La Corea del Nord e quella del Sud testano entrambi i missili mentre le tensioni aumentano

0
4

La Corea del Sud afferma di aver condotto il suo primo test di missili balistici lanciati sott’acqua, poche ore dopo che la Corea del Nord ha lanciato due missili.

Si pensa che la Corea del Nord, che ha celebrato l’anniversario della sua fondazione all’inizio di questa settimana, abbia testato un paio di missili balistici contravvenendo alle sanzioni [File: Jeon Heon-Kyun/EPA]

Seoul e Pyongyang hanno entrambi testato missili balistici, a ore di distanza l’uno dall’altro, in una dimostrazione di mezzi militari che arriva nel mezzo di una vacillante spinta diplomatica per spogliare la Corea del Nord del suo programma nucleare.

L’ufficio presidenziale della Corea del Sud ha dichiarato di aver condotto il suo primo test missilistico balistico sottomarino mercoledì pomeriggio e che il missile di fabbricazione nazionale, sparato da un sottomarino di classe 3.000 tonnellate, ha volato per una determinata distanza prima di colpire un bersaglio designato.

La dichiarazione afferma che l’arma dovrebbe aiutare la Corea del Sud a scoraggiare potenziali minacce esterne, aumentare la sua posizione di autodifesa e promuovere la pace nella penisola coreana.

Renderebbe la Corea del Sud solo il settimo paese al mondo con la tecnologia avanzata e farebbe sorgere la prospettiva di una corsa agli armamenti regionale.

Il presidente Moon Jae-in ha citato le “capacità asimmetriche” del Nord dotato di armi nucleari come una ragione per la Corea del Sud per sviluppare missili migliori.

“Migliorare la nostra capacità missilistica è esattamente ciò che serve come deterrente contro la provocazione della Corea del Nord”, ha affermato il leader.

Più tardi mercoledì, l’influente sorella del leader nordcoreano Kim Jong Un ha accusato Moon di “calunnia”, ha riferito l’agenzia di stampa statale KCNA. Kim Yo Jong ha affermato che le osservazioni del presidente sudcoreano sono inadeguate e potrebbero portare a una rottura dei legami.

Senza menzionare gli ultimi lanci da parte del Nord, Kim Yo Jong ha affermato che le attività della Corea del Nord erano misure difensive di routine e si è lamentato di un “atteggiamento illogico … sciocco” che descriveva il comportamento della Corea del Sud come un’azione legittima per sostenere la pace e le azioni della Corea del Nord come una minaccia per la pace.

Il test ha seguito due lanci di missili balistici nordcoreani a corto raggio rilevati mercoledì dall’esercito sudcoreano. Lunedì, la Corea del Nord ha dichiarato di aver lanciato un missile da crociera di nuova concezione nel suo primo test sulle armi in sei mesi.

Gli esperti affermano che i lanci della Corea del Nord mostrano che sta portando avanti i suoi piani di potenziamento delle armi mentre cerca di esercitare pressioni sugli Stati Uniti per riprendere i colloqui sul nucleare in stallo.

Sembra anche, secondo gli osservatori, che il governo di Moon, che ha attivamente perseguito la riconciliazione con la Corea del Nord, potrebbe rispondere alle critiche secondo cui è troppo morbido nei confronti della Corea del Nord.

L’esercito della Corea del Sud ha affermato che i missili nordcoreani, lanciati mercoledì dalla Corea del Nord centrale, hanno volato per circa 800 km (497 miglia) con un apogeo di 60 km (37 miglia) prima di atterrare nelle acque tra la penisola coreana e il Giappone.

“È un tempismo straordinario che tu abbia non una ma due Coree che testano missili balistici nello stesso giorno”, ha detto all’agenzia di stampa AFP il professore della Yonsei University John Delury.

“Parla del fatto che c’è una corsa agli armamenti in questa regione a cui tutti devono prestare attenzione”.

Impatto destabilizzante

Il comando indo-pacifico degli Stati Uniti ha dichiarato in una dichiarazione che i lanci nordcoreani, pur sottolineando l’impatto destabilizzante del programma di armi illecite di Pyongyang, non “rappresentano una minaccia immediata per il personale o il territorio degli Stati Uniti, o per i nostri alleati”.

I lanci nordcoreani sono stati condannati dal Giappone come una minaccia alla pace e alla sicurezza nella regione.

