Il papa difende i migranti, chiede la pace nel messaggio di Natale

0
72

CITTÀ DEL VATICANO – Papa Francesco ha esortato il mondo a lasciare che la luce del Natale penetri l '"oscurità nei cuori umani" che porta alla persecuzione religiosa, all'ingiustizia sociale, ai conflitti armati e alla paura dei migranti.

Nel suo messaggio del giorno di Natale "Urbi et Orbi" (alla città e al mondo), il papa di 83 anni ha chiesto la pace in Terra Santa, Siria, Libano, Yemen, Iraq, Venezuela, Ucraina e diversi paesi africani catturati in conflitto.

Il filo conduttore del suo indirizzo a decine di migliaia di persone in Piazza San Pietro e milioni di persone che guardavano o ascoltavano in tutto il mondo era che il cambiamento ha inizio nel cuore degli individui.

"C'è oscurità nei cuori umani, eppure la luce di Cristo è ancora più grande", ha detto Francesco, mentre ha segnato il settimo Natale del suo pontificato.

“C'è oscurità nelle relazioni personali, familiari e sociali, ma la luce di Cristo è più grande. C'è oscurità nei conflitti economici, geopolitici ed ecologici, ma ancora maggiore è la luce di Cristo ”, ha detto.

Francesco ha individuato la persecuzione dei cristiani da parte di gruppi militanti in Burkina Faso, Mali, Niger e Nigeria, chiedendo a Dio di consolare coloro che soffrono per la loro fede.

Il 1 ° dicembre, almeno 14 persone sono state uccise a colpi di arma da fuoco in una chiesa nel Burkina Faso orientale, dove un'insurrezione islamista ha innescato tensioni etniche e religiose.

Papa Francesco fa un gesto mentre arriva per consegnare il messaggio del giorno di Natale "Urbi et Orbi" dal balcone principale della Basilica di San Pietro in Vaticano, 25 dicembre 2019. REUTERS / Yara Nardi

“BRIGHTEN THE DARKNESS”

Francis, che è stato disprezzato dai politici populisti a causa della sua difesa di rifugiati e migranti, ha dedicato una sezione del suo discorso alla loro situazione.

“È l'ingiustizia che li fa attraversare deserti e mari che diventano cimiteri. È l'ingiustizia che li costringe a sopportare forme indicibili di abuso, schiavitù di ogni tipo e tortura in disumani campi di detenzione ", ha detto Francis.

Questo mese, Francis ha chiesto la chiusura dei campi di detenzione per migranti in Libia.

"È l'ingiustizia che li allontana dai luoghi in cui potrebbero sperare in una vita dignitosa, ma invece si trovano davanti a muri di indifferenza", ha detto.

Francis ha detto che mentre c'erano molti enormi problemi nel mondo, le persone non dovevano guardare lontano per correggere le ingiustizie. Potrebbero fare la differenza nelle proprie comunità come inizio per curare tutti i "membri sofferenti della nostra famiglia umana".

“Possa (Dio) ammorbidire i nostri cuori spesso pietrosi e egocentrici e renderli canali del suo amore. Possa portare il suo sorriso, attraverso i nostri poveri volti, a tutti i bambini del mondo: a coloro che sono abbandonati e a coloro che subiscono violenza ”, ha detto Francis.

Per sottolineare il suo messaggio, i due cardinali che Francesco scelse di unirsi a lui sul balcone centrale della basilica furono Renato Martino, presidente emerito dell'ufficio immigrazione del Vaticano, e Konrad Krajewski, il mandorlo papale che distribuisce aiuti ai poveri e ai senzatetto di Roma.

"Attraverso le nostre fragili mani, possa vestire coloro che non hanno nulla da indossare, dare pane agli affamati e guarire gli ammalati", ha aggiunto, aggiungendo che attraverso l'amicizia, tutti potrebbero essere vicini agli anziani, ai soli, ai migranti e alle persone emarginate .

"In questo gioioso giorno di Natale, possa portare la sua tenerezza a tutti e illuminare l'oscurità di questo mondo", ha detto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here