La penisola di Snaefellsnes – Islanda in miniatura

0
106

Situata un paio d'ore a nord della capitale islandese, Reykjavik, si trova la penisola di Snaefellsnes. Spesso indicato come "Islanda in miniatura", questo rende un ottimo viaggio laterale per quei viaggiatori che non sono in grado di prendere una settimana e guidare l'intera Ring Road intorno all'isola.

La bellezza degli Snaefellsnes

Un giro intorno alla penisola può essere fatto in una lunga gita di un giorno da Reykjavik, resa ancora più possibile dalle lunghe ore di luce durante la tarda primavera e l'estate. Per la maggior parte delle persone, un itinerario di due giorni più lento offre un ritmo più informale quando si esplora tutto ciò che questa terra diversa ha da offrire.

Monumento a Borg a Myrum

In un itinerario di due giorni, la cittadina di Borgarnes è un ottimo posto dove fermarsi per la notte dopo aver lasciato Reykjavik e prima di dirigersi a nord verso gli Snaefellsnes. Borgarnes si trova a 70 chilometri in auto da Reykjavik e impiega circa un'ora. La vista principale a Borgarnes è l'eccellente Museo degli insediamenti, che racconta le popolazioni dell'Islanda, oltre ad approfondire le saghe islandesi, il folklore tenuto così tanto dal popolo islandese.

Appena a nord di Borganes si trova un altro sito di importanza storica per gli islandesi, la fattoria di Borg á Mýrum. Uno dei primi coloni del paese, Skallagrímur Kveldúlfsson, stabilì la sua fattoria qui a metà del 900 d.C. Il sito ora contiene una piccola chiesa e una scultura che commemora la perdita dei due nipoti di Kveldúlfsson per le dure condizioni della nuova terra.

Porto di Stykkishólmur

A poco più di un'ora di auto dal lato nord della penisola si trova la città di Stykkishólmur, un pittoresco villaggio di pescatori che è la più grande città della penisola con meno di 1.200 abitanti. È un buon posto per fare scorta di provviste e trovare alloggio prima di esplorare la penisola se si sceglie il percorso di più giorni. Il porto naturale di Stykkishólmur è ricoperto da Súgandisey, una grande isola di basalto ricoperta da un faro che offre viste sulla città a sud e sulla baia di Breiðafjörður e sui fiordi occidentali a nord.

In cima a Helgafell

Un paio di chilometri a sud di Stykkishólmur si trova la montagna sacra di Helgafell. Si dice che la montagna di 240 metri sia il luogo in cui una delle eroine delle saghe islandesi è vissuta ed è sepolta l'ultima volta, e la leggenda dice che tre desideri saranno concessi a chiunque si arrampichi sulla montagna senza parlare o guardare indietro, e si affaccia ad est mentre esprime i desideri. L'escursione verso l'alto è una facile salita di 15 minuti.

All'interno del Museo degli squali di Bjarnhofn

Hakarl appeso nel fienile

Probabilmente la vista superiore della penisola, oltre alla bellezza paesaggistica, è il vicino Museo degli squali di Bjarnarhofn. Questo piccolo museo contiene una collezione di animali selvatici imbalsamati, attrezzi da pesca e altri accessori che mettono in evidenza la lotta che la gente ha nel vivere in un clima così inospitale per gran parte dell'anno. Il clou del museo sta imparando la storia di un cibo autenticamente islandese, Hákarl, che si traduce in squalo fermentato.

Poiché la carne dello squalo della Groenlandia è velenosa se consumata fresca, la carne può fermentare nel terreno per un paio di mesi prima di essere appesa in una stalla sul sito, quindi trasformata e consumata. Hákarl è diventato abbastanza noto dopo essere apparso in una serie di programmi televisivi noti per il consumo estremo, e il suo odore forte e il gusto unico rendono difficile il piacere per gli stranieri. Detto questo, provarlo è una bella storia e il Bjarnhofn offre ai visitatori l'opportunità di vedere la carne appesa nel fienile e di provarne un piccolo campione con pane di segale.

Grundarfjörður

Kirkjufell

Dirigendosi verso est da Stykkishólmur, la penisola diventa sia più bella che più robusta. Ci sono un certo numero di piccole città lungo la strada, tutte con meno di 500 abitanti, tra cui Grundarfjörður, Ólafsvík, Hellnar e Arnarstapi. Ci sono anche alcune attrazioni. Vicino alla città di Grundarfjörður si trova un'altra montagna di spicco, la conica Kirkjufell. Con una cascata panoramica nelle vicinanze, è una delle fermate fotografiche più famose della penisola.

Snæfellsjökull

L'estremità orientale della penisola è ricoperta da aspri campi di lava di Snæfellsjökull, il vulcano dominante il paesaggio che è stato descritto in Jules Verne Viaggio al centro della terra. Ci sono molti tour operator che offrono escursioni in fuoristrada in cima alle montagne e nelle parti più inaccessibili del Parco Nazionale Snæfellsjökull.

La chiesa di Hellnar

Monumento a Bardur

Anche il viaggio lungo la parte meridionale della penisola è panoramico, ma offre meno cose da visitare. Un'eccezione è la chiesa di Hellnar e il monumento a Bardur, il santo patrono del ghiacciaio, che si diceva avesse il dono di poter comunicare con le persone nascoste, un'altra delle molte leggende islandesi. Le scogliere vicino a Hellnar e Arnarstapi sono anche buoni punti per il birdwatching.

Strade della penisola ad aprile

Da Arnarstapi, è un'ora e mezza in auto per tornare a Borgarnes, e un'altra ora dopo per tornare a Reykjavik. Le strade principali intorno a Snaefellsnes, le rotte statali 54 e 574 sono entrambe sigillate e in buone condizioni, tuttavia molte strade secondarie sono non asfaltate e possono essere difficili in caso di maltempo. Come il resto dell'isola, la corrente a getto del Nord Atlantico provoca molti giorni di pioggia e neve, ma la penisola può ancora essere goduta in quei giorni, anche se più lentamente e con più attenzione.

Ci sono tour degli Snaefellsnes che possono essere prenotati da Reykjavik, ma noleggiare un'auto e affrontare questa parte magica del paese è sia facile che preferito.

Penisola di Snaefellsnes - Islanda in miniatura #iceland #Snaefellsnes #travel #trip #vacation #destinazioni #thingstodoin #itinerary #landscape #waterfalls