Home Notizia Mondo La resistenza all’insulina può essere collegata a un rischio più elevato di...

La resistenza all’insulina può essere collegata a un rischio più elevato di depressione

0
140

Una nuova ricerca trova una connessione tra la resistenza all’insulina e un rischio più elevato di disturbo depressivo maggiore. Immagini Johner/Immagini Getty
  • La resistenza all’insulina si verifica quando il corpo non risponde correttamente all’insulina e non può facilmente assorbire il glucosio dal sangue. Questa disfunzione fa sì che il pancreas produca più insulina per compensare.
  • Il disturbo depressivo maggiore è un disturbo dell’umore che può avere un profondo effetto sul benessere generale delle persone.
  • Un nuovo studio suggerisce che le persone con insulino-resistenza hanno un rischio maggiore di sviluppare un disturbo depressivo maggiore.

L’insulino-resistenza può portare allo sviluppo del diabete di tipo 2, che, senza una corretta gestione, può portare a gravi problemi di salute.

Il disturbo depressivo maggiore è un problema di salute mentale comune e grave. La sua importanza significa che i ricercatori stanno cercando di identificare i fattori che mettono le persone a rischio di sviluppare la depressione.

Un nuovo studio condotto da ricercatori della Stanford University School of Medicine, in California, ha scoperto che i partecipanti con insulino-resistenza avevano un rischio maggiore di sviluppare depressione rispetto a quelli che non lo facevano. I risultati appaiono in L’American Journal of Psychiatry.

Resistenza all’insulina

Come la Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) nota, la condizione cronica del diabete è incentrata sull’ormone insulina, prodotto dal pancreas. Quando il corpo rilascia insulina, questo ormone consente alle cellule del corpo di assorbire lo zucchero dal cibo che la persona mangia.

Senza abbastanza insulina, lo zucchero del cibo si accumula nel flusso sanguigno, impoverendo le riserve di energia del corpo. Livelli eccessivamente alti di zucchero nel sangue possono portare a gravi complicazioni di salute a lungo termine. Attualmente, 34,2 milioni di persone hanno il diabete negli Stati Uniti, dove è la settima causa di morte.

Oltre alle molte persone con diabete, circa 88 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno quello che viene chiamato prediabete. Ciò si verifica quando i livelli di zucchero nel sangue sono alti ma non abbastanza alti da consentire alla persona di ricevere una diagnosi di diabete.

L’American Diabetes Association osserva che la resistenza all’insulina, chiamata anche sensibilità all’insulina ridotta, si verifica quando il corpo smette di rispondere all’insulina come dovrebbe. L’insulina disponibile diventa meno efficace e il pancreas produce più insulina per cercare di compensare.

Man mano che la resistenza peggiora, le cellule pancreatiche che producono l’insulina possono logorarsi. Alla fine, il pancreas non riesce a produrre abbastanza insulina e i livelli di zucchero nel sangue aumentano. La resistenza all’insulina può quindi svilupparsi in prediabete o diabete di tipo 2.

La causa esatta dell’insulino-resistenza rimane poco chiara. Tuttavia, sia i fattori genetici che quelli legati allo stile di vita possono contribuire al suo sviluppo.

Disturbo depressivo maggiore

Il disturbo depressivo maggiore, che le persone più comunemente chiamano semplicemente depressione, è una condizione di salute mentale molto diffusa. Il CDC stima che 1 su 6 gli adulti sperimenteranno la depressione ad un certo punto della loro vita.

Il National Institute of Mental Health descrive la depressione come un disturbo dell’umore che influenza il modo in cui le persone pensano e si sentono. Può anche avere una grande influenza sulla capacità di una persona di funzionare nella vita quotidiana. Un medico può diagnosticare una persona con depressione dopo che sintomi specifici sono stati presenti per 2 settimane o più.

I possibili sintomi della depressione includono:

  • sentimenti di ansia o tristezza che sono persistenti
  • sentimenti di disperazione, senso di colpa o irritabilità
  • difficoltà a dormire
  • cambiamenti di appetito
  • perdita di interesse per attività o hobby
  • dolore, come un mal di testa, che non ha una causa apparente o che non migliora con il trattamento
  • pensieri suicidi o tentativo di suicidio

Non tutti coloro che soffrono di depressione sperimentano ogni sintomo della condizione, ma può mettere a dura prova il benessere delle persone e le loro attività quotidiane. Può anche aumentare il rischio di suicidio.

A causa dell’importanza della depressione, i ricercatori stanno continuando a esaminare i fattori di rischio che possono aiutare a rilevare e trattare la condizione in una fase precedente.

Legame tra insulino-resistenza e aumento della depressione

Lo studio in questione ha raccolto dati dai partecipanti che facevano parte del Netherlands Study of Depression and Anxiety (NESDA). I ricercatori hanno seguito i partecipanti allo studio per un periodo di 9 anni.

