spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoIsraele usa la tortura “in stile americano” sui prigionieri palestinesi?

    Israele usa la tortura “in stile americano” sui prigionieri palestinesi?

    -

    Ex prigionieri che hanno subito maltrattamenti nelle strutture di detenzione statunitensi affermano che gli abusi israeliani sui detenuti palestinesi seguono gli stessi schemi.

    una donna tiene in mano un poster che mostra i prigionieri detenuti durante una protesta
    Una donna palestinese tiene in mano un poster raffigurante alcuni dei detenuti palestinesi radunati dalle forze israeliane dal 7 ottobre, durante una protesta a sostegno delle persone detenute nelle carceri israeliane il 30 maggio 2024 a Nablus, in Cisgiordania. [Sergey Ponomarev/Getty Images]

    Quando l’ex detenuto di Guantanamo Asadullah Haroon guarda le foto dei palestinesi detenuti nelle carceri israeliane, i ricordi dei suoi abusi e delle torture subite nei centri di detenzione degli Stati Uniti tornano alla memoria.

    “Questa è la peggiore forma di oppressione”, dice. “Quando sei etichettato come terrorista non puoi difenderti in nessun modo. Senza dubbio è lo stesso processo; stanno torturando le persone allo stesso modo. Penso che gli americani lo abbiano fatto e gli israeliani lo stiano implementando”.

    Haroon, che ha vinto la causa contro il governo degli Stati Uniti per detenzione illegale nel 2021, è stato detenuto senza accusa nella famigerata prigione di Guantanamo Bay a Cuba per 16 anni dopo il suo arresto nel 2007. Senza dubbio, dice, i palestinesi attualmente detenuti nelle carceri israeliane stanno subendo un trattamento simile a quello che ha subito.

    “È come se nei primi giorni in cui sono stato arrestato, fossi stato picchiato al punto che stavo in piedi; Non potevo sedermi o, se ero seduto e picchiato, non potevo alzarmi. Lo stesso con l’insonnia e sono stato aggredito per diversi giorni. Molti prigionieri furono morsi dai cani. Ci è stata fornita pochissima assistenza medica.

    “La tortura fisica era davvero terribile, ma la peggiore era la tortura mentale in diverse forme. Credo che non ci sia molta differenza nella tortura dei prigionieri di Palestina, Guantanamo, Bagram e Abu Ghraib”.

    Aggredito dai cani e privato dell’acqua

    Secondo la Commissione per gli affari dei detenuti e degli ex detenuti a Gaza, circa 54 palestinesi sono stati uccisi nelle carceri israeliane da quando Israele ha lanciato la sua guerra mortale contro Gaza nell’ottobre dello scorso anno. L’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani in Palestina afferma di aver ricevuto per mesi numerose segnalazioni di detenzioni di massa, abusi sui prigionieri e sparizioni forzate di palestinesi, mentre testimonianze strazianti sono state fornite alle agenzie umanitarie o pubblicate sui social media da palestinesi che sono stati rilasciati. dalla detenzione.

    Alla fine di aprile, il quotidiano israeliano Haaretz ha pubblicato i dettagli degli abusi sui prigionieri palestinesi che erano stati incarcerati senza processo.

    Il suo rapporto includeva descrizioni di percosse regolari, prigionieri aggrediti da cani, costretti a baciare la bandiera israeliana, costretti a maledire il profeta Maometto, privati ​​dell’acqua (anche del bagno in una cella condivisa da 10 detenuti), dell’elettricità essere tagliati, cibo insufficiente e essere spogliati nudi.

    Il racconto di un prigioniero recita: “Una guardia iniziò quindi a infilare carote nell’ano di AH e di altri prigionieri”.

    Prigioniero palestinese
    Un detenuto palestinese mostra ferite alle mani dopo essere stato rilasciato dall’esercito israeliano a Gaza il 20 giugno 2024. L’uomo era stato arrestato durante un attacco israeliano alla Striscia di Gaza. I palestinesi rilasciati a est della città, nel centro della Striscia di Gaza, erano indeboliti e avevano cicatrici sui loro corpi. [Ashraf Amra/Anadolu via Getty Images]

    Gran parte degli abusi perpetrati nelle carceri israeliane sono stati filmati dai soldati che li hanno commessi. Ha forti echi del trattamento riservato ai prigionieri iracheni e afghani nei centri di detenzione statunitensi come il famigerato carcere di Abu Ghraib – dove i soldati statunitensi si fotografarono insieme ai prigionieri in posizioni umilianti nel 2003.

    Il Comitato pubblico contro la tortura in Israele (PCATI) e altre organizzazioni per i diritti umani hanno chiesto al relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura un’azione urgente per porre fine “all’abuso sistematico, alla tortura e ai maltrattamenti dei prigionieri e detenuti palestinesi nelle carceri e nei centri di detenzione israeliani”. strutture”.

    Tale dichiarazione di Adalah, HaMoked, Physicians for Human Rights Israel e PCATI descrive una “brutale escalation”, caratterizzata da quella che sembra essere violenza sistemica, tortura e maltrattamenti contro i palestinesi in custodia israeliana in sette diverse carceri e strutture di detenzione fin dall’inizio. della guerra in ottobre.

