Il regista esorta le star di Bollywood a rompere il silenzio sulla legge sulla cittadinanza, la violenza

0
58

MUMBAI – Uno dei principali registi di Bollywood ha invitato tre attori superstar a rompere il silenzio su una nuova legge sulla cittadinanza che ha scatenato rivolte in India, dicendo che potrebbero influenzare milioni di fan.

Almeno 21 persone sono morte da quando la folla è scesa in piazza infuriata dalla legislazione del governo a guida nazionalista indù, che secondo i critici discrimina i musulmani.

La violenza e la tempesta politica che infuria attorno ad essa ha creato un dilemma per un'industria cinematografica che è dominata da attori, registi e troupe musulmani ma si rivolge alla popolazione più ampia, prevalentemente indù dell'India.

Una manciata di figure ha parlato contro la legge e la violenza, alcune in manifestazioni a Mumbai, nel cuore di Bollywood. Ma nessuna delle sue tre star principali – Aamir Khan, Salman Khan e Shah Rukh Khan – ha fatto dichiarazioni pubbliche. Tutti e tre sono musulmani.

“Questi tre attori e il loro seguito da fan è qualcos'altro. Una parola può influenzare milioni di persone ", ha detto a Reuters il regista Anubhav Sinha, critico del primo ministro Narendra Modi.

“Io … capisco perché potrebbero non essere in grado di parlare. Non sono arrabbiato con loro ", ha detto Sinha, che ha diretto Shah Rukh Khan nel film del 2011" Ra One ".

Ha detto che non importava cosa dicessero della legge o della violenza, ma solo che hanno contribuito al dibattito. “Non sto dicendo che dovrebbero essere d'accordo con me o con gli altri. La loro opinione può essere l'opposto di quello che abbiamo ".

Nessuno dei tre Khan, che non sono collegati, ha risposto alle richieste di commenti di Reuters.

Addetti ai lavori del settore affermano che la mancanza di commenti o condanne da parte di alcuni dei più grandi nomi del settore indica una grande differenza culturale da Hollywood, dove gli attori assumono regolarmente cause politiche e criticano il governo.

"In America, (il presidente Donald) Trump non può usare le macchine del governo per inseguire attori che non sono d'accordo con lui, ma qui la paura è molto presente", ha detto a Reuters il critico cinematografico e giornalista Rajeev Masand.

Modi è apparso regolarmente a fianco di attori e figure dell'industria cinematografica in occasione di eventi pubblici. L'industria, a sua volta, ha prodotto film che alcuni critici hanno detto avvicinarsi alle conferme politiche.

Quest'anno sono apparsi tre film con attori principali in ruoli di primo ministro, tra cui un film biografico intitolato "PM Narendra Modi".

L'attrice Sayani Gupta – che è apparsa con Shah Rukh Khan nel suo film del 2015 “Fan” – la scorsa settimana ha ritwittato un selfie che i giovani attori popolari tra cui Ranveer Singh e Alia Bhatt hanno preso con Modi durante un evento. Ha aggiunto il messaggio: "È giunto il momento di parlare, ragazzi".

FOTO FILE: i manifestanti gridano slogan e tengono cartelli quando arrivano nella sede di una protesta contro una nuova legge sulla cittadinanza, a Mumbai, in India, il 19 dicembre 2019. REUTERS / Francis Mascarenhas

Un rappresentante di Ranveer Singh ha dichiarato di non essere disponibile per un commento mentre il portavoce di Bhatt non ha risposto immediatamente.

Per i manifestanti, in particolare quelli della Jamia Millia University di Nuova Delhi, dove Shah Rukh Khan è stato arruolato in gioventù, il suo silenzio sembra un tradimento.

"Qualcuno come lui stare in silenzio è inaccettabile", ha detto la studentessa di letteratura Zoya Nadeem Azmi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here