“I licenziamenti minacciano la pace e la sicurezza del Giappone e della regione e sono assolutamente oltraggiosi”, ha affermato il primo ministro giapponese Yoshihide Suga. “Il governo del Giappone è determinato a intensificare ulteriormente la nostra vigilanza e sorveglianza per essere preparati a qualsiasi evenienza”.

La guardia costiera giapponese ha affermato che nessuna nave o aereo ha riportato danni dai missili.

I lanci di mercoledì sono stati una violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che vietano alla Corea del Nord di impegnarsi in qualsiasi attività di missili balistici. Ma è improbabile che l’UNSC applicherà nuove sanzioni alla Corea del Nord quando lancerà missili a corto raggio, come quelli sparati mercoledì.

Lunedì, la Corea del Nord ha dichiarato di aver testato due volte un missile da crociera di nuova concezione durante il fine settimana. I suoi media statali hanno descritto il missile come “un’arma strategica di grande importanza”, implicando che è stato sviluppato con l’intento di trasportare testate nucleari.

Secondo i resoconti nordcoreani, il missile ha dimostrato la capacità di colpire bersagli a 1.500 km (930 miglia), una distanza che mette a portata di mano tutte le installazioni militari del Giappone e degli Stati Uniti.

I test missilistici sono arrivati ​​mentre il ministro degli Esteri cinese Wang Yi era a Seoul per incontri con Moon e altri alti funzionari per discutere dei negoziati nucleari in stallo con la Corea del Nord.

È insolito per la Corea del Nord effettuare lanci provocatori quando la Cina, il suo ultimo grande alleato e il più grande fornitore di aiuti, è impegnata in un grande evento diplomatico.

La Corea del Sud ha rilevato il test missilistico mentre il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, a sinistra, ha visitato Seoul per colloqui [Yonhap via Reuters]

L’ufficio di Moon ha detto che il presidente sudcoreano ha detto a Wang che apprezza il ruolo della Cina nella spinta diplomatica internazionale per risolvere lo stallo nucleare nordcoreano e ha chiesto il sostegno continuo di Pechino. Wang ha affermato che Pechino continuerà a sostenere la denuclearizzazione della penisola coreana e il miglioramento dei legami tra le Coree.

Yang Moo-jin, professore presso l’Università degli studi nordcoreani di Seoul, ha affermato che i lanci di mercoledì “sembrano il messaggio indiretto della Corea del Nord e persino la richiesta a Pechino affinché la penisola coreana venga affrontata come una questione centrale dell’agenda per la Cina”.

“Allo stesso tempo, Pyongyang sembra sostenere e sottolineare che la Corea del Nord sta assumendo un ruolo guida nella questione della penisola coreana”, ha detto all’agenzia di stampa AFP.

Un uomo guarda un notiziario sudcoreano sull’ultimo test missilistico nordcoreano [Jung Yeon-je /AFP]

Anche gli inviati nucleari della Corea del Sud, del Giappone e degli Stati Uniti si sono incontrati a Tokyo questa settimana.

I colloqui tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord sono in stallo dal 2019, quando gli americani hanno respinto la richiesta della Corea del Nord di maggiori sanzioni in cambio dello smantellamento di un impianto nucleare obsoleto.

Il governo del leader nordcoreano Kim Jong Un ha finora minacciato di costruire armi ad alta tecnologia contro gli Stati Uniti e ha respinto le proposte di dialogo dell’amministrazione Biden, chiedendo che Washington abbandoni prima le sue politiche “ostili”.

Ha concluso una pausa di un anno nei test balistici a marzo sparando in mare due missili balistici a corto raggio, continuando la tradizione di testare le nuove amministrazioni statunitensi con dimostrazioni di armi volte a misurare la risposta di Washington e strappare concessioni alla Casa Bianca.

L’amministrazione Biden ha annunciato di aver completato una revisione della politica della Corea del Nord a maggio e che, sebbene la denuclearizzazione rimanga una priorità, non cercherà alcun “grande accordo” con Kim.

L’inviato degli Stati Uniti per la Corea del Nord, Sung Kim, ha dichiarato martedì che gli Stati Uniti non hanno intenti ostili nei confronti di Pyongyang e spera che rispondano positivamente alle offerte di colloqui sui suoi programmi di armamenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here