    Avvocati e attivisti affermano che il trattamento israeliano dei prigionieri palestinesi porta tutte le caratteristiche di abusi e torture “in stile americano”.

    “Purtroppo negli ultimi 20 anni gli Stati Uniti hanno dato al mondo un pessimo esempio di come dovrebbero essere trattati i prigionieri”, afferma l’avvocato per i diritti umani Clive Stafford Smith, che è stato uno dei primi avvocati a cui è stato concesso l’accesso ai detenuti a Guantanamo Bay. più di 20 anni fa e ha rappresentato clienti, tra cui Haroon, che alla fine hanno ottenuto la libertà dalla prigione.

    “Che si tratti dell’ISIS (ISIL) che copia le uniformi arancioni, o di altri paesi, incluso Israele secondo l’ONU, che utilizzano metodi di interrogatorio abusivi, tutto ciò può essere ricondotto allo sordido esempio di Guantánamo Bay e delle altre prigioni segrete statunitensi”, Stafford Smith dice. “È ormai tempo che gli Stati Uniti ammettano i nostri terribili errori e insistano ancora una volta affinché sia ​​gli Stati Uniti che il resto del mondo si comportino in modo civile”.

    Detenuto senza accusa

    Dei 9.500 prigionieri politici, più di 3.500 palestinesi sono detenuti senza accusa nelle carceri israeliane. Mentre migliaia di persone erano già in prigione prima che la guerra a Gaza iniziasse nell’ottobre dello scorso anno, da allora molti altri sono stati arrestati o nuovamente arrestati.

    Coloro che sono detenuti senza accusa possono essere trattenuti a tempo indeterminato dall’esercito israeliano per periodi rinnovabili, sulla base di “prove segrete” che né ai detenuti né ai loro avvocati è consentito vedere. Attivisti e avvocati per i diritti umani considerano queste persone come ostaggi senza possibilità di ricorso legale.

    Altri che hanno sperimentato simili detenzioni, torture e abusi per mano delle forze guidate dagli Stati Uniti in Iraq e Afghanistan sono d’accordo con loro.

    Mendicare
    Anche Moazzam Begg, ex detenuto di Guantanamo Bay, è stato detenuto nella famigerata prigione di Bagram in Afghanistan. Crede che le forze israeliane stiano usando metodi di abuso e tortura contro i prigionieri palestinesi simili a quelli che ha sperimentato nei centri di detenzione statunitensi [Michelle Shephard/Toronto Star via Getty Images]

    Moazzam Begg è un difensore dei diritti umani che è stato imprigionato a Guantanamo Bay per tre anni senza accusa. Traccia anche parallelismi con quella che gli israeliani chiamano detenzione amministrativa in base alla quale i palestinesi possono essere arrestati e privati ​​dei loro diritti legali.

    “C’è un evidente parallelo tra Gaza e Guantanamo e la guerra al terrorismo”, dice Begg. “Quello che vedi dal trattamento, dallo denudamento dei prigionieri al maltrattamento di loro, all’abuso degli attributi religiosi e razziali. C’è assolutamente un parallelo. È innegabile.”

    Begg dice che quello che gli è successo vent’anni fa, prima nella prigione di Bagram in Afghanistan e poi a Guantanamo, sta ancora accadendo. “Sono tornato in Afghanistan diverse volte. Sono tornato nel centro di detenzione di Bagram dove sono stato denudato e picchiato. Ero legato ad altri prigionieri. Ho assistito agli abusi su altri prigionieri. Ho assistito all’assassinio di altri prigionieri da parte dei soldati americani.

    “E quei soldati americani continuarono a fare quello che facevano da qui, quasi come una copia da manuale ad Abu Ghraib [the notorious prison in Iraq where US soldiers abused detainees in 2003 and 2004], cosa ci è stato fatto a Guantánamo. Ancora una volta, lo spogliamento, il trattamento crudele, inumano e degradante”.

    I gruppi per i diritti umani chiedono un’indagine internazionale urgente per ritenere responsabili gli autori di torture e abusi sui prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane.

    Il gruppo per i diritti umani Euro-Med Monitor, che ha documentato le testimonianze di ex prigionieri palestinesi, ha dichiarato: “Le informazioni raccolte portano alla conclusione che l’esercito israeliano commette abitualmente e ampiamente crimini di arresto arbitrario, sparizione forzata, omicidio volontario, tortura, pratiche disumane trattamento, violenza sessuale e negazione di un giusto processo.

    “Ai detenuti è stato inoltre negato l’accesso al cibo e alle cure mediche, comprese le cure critiche e salvavita, sono stati sputati e urinati addosso e sono stati sottoposti ad altri atti crudeli e degradanti e ad abusi psicologici, comprese minacce di stupro e morte, insulti e altri forme di violenza sessuale”.

    Nonostante le richieste di giustizia da parte di gruppi per i diritti umani e avvocati, Begg afferma di non essere ottimista sul fatto che le cose cambieranno nel prossimo futuro. “Non c’è speranza. Non vedo alcuna speranza riguardo al diritto internazionale, rispetto alle risoluzioni delle Nazioni Unite, molte di esse sono state violate.

    “E lo stesso vale per Israele che commette un genocidio, una pulizia etnica e una presa di mira dei bambini in un momento in cui affermiamo che le leggi sui diritti umani e il diritto internazionale sono onnicomprensivi”.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts