Home Notizia Mondo La caffeina potrebbe aiutare a trattare i sintomi dell’attenzione e della memoria...

La caffeina potrebbe aiutare a trattare i sintomi dell’attenzione e della memoria nell’ADHD

0
30

La caffeina presente nel caffè potrebbe essere un trattamento efficace per alcuni sintomi dell’ADHD. Catherine Falls Commerciale/Getty Images
  • Una recente revisione suggerisce che la caffeina potrebbe contrastare efficacemente i deficit di attenzione, apprendimento e memoria nei modelli animali di disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).
  • I dati sugli effetti della caffeina sull’iperattività e sull’impulsività sono stati contrastanti.
  • La caffeina potrebbe essere usata per trattare gli individui con ADHD i cui sintomi coinvolgono principalmente deficit attenzionali, ma i ricercatori dovranno convalidare questi risultati negli studi sull’uomo.

Una recente revisione che riassume gli studi su modelli animali di ADHD suggerisce che la caffeina potrebbe aiutare a gestire i sintomi cognitivi, come deficit di attenzione, apprendimento e memoria, negli individui con ADHD.

I dati sugli effetti della caffeina sull’iperattività e sull’impulsività sono stati contrastanti, suggerendo che la caffeina potrebbe non essere adatta a individui con ADHD con questi particolari sintomi.

Il coautore dello studio Javier Vázquez, ricercatore presso l’Universitat Oberta de Catalunya, in Spagna, spiega perché hanno scelto di studiare gli effetti della caffeina:

“L’arsenale terapeutico per alleviare l’ADHD è limitato e c’è un certo grado di controversia sull’uso di alcuni tipi di farmaci e stimolanti, specialmente durante l’infanzia e l’adolescenza. Ecco perché è utile studiare l’efficacia di altre sostanze, come la caffeina».

La loro ricerca mirava a riassumere studi recenti che esaminano gli effetti terapeutici della caffeina in modelli animali di ADHD.

La recensione appare sulla rivista Nutrients.

ADHD e stimolanti

L’ADHD è una condizione di salute mentale che colpisce bambini e adulti. Secondo un sondaggio nazionale del 2016, il 9,4% dei bambini e degli adolescenti di età compresa tra 2 e 17 anni negli Stati Uniti aveva ricevuto una diagnosi di ADHD. La prevalenza dell’ADHD negli adulti negli Stati Uniti era 0,96% nel 2016, rispetto allo 0,43% nel 2007, ma l’ADHD adulto rimane sottodiagnosticato.

L’ADHD è caratterizzato da difficoltà a sostenere l’attenzione, iperattività o irrequietezza e comportamento impulsivo. Esistono tre sottotipi principali di ADHD, con il sottotipo più comune caratterizzato da individui che esibiscono tutti e tre i sintomi. Gli altri due sottotipi coinvolgono sintomi di disattenzione senza iperattività o iperattività e impulsività senza disattenzione.

I farmaci comunemente usati per l’ADHD includono stimolanti come metilfenidato (Ritalin, Concerta) e anfetamine.

Sebbene sia un’idea sbagliata comune che gli stimolanti possano peggiorare l’iperattività negli individui con ADHD, farmaci come il Ritalin tendono ad avere un effetto calmante su questi individui.

Un disturbo nei livelli di sostanze chimiche o neurotrasmettitori cerebrali, inclusa la dopamina, serotonina, e la noradrenalina, è associata ai sintomi dell’ADHD. Stimolanti come il metilfenidato tendono a rinormalizzare i livelli di questi messaggeri chimici, in particolare aumentando i livelli di dopamina, un neurotrasmettitore che controlla la capacità di messa a fuoco. Questo potrebbe spiegare gli effetti calmanti controintuitivi di questi farmaci sugli individui con ADHD.

Sebbene le prove lo suggeriscano lungo termine l’uso di stimolanti come il Ritalin è sicuro e benefico per la gestione dei sintomi dell’ADHD, questi farmaci possono essere meno ben tollerati da alcuni individui con ADHD.

La caffeina differisce da altri stimolanti nel suo meccanismo d’azione e potrebbe fornire un’alternativa agli stimolanti dell’ADHD attualmente utilizzati.