Hanno misurato tre fattori che indicano la resistenza all’insulina:

  1. il rapporto di trigliceridi al colesterolo lipoproteico ad alta densità, che secondo i ricercatori “è stato ben correlato con il gold standard per la resistenza all’insulina ed è spesso usato in un contesto clinico”
  2. livello di zucchero nel sangue, sotto forma di livello di glucosio plasmatico a digiuno
  3. girovita

I 601 partecipanti che il team ha incluso nell’analisi dei dati erano quelli che non avevano precedenti di depressione clinica o ansia. I ricercatori hanno esaminato i partecipanti per la depressione e altri disturbi psichiatrici, hanno prelevato campioni di laboratorio e hanno controllato le misurazioni fisiche dei partecipanti alla loro valutazione iniziale e di nuovo dopo 2 anni.

I partecipanti sono stati quindi sottoposti a valutazioni psichiatriche 4, 6 e 9 anni dopo la valutazione iniziale. Il team ha basato i criteri per una diagnosi clinica di episodi di depressione sulla quarta edizione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, un sistema di classificazione standardizzato per la diagnosi delle condizioni di salute mentale.

I ricercatori hanno tenuto conto di diverse covariate, tra cui età, sesso, livello di istruzione, livello di attività fisica, fumo e consumo di alcol dei partecipanti.

La loro analisi principale ha rilevato che tutti e tre gli indicatori di resistenza all’insulina erano associati a un aumento del rischio di depressione.

I ricercatori hanno ulteriormente esaminato il sottogruppo specifico di persone che non avevano indicatori di insulino-resistenza quando è iniziato lo studio, ma hanno sviluppato prediabete – basato sui livelli di glucosio plasmatico e altri indicatori di insulino-resistenza – entro il follow-up di 2 anni.

Hanno scoperto che coloro che hanno sviluppato il prediabete durante i primi 2 anni dello studio avevano una probabilità due volte maggiore di soffrire di depressione maggiore al follow-up di 9 anni rispetto a quelli che avevano livelli di glucosio plasmatico normali al punto di 2 anni.

quando Notizie mediche oggi le ha chiesto di commentare lo studio, la dott.ssa Faye Riley, responsabile senior delle comunicazioni di ricerca presso Diabetes UK, ha dichiarato: “Questa ricerca offre importanti indizi sui collegamenti bidirezionali tra queste condizioni complesse [diabetes and depression] e l’impatto di fattori come il colesterolo nel sangue e i livelli di zucchero”.

Limiti dello studio e ricerca continua

Lo studio aveva dei limiti. Ad esempio, i ricercatori non sono stati in grado di utilizzare la tecnica del clamp euglicemico, che descrivono come il gold standard, per valutare la resistenza all’insulina.

Inoltre, gli autori osservano che “questa analisi non è stata potenziata per misurare lo sviluppo della patologia metabolica in un periodo di follow-up di 2 anni”. Per questo motivo, raccomandano che studi futuri replichino i risultati e continuino a ricercare il legame tra l’insorgenza del prediabete e la depressione.

L’autrice dello studio, la dott.ssa Katie Watson, ha anche sottolineato che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare la direzione della relazione tra resistenza all’insulina e depressione. Ha spiegato a MNT:

“È stata una sorpresa che la resistenza all’insulina fosse collegata a un tasso di depressione significativamente più alto durante un periodo di follow-up di 9 anni. Non eravamo sicuri della direzionalità del rapporto tra le due condizioni di salute. Ora, sembra plausibile che ci sia una relazione bidirezionale tra insulino-resistenza e depressione; dobbiamo fare più ricerche per capirlo.”

Ha inoltre spiegato come le informazioni che il team ha raccolto dallo studio possono influenzare ulteriori ricerche e pratica clinica. Ha detto a MNT: “Stiamo anche esplorando l’idea del sottotipo metabolico della depressione. È possibile che diversi trattamenti o approcci aiutino a gestire la depressione nelle persone con insulino-resistenza. Questi strumenti possono informare le pratiche cliniche in futuro”.

Il Dr. Riley era anche entusiasta di ulteriori ricerche in questo settore. Ha detto a MNT: “Attendiamo con impazienza studi più ampi che aiutino a individuare ulteriormente i legami biologici tra diabete e depressione, aiutando a scoprire i modi più efficaci per ridurre il rischio di depressione per le persone con o a rischio di diabete di tipo 2 e viceversa. ”

“Speriamo anche che questo porti a modi migliori per gli operatori sanitari di identificare le persone a rischio di sviluppare depressione, assicurando che ricevano il trattamento e le cure di cui hanno bisogno in anticipo”, ha aggiunto il dott. Riley.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here