Il presidente di Taiwan sollecita ulteriori colloqui sul disegno di legge "infiltrazione" cinese contestato

0
67

TAIPEI – Il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen ha esortato il Parlamento a discutere di più su una proposta di legge anti-infiltrazione che il governo ritiene necessaria per combattere l'influenza cinese ed è stata condannata dalla principale opposizione e da Pechino.

Il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen parla ai media dopo il secondo discorso politico in diretta prima delle elezioni di gennaio a Taipei, Taiwan, 25 dicembre 2019. REUTERS / Ann Wang

La legislazione fa parte di uno sforzo di anni per combattere ciò che molti a Taiwan vedono come sforzi cinesi per influenzare la politica e il processo democratico sull'isola. La Cina rivendica Taiwan come suo territorio, se necessario sarà sottoposto al controllo di Pechino con la forza.

Il Partito democratico progressista (DPP) al potere di Taiwan ha iniziato una nuova spinta per la legislazione, in vista delle elezioni presidenziali e parlamentari dell'11 gennaio, e potrebbe essere approvata entro la fine dell'anno.

Il principale partito di opposizione di Taiwan, il Kuomintang, che privilegia stretti legami con la Cina, ha condannato la proposta di legge come "strumento politico" di Tsai e del suo DPP per ottenere voti mentre cerca di dipingerli come agenti del Partito comunista cinese.

Parlando a una presentazione politica in diretta televisiva, Tsai ha affermato che altre democrazie nel mondo sono già passate o stanno cercando di approvare tale legislazione per prevenire le interferenze cinesi nei loro affari interni.

"Rispetto a questi paesi, Taiwan è più direttamente confrontata con varie minacce e infiltrazioni dalla Cina", ha affermato Tsai.

Ma alcune persone a casa pensano che questa "rete di protezione democratica" sia una provocazione e simile alla legge marziale, ha aggiunto.

"Penso che questa sia una visione molto negativa e indesiderabile."

Coloro che hanno preoccupazioni per la legge devono specificare esattamente quali sono tali preoccupazioni e non solo far germogliare frasi vuote contro di essa, ha detto Tsai.

Le persone possono avere una discussione approfondita al riguardo in parlamento, ha aggiunto.

"Credo che nello Yuan legislativo, fintanto che tutti si siederanno e parleranno bene, ci sarà un sacco di tempo e spazio per tutti per avere una discussione approfondita".

Parlando in precedenza a Pechino, l'Ufficio Affari di Taiwan della politica cinese ha ribadito la sua opposizione al disegno di legge, affermando che il DPP stava cercando di "rovesciare palesemente" la democrazia e aumentare l'inimicizia.

La Cina ha ripetutamente negato di intromettersi nella politica di Taiwan.

Il disegno di legge è stato redatto dal DPP e mira a vietare attività politiche e finanziamenti da parte di "forze ostili straniere", generalmente considerate un riferimento alla Cina.

Il Parlamento dovrebbe votare il disegno di legge la prossima settimana, una mossa che ha attirato critiche, non solo dall'opposizione Kuomintang.

Terry Gou, fondatore di Apple (AAPL.O) fornitore Foxconn (2317.TW) e l'uomo più ricco di Taiwan, hanno detto martedì a una stazione televisiva di Taiwan che si sarebbe protestato fuori dal parlamento se il DPP si fosse imbattuto nella legislazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here