Il Natale in Libano non è così allegro come morde la crisi economica

0
66

BEIRUT – Il negozio di abbigliamento di Rafi Tabakian in un sobborgo di Beirut di solito brulica di clienti durante le festività natalizie, ma con l'economia del Libano in rovina, gli acquirenti scarseggiano.

FOTO FILE: un manifestante sventola una bandiera libanese accanto a un falò durante le proteste antigovernative in corso a Beirut, in Libano, il 19 novembre 2019. REUTERS / Andres Martinez Casares / File Photo

"Siamo stati in attività per 30 anni e non ho mai visto nulla di simile", ha detto, aggiungendo che le vendite sono diminuite dell'80% a dicembre, anche se ha ridotto i suoi prezzi.

“Ora vediamo i clienti entrare, chiedere il prezzo e poi andarsene. È spaventoso ", ha detto a Reuters Tabakian, che produce e vende vestiti nel quartiere densamente popolato e commerciale della capitale Burj Hammoud.

Il Libano sta attraversando la sua peggiore crisi economica, radicata in decenni di corruzione e sprechi statali, dalla guerra civile del 1975-1990, lasciando le strade più fioche e i centri commerciali più vuoti, con molti negozi e ristoranti privi di clienti.

I guai economici hanno scatenato enormi proteste contro l'élite al potere, le banche stanno imponendo controlli sui capitali, la pressione si è accumulata sulla sterlina libanese agganciata e una forte crisi monetaria ha spinto gli importatori ad aumentare i prezzi.

Le prenotazioni alberghiere, i voli e gli eventi sono precipitati durante quella che di solito è una stagione commerciale intensa per il Libano, che ha la più grande percentuale di cristiani nel mondo arabo.

Molti della grande diaspora del Libano normalmente tornano a casa per le strade piene di macchine e addobbate con le luci.

Ma Pierre Ashkar, il capo dell'associazione alberghiera libanese, ha affermato che le prenotazioni di dicembre sono precipitate da una normale occupazione del 65-75% al ​​7-15% quest'anno.

"Gli hotel hanno chiuso alcune parti dei loro edifici, stanno concedendo ai dipendenti ferie non retribuite e rimuovendo servizi come il trasporto navetta gratuito per l'aeroporto per ridurre al minimo le perdite".

Alcuni consigli locali hanno deciso di riutilizzare le vecchie decorazioni o di farne a meno.

"Abbiamo decorato le decorazioni dello scorso anno, senza aggiungere nulla perché si tratta di circostanze eccezionali", ha dichiarato Raymond Atieh, capo del comune di Jdeideh, a nord di Beirut.

"Le vacanze stanno arrivando, ma stanno arrivando con un pizzico. Le persone sono arrabbiate … Le persone vengono licenziate, pagano metà stipendi o non lavorano ", ha aggiunto Atieh.

Charbel Daccache, un sacerdote nella città di Adma, in gran parte cristiana del Monte Libano, ha affermato che sarebbe meglio aiutare a nutrire i poveri nei momenti difficili "piuttosto che decorare e lanciare glitter".

"Alcuni giorni sono duri, altri sono migliori ma non è la fine. Ecco perché lo dico alla gente, lascia che sia un momento gioioso ".

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here