Il Messico accusa la Bolivia di ulteriori molestie, anche se il presidente vede arrendersi

0
66

CITTA 'DEL MESSICO – Martedì il ministero degli Esteri messicano ha nuovamente accusato i funzionari della sicurezza e dell'intelligence boliviani di aver molestato il suo personale diplomatico a La Paz, nonostante le osservazioni del presidente messicano all'inizio del giorno in cui la sorveglianza intrusiva stava diminuendo.

FOTO FILE: il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador celebra l'approvazione della Camera degli Stati Uniti dell'accordo commerciale nordamericano USMCA presso il Palazzo Nazionale di Città del Messico, Messico, 19 dicembre 2019. Presidenza / consegna del Messico tramite REUTERS

Lunedì il Messico ha accusato la Bolivia di aver intimidito i suoi diplomatici a La Paz dopo un brivido nelle relazioni da quando il mese scorso il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha dato asilo politico all'ex presidente boliviano Evo Morales, un collega di sinistra.

Il governo della Bolivia ha risposto dicendo che il Messico aveva dirottato un vertice regionale e aveva trascinato i piedi nel riconoscere il suo nuovo premier conservatore.

Martedì, il Ministero degli Esteri messicano ha dichiarato che la polizia boliviana stava registrando i movimenti di persone che andavano e venivano dalle strutture diplomatiche, oltre a rintracciare veicoli diplomatici e cercare di impedire all'ambasciatore di muoversi liberamente.

"Queste azioni ovviamente non sono in linea con le consuete pratiche di sorveglianza e protezione degli edifici diplomatici … e possono essere spiegate solo alla luce della situazione politica interna", ha affermato il ministero in una nota.

Lunedì il Messico si è lamentato della sorveglianza "eccessiva" di circa 150 agenti dell'intelligence e del personale di sicurezza boliviani.

Lopez Obrador ha rifiutato di commentare ciò che aveva motivato la Bolivia ad agire come presunto dal suo governo. Martedì prima aveva detto che le cose stavano migliorando.

"Ho notizia che questa situazione di estrema sorveglianza nella nostra ambasciata in Bolivia è notevolmente migliorata", ha detto martedì alla sua conferenza stampa regolare.

Anche così, "molte cose" avevano ancora bisogno di essere chiarite, ha detto.

Il segretario presidenziale della Bolivia, Erick Foronda, ha detto che il personale di sicurezza è stato collocato intorno all'ambasciata messicana per proteggere il sito perché ospita alleati di Morales, secondo quanto riferito dal Bolivian Information Agency (ABI).

Ha aggiunto che l'aumento degli ufficiali non ha influito sulla libera circolazione dei funzionari dell'ambasciata.

Il ministro degli Esteri della Bolivia, Karen Longaric, ha dichiarato lunedì che le autorità boliviane rispetterebbero il privilegio diplomatico e non entrerebbero nell'ambasciata del Messico.

La Bolivia si è spostata a destra da quando Morales si è dimesso a novembre dopo le elezioni presidenziali che l'Organizzazione degli Stati americani aveva dichiarato truccato a suo favore.

La Bolivia è attualmente governata dalla presidente ad interim Jeanine Añez, ex senatore conservatore e oppositore di Morales.

Lopez Obrador ha affermato che il Messico è ansioso di sapere se si terranno nuove elezioni in Bolivia e se tutte le "forze politiche" sarebbero in grado di prenderne parte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here