico invito Erdogan si riferisse come ministro degli interni del governo di Tripoli, Fathi Bashagha, ha suggerito nei commenti ai giornalisti di Tunisi che non era stata ancora fatta alcuna richiesta ufficiale.

"Se la situazione si intensifica e quindi abbiamo il diritto di difendere Tripoli e i suoi residenti … presenteremo una richiesta ufficiale al governo turco per sostenerci militarmente in modo da espellere il fantasma delle forze mercenarie", ha detto Bashagha giovedì.

Le forze di Haftar non furono immediatamente disponibili per un commento.

Non sono riusciti a raggiungere il centro di Tripoli, ma hanno ottenuto piccoli guadagni nelle ultime settimane in alcuni sobborghi meridionali della capitale con l'aiuto di combattenti russi e sudanesi, nonché droni spediti dagli Emirati Arabi Uniti, dicono i diplomatici.

I droni fabbricati in Cina hanno conferito ad Haftar la "superiorità aerea locale" in quanto possono trasportare oltre otto volte il peso degli esplosivi rispetto ai droni dati al GNA dalla Turchia e possono anche coprire l'intera Libia, secondo un rapporto delle Nazioni Unite a novembre.

Il mese scorso, Ankara ha firmato due accordi separati con il GNA, guidati da Fayez al-Serraj, uno sulla sicurezza e la cooperazione militare e un altro sui confini marittimi nel Mediterraneo orientale.

L'accordo marittimo pone fine all'isolamento della Turchia nel Mediterraneo orientale in quanto accresce l'esplorazione dell'energia offshore che ha allarmato la Grecia e alcuni altri vicini. L'accordo militare avrebbe preservato il suo alleato solitario nella regione, Tripoli.

"Dal momento che c'è un invito (dalla Libia) in questo momento, lo accetteremo", ha detto Erdogan ai membri del suo partito AK in un discorso. "Inseriremo il disegno di legge sull'invio di truppe in Libia all'ordine del giorno non appena il parlamento aprirà".

La legislazione passerà intorno all'8-9 gennaio, ha detto, aprendo le porte allo spiegamento.

FOTO FOTO: il presidente turco Recep Tayyip Erdogan parte dopo il Global Refugee Forum presso le Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera, 17 dicembre 2019, REUTERS / Denis Balibouse

TENSIONE CON LA RUSSIA

Per settimane Ankara ha segnalato la possibilità di una missione militare in Libia, che estenderebbe ulteriormente le sue forze armate meno di tre mesi dopo aver lanciato un'incursione nella Siria nord-orientale contro una milizia curda.

La Turchia ha già inviato forniture militari al GNA nonostante un embargo sulle armi delle Nazioni Unite, secondo un rapporto delle Nazioni Unite visto da Reuters il mese scorso.

Mercoledì Erdogan ha visitato la Tunisia per discutere della cooperazione per un possibile cessate il fuoco nella vicina Libia. Giovedì ha affermato che Turchia e Tunisia hanno accettato di sostenere il GNA.

Mosca ha espresso preoccupazione per un possibile dispiegamento militare turco in Libia a sostegno del GNA. Erdogan ha affermato che la Turchia non starà zitta sui mercenari del gruppo Wagner legato al Cremlino che sostiene Haftar.

"La Russia è lì con 2000 Wagner (combattenti)", ha detto Erdogan giovedì, riferendosi anche a circa 5.000 combattenti del Sudan in Libia. “Il governo ufficiale li sta invitando? No."

“Stanno tutti aiutando un barone di guerra (Haftar), mentre stiamo accettando un invito da parte del governo legittimo del paese. Questa è la nostra differenza ", ha detto.

L'esercito nazionale libico di Haftar ha cercato da aprile di prendere Tripoli dal GNA, che è stato istituito nel 2016 a seguito di un accordo mediato dalle Nazioni Unite. Gli Emirati Arabi Uniti, l'Egitto e la Giordania hanno fornito per anni il supporto militare alle forze di Haftar, secondo quanto riferito dalle Nazioni Unite. Nessuno dei paesi lo ha confermato.

I mercenari russi hanno esercitato maggiori pressioni sul GNA e "hanno accelerato questo quid pro quo tra Tripoli e Ankara", ha affermato Sinan Ulgen, ex diplomatico turco e presidente del think tank Center for Economics and Foreign Policy Studies.

"Quindi lo schieramento di truppe deve avvenire immediatamente, ma il rischio è che la Turchia venga risucchiata in un gioco militare in cui l'unica strada è più impegno e escalation", ha detto.

Funzionari turchi e russi hanno tenuto colloqui a Mosca questa settimana per cercare un compromesso sia sulla Libia che sulla Siria, dove la Russia sostiene il presidente Bashar al-Assad.

Nel Mediterraneo, la Turchia è alle prese con Grecia, Cipro, Egitto e Israele per i diritti alle risorse al largo dell'isola divisa di Cipro. Atene afferma che l'accordo marittimo di Ankara con Tripoli viola il diritto internazionale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here