Home Notizia Mondo Ipertensione: la varietà proteica può essere fondamentale

Ipertensione: la varietà proteica può essere fondamentale

0
43

Nemanja Glumac / Stocksy
  • Quasi la metà degli adulti negli Stati Uniti ha la pressione alta o l’ipertensione.
  • Le prove attuali suggeriscono che i cambiamenti nella dieta possono ridurre la pressione sanguigna, ma sono necessarie ulteriori indagini.
  • Un recente studio in Cina mostra che una dieta equilibrata che includa proteine ​​da una varietà di fonti può aiutare gli adulti a ridurre il rischio di sviluppare la pressione alta.

L’ipertensione può portare a malattie cardiovascolari, ictus e malattie che colpiscono i reni e il cervello.

Con quasi metà degli adulti negli Stati Uniti che vivono con l’ipertensione, gli scienziati stanno cercando modi per ridurre il rischio di sviluppare la condizione.

Gli scienziati ritengono che l’ipertensione si verifichi a causa di una combinazione di fattori ambientali e di stile di vita. Il consiglio attuale è che mangiare in modo più sano può ridurre la pressione alta.

Ultimamente, c’è stato un crescente interesse per il ruolo delle proteine ​​come possibile approccio alla prevenzione dell’ipertensione.

Il presente studio, guidato dal Dr. Xianhui Qin, MD, presso la Southern Medical University di Guangzhou, in Cina, ha studiato il legame tra la varietà e la quantità di proteine ​​nella dieta e l’ipertensione di nuova insorgenza.

Gli autori dello studio hanno scoperto che mangiare proteine ​​da una varietà di fonti potrebbe aiutare a ridurre il rischio di ipertensione. Le loro scoperte appaiono nel diario Ipertensione.

Ha detto Tracy Parker, dietista senior presso la British Heart Foundation Notizie mediche oggi“Questo studio si aggiunge alla prova che mangiare una moderata quantità di proteine ​​da una varietà di alimenti è una parte importante di una dieta sana”.

“Sebbene questo studio sia stato osservazionale, suggerisce che mangiare una selezione di proteine ​​vegetali e animali nella dieta può aiutare a controllare la pressione sanguigna e giovare al cuore. Sono ora necessarie ulteriori ricerche per aiutare a capire questo, anche in diversi gruppi di popolazione con differenti assunzioni dietetiche”.

Dati di oltre 12.000 partecipanti

Il team ha preso i dati dal China Health and Nutrition Survey, un progetto di collaborazione tra l’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill e il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CCDC).

L’indagine ha raccolto dati tra il 1989 e il 2015 e ha coperto oltre il 47% della popolazione cinese. La raccolta dei dati avveniva a ondate ogni 2-4 anni. Nell’ondata del 2009, i ricercatori hanno raccolto campioni di sangue.

Il presente studio ha utilizzato i dati raccolti dal 1997 al 2015, escludendo i partecipanti che avevano già una diagnosi di ipertensione, che non avevano completato due round dell’indagine o i cui dati sulla dieta erano insufficienti.

Nutrizionisti qualificati hanno raccolto informazioni sull’assunzione di cibo durante le interviste faccia a faccia. Ciò ha comportato richiami dietetici 24 ore su 24 in 3 giorni della stessa settimana, insieme a un inventario alimentare domestico. Da queste informazioni, gli scienziati hanno quindi calcolato l’assunzione di nutrienti.

Il team ha esaminato la varietà e la quantità di assunzione di proteine ​​da otto principali fonti alimentari: cereali integrali e raffinati, carne rossa lavorata e non, pollame, pesce, uova e legumi. Hanno quindi generato punteggi proteici in base al numero di fonti proteiche consumate da una persona, assegnando un punto per ciascuna fonte.

In un follow-up medio di 6,1 anni, i ricercatori hanno acquisito informazioni sulle nuove diagnosi di ipertensione. L’analisi finale ha incluso un totale di 12.177 partecipanti.

Trovare un collegamento

L’età media dei partecipanti era di 41 anni e circa il 53% erano donne. Durante lo studio, poco più del 35% dei partecipanti ha sviluppato ipertensione.

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti con la più grande varietà di proteine ​​nella loro dieta avevano meno della metà del tasso di ipertensione di nuova insorgenza rispetto a quelli con un punteggio di varietà proteica inferiore a 2.

La quantità totale di proteine ​​ha mostrato una curva a forma di U in relazione all’insorgenza dell’ipertensione. Ciò significa che quelli con la minor varietà e il maggior apporto proteico avevano il rischio più alto di ipertensione di nuova insorgenza.

Per ogni tipo di proteina, i ricercatori hanno identificato livelli specifici in cui il rischio di ipertensione è più basso.

Ha detto il dottor Qin MNT che non era sorpreso dai risultati. “Abbiamo ipotizzato che il consumo di una maggiore varietà di proteine ​​in quantità adeguata potrebbe garantire l’assunzione di diversi aminoacidi essenziali, che possono essere correlati a un migliore stato nutrizionale, ricchezza del microbiota e diversità”.

“Il messaggio per la salute del cuore è che consumare una dieta equilibrata con proteine ​​provenienti da varie e diverse fonti, piuttosto che concentrarsi su un’unica fonte di proteine ​​alimentari, può aiutare a prevenire lo sviluppo della pressione alta”, afferma il dottor Qin.

Prossimi passi

Ha detto il dottor Qin MNT che il lavoro futuro dovrebbe includere partecipanti di altre etnie e di altre regioni. “Sono necessari studi randomizzati per esaminare ulteriormente le associazioni tra la varietà e la quantità di assunzione di proteine ​​​​da diverse fonti alimentari e i rischi di ipertensione e altri esiti per la salute”.

“Inoltre, dovremmo definire ulteriormente la quantità appropriata di assunzione di ciascuna proteina in diverse popolazioni”.

Parker ha aggiunto: “Per mantenere il tuo cuore sano, dovresti concentrarti sul consumo di più frutta, verdura, pesce, legumi e cereali integrali e ridurre gli alimenti ricchi di sale, zucchero e grassi saturi, come torte, biscotti e dolci. Anche i fattori dello stile di vita, come l’esercizio fisico regolare, smettere di fumare e mantenere un peso sano, sono modi importanti per ridurre il rischio di malattie cardiache e circolatorie”.