La crisi dello Sri Lanka costringe a blackout di 13 ore, gli ospedali interrompono gli interventi chirurgici

0
33

Il regolatore dell’energia esorta i dipendenti del governo a lavorare da casa per risparmiare carburante e gli ospedali sospendono gli interventi chirurgici di routine con l’aggravarsi della crisi economica.

Una donna lavora all’interno di un negozio annesso a casa sua durante un’interruzione di corrente a Colombo [Dinuka Liyanawatte/Reuters]

Lo Sri Lanka ha annunciato interruzioni di corrente giornaliere di 13 ore a livello nazionale da giovedì e più ospedali hanno sospeso gli interventi chirurgici di routine dopo aver esaurito i farmaci salvavita, mentre la crisi economica dell’isola a corto di liquidità si aggrava.

La nazione dell’Asia meridionale di 22 milioni di persone è nella sua peggiore crisi economica dall’indipendenza nel 1948, innescata da un’acuta mancanza di valuta estera per pagare anche le importazioni essenziali.

L’autorità di regolamentazione statale dell’elettricità ha affermato che stava estendendo l’interruzione di corrente di 10 ore di mercoledì di altre tre ore da giovedì, imponendo un blackout progressivo di 13 ore a livello nazionale.

La nazione insulare dell’Oceano Indiano è stata sottoposta a un grave razionamento dell’elettricità dall’inizio del mese e il monopolio ha affermato che è stato imposto un precedente aumento delle interruzioni di corrente da sette ore a 10 ore perché non c’era petrolio per alimentare i generatori termici.

Più del 40 per cento dell’elettricità dello Sri Lanka è generata dall’energia idroelettrica, ma la maggior parte dei serbatoi stavano esaurendosi pericolosamente perché non c’erano state piogge, hanno detto i funzionari.

Almeno altri due ospedali hanno riferito di aver sospeso gli interventi chirurgici di routine perché erano pericolosamente a corto di forniture mediche vitali, anestetici e sostanze chimiche per eseguire test diagnostici e volevano salvarli per i casi di emergenza.

La più grande struttura medica del paese, l’ospedale nazionale dello Sri Lanka nella capitale, ha dichiarato di aver interrotto anche i test diagnostici di routine. Un funzionario ha aggiunto, tuttavia, che l’impianto ha continuato a ricevere energia dalla rete nazionale.

Crisi di potere dello Sri Lanka
Un uomo cerca di riparare il suo motore a tre ruote usando una torcia per cellulare su una strada principale durante un’interruzione di corrente a Colombo [Dinuka Liyanawatte/Reuters]

Il regolatore dell’elettricità del paese ha esortato più di un milione di dipendenti governativi a lavorare da casa per risparmiare carburante.

“Abbiamo chiesto al governo di consentire al settore pubblico, che conta circa 1,3 milioni di dipendenti, di lavorare da casa per i prossimi due giorni in modo da poter gestire meglio la carenza di carburante ed elettricità”, Janaka Ratnayake, presidente delle Public Utilities Commissione dello Sri Lanka, ha detto all’agenzia di stampa Reuters.

In mezzo alla peggiore crisi economica del paese da decenni, le riserve valutarie sono diminuite del 70% negli ultimi due anni e sono scese a un misero 2,31 miliardi di dollari a febbraio, lasciando lo Sri Lanka in difficoltà per importare beni di prima necessità, inclusi cibo e carburante.

Le prolungate interruzioni di corrente di mercoledì sono state in parte causate dall’incapacità del governo di pagare 52 milioni di dollari per una spedizione di diesel da 37.000 tonnellate che era in attesa di scarico, ha detto Ratnayake.

“Non abbiamo forex da pagare”, ha detto, avvertendo di ulteriori interruzioni di corrente nei prossimi due giorni. “Questa è la realtà.”

Proteste diffuse

Il principale rivenditore di carburanti dello Sri Lanka ha dichiarato che non ci sarà diesel, il carburante più comunemente utilizzato per i trasporti pubblici, nel Paese per almeno due giorni.

Le emittenti locali hanno riferito di proteste diffuse in tutto il paese chiedendo carburante per i veicoli privati, utilizzati anche per il trasporto pubblico.

Non ci sono state segnalazioni di violenze, ma centinaia di automobilisti hanno bloccato le strade principali in diverse città mentre dozzine hanno manifestato davanti alla Banca centrale dello Sri Lanka a Colombo chiedendo la rimozione del governatore Ajith Cabraal.

I funzionari della Ceylon Petroleum Corporation, di proprietà statale, hanno esortato gli automobilisti in coda a partire e tornare solo dopo che il diesel importato è stato scaricato e distribuito.

Anche i prezzi del carburante sono stati ripetutamente aumentati, con i costi della benzina quasi raddoppiati e il diesel del 76% dall’inizio dell’anno.

Colombo ha imposto un ampio divieto di importazione nel marzo 2020 per risparmiare la valuta estera necessaria per pagare i suoi 51 miliardi di dollari di debito estero. Ma ciò ha portato a una diffusa carenza di beni essenziali e a forti aumenti dei prezzi.

Il governo ha detto che sta cercando un salvataggio dal Fondo monetario internazionale mentre chiede più prestiti da India e Cina.

L’attuale situazione dello Sri Lanka è stata esacerbata dalla pandemia di COVID-19, che ha colpito duramente il turismo e le rimesse. Molti economisti incolpano anche la cattiva gestione del governo, compresi i tagli alle tasse e anni di deficit di bilancio.

Mercoledì l’ufficio statistico del paese ha annunciato una crescita economica del 3,7% per l’anno solare 2021, prima che la crisi iniziasse a mordere, rispetto alla contrazione record del 3,6% dell’anno precedente.