La Cina nega le accuse di lavoro forzato dopo l'appello trovato nella cartolina di Natale

0
68

PECHINO / LONDRA – La Cina ha respinto le accuse di lavoro forzato in una prigione di Shanghai lunedì, un giorno dopo che i media hanno riferito che un messaggio era stato trovato in una cartolina di Natale dicendo che era stato impacchettato da detenuti.

FOTO FILE: un logo aziendale è raffigurato fuori da un supermercato Tesco ad Altrincham, nel nord dell'Inghilterra, il 16 aprile 2016. REUTERS / Phil Noble / File Photo

Il Sunday Times ha affermato che una giovane ragazza aveva trovato un biglietto in una carta di beneficenza venduta dal gigante del supermercato britannico Tesco che recitava: “Siamo prigionieri stranieri nella prigione cinese di Shanghai Qingpu. Costretto a lavorare contro la nostra volontà. "

Il giornale afferma che il messaggio esorta chiunque lo riceva a contattare Peter Humphrey, un ex giornalista britannico e investigatore di frode aziendale che è stato imprigionato nella stessa prigione dal 2014-2015.

Domenica Tesco ha sospeso il fornitore cinese delle cartoline di Natale e ha dichiarato di aver avviato un'indagine.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Geng Shuang ha dichiarato lunedì a una conferenza stampa: "Posso dire responsabilmente, secondo gli organi competenti, la prigione di Qingpu a Shanghai non ha questo problema di prigionieri stranieri costretti a lavorare".

Geng Shuang ha respinto l'intera storia come "una farsa creata da Mr. Humphrey" – un'accusa respinta da Humphrey.

"Non ho mai avuto modo di fabbricare nulla in questo incidente e in questa storia", ha dichiarato Humphrey a Reuters. "Questo messaggio dei prigionieri in Cina è arrivato in una cartolina di Natale acquistata da una famiglia che non avevo mai incontrato, mai conosciuto fino a quel momento", ha aggiunto.

Humphrey ha affermato che il messaggio contiene "tutto ciò che so, e ho parlato con ex detenuti che sono stati rilasciati quest'anno e che hanno confermato che l'unità carceraria stava confezionando le cartoline di Natale di Tesco".

Humphrey ha trascorso 23 mesi in prigione con l'accusa di ottenere illegalmente documenti privati ​​di cittadini cinesi e di vendere le informazioni a clienti tra cui il farmacista GlaxoSmithKline.

Humphrey ha detto durante il suo processo di non aver pensato che le sue attività in Cina fossero illegali.

Il Sunday Times ha affermato che il messaggio è stato trovato a Londra da Florence Widdicombe, una bambina di sei anni, che l'ha mostrato a suo padre. Ha quindi contattato Humphrey tramite LinkedIn.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here