La dottoressa Lidia Zylowska, psichiatra della University of Minnesota Medical School e autrice di “The Mindfulness Prescription for Adult ADHD”, ha detto MNT:

“Molti adulti con ADHD si automedicano con la caffeina e sapere di più sui suoi effetti in quelli con ADHD ci aiuterebbe a capire chi/come può o meno trarre beneficio dalla caffeina”.

Il Dr. Zylowska ha spiegato perché la caffeina può essere una buona alternativa ai farmaci da prescrizione in alcuni casi:

“La caffeina ha un profilo meccanicistico unico[ …] e può rappresentare una buona opzione per coloro che non beneficiano o non tollerano i farmaci standard per l’ADHD. Abbiamo sempre bisogno di strumenti aggiuntivi nella cassetta degli attrezzi dell’ADHD”.

Tuttavia, ha sottolineato che gli studi sulla caffeina con pazienti con ADHD erano piccoli, limitati e in gran parte datati, e la maggior parte erano studi preclinici con animali.

Effetti della caffeina sulla funzione cognitiva

Nel presente studio, i ricercatori hanno riassunto 13 studi sugli animali condotti dal 2005 che hanno valutato l’impatto della caffeina sui sintomi dell’ADHD.

La revisione ha rilevato che il trattamento con caffeina riduce i deficit di attenzione e altre funzioni cognitive osservate nell’ADHD.

In particolare, il trattamento con caffeina ha migliorato la discriminazione olfattiva, l’attenzione, l’apprendimento, la ritenzione della memoria, la memoria a breve termine e la memoria di lavoro negli animali adolescenti e adulti con sintomi simili all’ADHD.

Inoltre, il trattamento con caffeina non ha comportato variazioni del peso corporeo o della pressione sanguigna, che sono alcune delle preoccupazioni associate ai farmaci stimolanti.

In contrasto con gli effetti della caffeina sulla funzione cognitiva, i dati sull’impatto della caffeina sull’iperattività erano contrastanti. Inoltre, età e sesso hanno influenzato gli effetti della caffeina sull’iperattività.

Solo uno degli studi esaminati ha valutato l’impatto della caffeina sull’impulsività. Lo studio ha scoperto che la caffeina riduce l’impulsività a breve termine ma aumenta il comportamento dopo il trattamento cronico.

La mancanza di un chiaro effetto della caffeina sull’iperattività e sull’impulsività nell’ADHD suggerisce che la caffeina potrebbe essere adatta solo per il trattamento di individui i cui sintomi coinvolgono principalmente deficit di attenzione.

Gli studi riassunti nella revisione hanno anche scoperto che il trattamento con caffeina ha rinormalizzato i marcatori cerebrali dell’ADHD. Ad esempio, la caffeina ha aumentato i livelli di dopamina e serotonina, che sono più bassi negli individui con ADHD.

Usare la caffeina per il trattamento dell’ADHD

La capacità della caffeina di ridurre i sintomi cognitivi e migliorare i marcatori cerebrali associati all’ADHD nei modelli animali suggerisce che la caffeina potrebbe essere utilizzata per la gestione dei sintomi dell’ADHD negli esseri umani.

Tuttavia, gli autori osservano che sono necessarie ulteriori ricerche per convalidare questi risultati prima che la caffeina possa essere utilizzata per il trattamento dell’ADHD.

Lo ha detto il dottor Mark Stein, direttore del programma ADHD e disturbi correlati al Seattle Children’s Hospital MNT: “Gli studi sugli esseri umani suggeriscono in media un lieve effetto benefico della caffeina sui sintomi dell’ADHD, con grande variabilità nella risposta, nel corso del tempo e problemi di tollerabilità come il sonno scarso”.

Ha anche sottolineato che la maggior parte delle persone con ADHD richiede “interventi più intensi e potenti”.

“[F]o quelli con ADHD subclinico o sintomi di ADHD lieve, la caffeina potrebbe svolgere un ruolo. Tuttavia, si dovrebbe usare cautela nel generalizzare i dati di sicurezza ed efficacia dagli studi sugli animali agli esseri umani con ADHD che hanno sia sintomi che compromissione del loro funzionamento”.
– Dr. Mark Stein