Il Messico convoca una riunione diplomatica per protestare contro le "molestie" boliviane

0
51

FOTO FILE: I poliziotti stanno all'ingresso dell'ambasciata del Messico a La Paz, in Bolivia, il 23 dicembre 2019. REUTERS / David Mercado

CITTA 'DEL MESSICO – Il ministero degli Esteri messicano mercoledì ha richiesto un incontro con gli accusati della Bolivia per protestare contro le "molestie e intimidazioni" del suo personale diplomatico nella città boliviana di La Paz.

Da lunedì, il Messico ha accusato la Bolivia di aumentare la presenza della polizia al di fuori della sua ambasciata e intimidatori diplomatici.

Lo spaccone segue un brivido nei rapporti dopo che il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador il mese scorso ha dato asilo politico all'ex presidente boliviano Evo Morales, un collega di sinistra.

Il ministero degli Esteri messicano ha dichiarato di aver convocato una riunione per giovedì affinché l'accusa boliviana degli imprenditori possa "spiegare il comportamento delle autorità boliviane", ha affermato il ministero in una nota.

Ha aggiunto che nove persone sono ospitate in strutture diplomatiche in Bolivia sotto la protezione del Messico.

Martedì, in una lettera al Ministero degli Esteri della Bolivia, l'ambasciata messicana ha dichiarato che il numero di agenti di polizia che circondano le sue strutture è aumentato da novembre e che ha rilevato droni di sorveglianza su edifici diplomatici.

"Più che proteggere questi siti e il personale diplomatico messicano … intimidiscono il personale e interrompono la pace e la dignità di questa rappresentanza diplomatica", ha detto la lettera, rilasciata mercoledì sera.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here