Il presidente iracheno minaccia di dimettersi sfidando gli alleati dell'Iran in parlamento

0
67

BAGHDAD – Il presidente iracheno Barham Salih ha rifiutato giovedì di designare il candidato di un blocco parlamentare appoggiato dall'Iran per il primo ministro, dicendo che avrebbe preferito rassegnare le dimissioni piuttosto che nominare qualcuno nella posizione che sarebbe stato respinto dai manifestanti.

Un manifestante iracheno scatta una foto di un poster di Asaad al-Edani, governatore di Bassora e candidato alla carica di primo ministro durante le proteste antigovernative in corso a Baghdad, in Iraq, il 26 dicembre 2019. REUTERS / Khalid al-Mousily

Il blocco Bina, guidato dal leader della milizia appoggiato dall'Iran Hadi al-Amiri, aveva nominato il governatore di Bassora Asaad al-Edani come prossimo primo ministro dopo settimane di stallo politico.

Ma Salih ha affermato in una dichiarazione che la nomina di Edani non placerebbe i manifestanti che chiedono un primo ministro indipendente senza affiliazione al partito o che aiuti a calmare i disordini che hanno scosso il paese.

Ha detto che poiché la costituzione non gli dà il diritto di rifiutare i nominati per la premiership, era pronto a lasciare.

"Per il mio desiderio di fermare il sangue e mantenere la pace, e con il dovuto rispetto per Asaad al-Edani, mi rifiuto di nominarlo", ha detto Salih. "Pertanto metto la mia volontà di rassegnare le dimissioni del presidente ai membri del parlamento in modo che possano decidere come rappresentanti delle persone ciò che ritengono opportuno".

Le dimissioni di Salih possono solo complicare la situazione di stallo, poiché i legislatori devono prima scegliere un sostituto per lui, e quella persona deve quindi nominare un premier. Secondo la costituzione, il presidente del parlamento riprenderà prima la presidenza a titolo provvisorio.

Le proteste di massa hanno attanagliato l'Iraq dal 1 ° ottobre e per lo più giovani manifestanti chiedono una revisione di un sistema che vedono profondamente corrotto e che mantengono la maggior parte degli iracheni in povertà. Più di 450 persone sono state uccise.

Il primo ministro Adel Abdul Mahdi si è dimesso il mese scorso mentre le proteste continuavano, ma è rimasto in carica in qualità di custode.

Fonti nell'ufficio di Salih hanno detto che il presidente ha lasciato Baghdad giovedì per la sua città natale di Sulaimaniya nella regione semi-autonoma del Kurdistan in Iraq e che avrebbe tenuto un discorso televisivo in seguito.

Le lotte tra partiti politici aggrappati al potere hanno alimentato la crisi e minacciano di provocare più disordini mentre i manifestanti perdono la pazienza per lo stallo.

Due blocchi politici – Bina, sostenuta dall'Iran, e Islah, guidati dal religioso populista Moqtada al-Sadr – sono strettamente coinvolti negli accordi di backroom per concordare un candidato.

UNA ROCCIA E UN POSTO DURO

Qualsiasi accordo su spinose questioni politiche sembra improbabile. Le proteste hanno scosso il paese da due anni di relativa calma a seguito della sconfitta degli insorti dello Stato islamico.

"Il presidente si è trovato tra la roccia dei partiti filo-iraniani e il duro posto della gente, ma ha scelto di schierarsi con i manifestanti", ha detto l'analista politico Ahmed Younis.

“Dicendo che è pronto a dimettersi, sta rispondendo alle pressioni dell'Iran e dei suoi alleati, dicendo che preferirebbe smettere di essere un capro espiatorio. Ha rimosso il tappeto da sotto i partiti filo-iraniani e ha scelto di stare con i manifestanti ".

Martedì il Parlamento ha approvato una nuova legge elettorale, una richiesta chiave dei manifestanti volta a rendere le elezioni più giuste, ma il logjam politico minaccia ulteriori disordini.

I manifestanti chiedono anche un premier indipendente senza affiliazione al partito e la rimozione di un'élite al potere vista come arricchimento dello stato e al servizio di potenze straniere – soprattutto l'Iran – mentre molti iracheni languiscono nella povertà senza lavoro, assistenza sanitaria o istruzione.

ELIMINAZIONE DEL DOVERE

Da quando Saddam Hussein è stato rovesciato nel 2003, il potere è stato condiviso lungo le linee etno-settarie tra i partiti delle tre più grandi comunità irachene.

Il posto più potente, quello del primo ministro, è ricoperto da un arabo sciita, presidente del parlamento da un arabo sunnita e la presidenza da un curdo.

Le fazioni pro-iraniane hanno visto Salih che si sottrasse ai suoi doveri e i legislatori di Bina hanno affermato che era motivo di impeachment.

"Ci sono pressioni americane sul presidente Barham Salih per impedirgli di nominare il candidato del blocco di maggioranza Edani", ha dichiarato il legislatore di Bina Hamid al-Moussawi.

"Il presidente che minaccia di dimettersi è una deroga al suo dovere costituzionale e un passo pericoloso … Barham ha ammesso di aver violato la costituzione, il che ci dà il diritto di ritenerlo responsabile in parlamento e licenziarlo".

Manifestanti iracheni si riuniscono in piazza Tahrir durante le proteste antigovernative in corso a Baghdad, in Iraq, il 26 dicembre 2019. REUTERS / Khalid al-Mousily

Gli Stati Uniti e l'Iran – essi stessi avversari di lunga data – sono i due principali alleati dell'Iraq. I manifestanti affermano che le élite politiche sono tutte fedeli alle potenze straniere, principalmente Teheran e Washington, al di sopra degli interessi degli iracheni di tutti i giorni.

I legislatori del partito di Sadr, che si presenta come nazionalista, hanno salutato la decisione di Salih e hanno promesso di appoggiarlo.

“Siamo contro ogni pressione sul presidente e stiamo con lui. Non accetteremo le sue dimissioni ", ha affermato il legislatore di Sadrist Sabah al-Uqaili.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here