Il Messico cancella l'alleato del presidente per aver commesso un errore dopo un'indagine etica

0
103

CITTA 'DEL MESSICO – Un'indagine del governo messicano ha chiarito un influente alleato del presidente di qualsiasi illecito giovedì, dopo che i critici hanno affermato che il capo dell'utilità del potere statale aveva nascosto un vasto portafoglio immobiliare e conflitti di interessi.

Il ministero della Pubblica amministrazione (SFP) ha aperto la ricerca al direttore generale della Federal Electric Commission (CFE) Manuel Bartlett dopo che i media hanno riferito di non aver rivelato completamente l'entità della sua ricchezza nelle dichiarazioni ufficiali o i suoi legami con alcune società, tra cui una che offre elettricità servizi e un altro che ha vinto un contratto sotto l'attuale governo.

Le accuse contro Bartlett, un veterano e talvolta una figura di divisione nella politica messicana, sono state un potenziale imbarazzo per il presidente Andres Manuel Lopez Obrador, entrato in carica lo scorso dicembre giurando di sradicare la corruzione radicata.

Lopez Obrador, un uomo di sinistra che ha sfruttato Bartlett per il suo ruolo attuale, aveva affermato che il capo del CFE era stato attaccato dagli avversari quando le accuse sono emerse per la prima volta nei rapporti dei giornalisti messicani Areli Quintero e Carlos Loret de Mola.

Irma Sandoval, il capo della SFP, ha dichiarato che Bartlett ha presentato correttamente le sue dichiarazioni di ricchezza.

"Dai registri che abbiamo raccolto … non ne consegue che il signor Manuel Bartlett Diaz abbia avuto alcun tipo di conflitto di interessi", ha detto ai giornalisti.

Sandoval ha affermato che Bartlett non ha avuto alcun coinvolgimento amministrativo con le società per le quali era stato interrogato e che non era obbligato a rivelare proprietà appartenenti a bambini o partner che non erano dipendenti, facendo riferimento alle sue dichiarazioni.

La SFP aveva agito in modo indipendente nel caso, ha aggiunto.

"Non ci sono intoccabili", ha detto. "Stiamo prendendo provvedimenti e continueremo ad agire con la legge nelle nostre mani".

Bartlett è ben noto in Messico per aver annunciato durante le elezioni presidenziali del 1988 che i computer per il conteggio dei voti si erano schiantati mentre il principale candidato dell'opposizione era in testa.

All'epoca, Bartlett era ministro degli interni del Partito rivoluzionario istituzionale (PRI) di lunga durata.

Quando i computer sono tornati online, il candidato PRI aveva vinto, attirando le accuse di frode dalla critica.