Il Messico accusa la Bolivia di aver intimidito i suoi diplomatici a La Paz

0
67

Karen Longaric, ministro degli Esteri della Bolivia, parla durante una conferenza stampa a La Paz, in Bolivia, il 23 dicembre 2019. REUTERS / David Mercado

CITTA 'DEL MESSICO / SANTIAGO – Lunedì il Messico ha accusato la Bolivia di aver intimidito i suoi diplomatici mentre la Bolivia ha dichiarato che il Messico ha dirottato un vertice regionale e ha trascinato i piedi nel riconoscere il suo nuovo premier conservatore.

Lunedì il ministero degli Esteri messicano ha dichiarato di essere "profondamente preoccupato" per la sorveglianza "eccessiva" della residenza dell'ambasciatore messicano e dell'ambasciata messicana in Bolivia da parte di circa 150 agenti dell'intelligence e della sicurezza boliviani.

In una lettera all'Organizzazione degli Stati americani (OAS), il Messico ha dichiarato che i boliviani "intimidiscono" il personale diplomatico e hanno tentato di "trattenere e ispezionare" il veicolo dell'ambasciatore lunedì.

La Bolivia si è inclinata a destra da quando l'ex presidente socialista Evo Morales si è dimesso a novembre dopo le elezioni presidenziali che l'OSA ha dichiarato truccate a suo favore. La Bolivia è attualmente governata dalla presidente ad interim Jeanine Añez, ex senatore conservatore e oppositore di Morales.

Il presidente di sinistra messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha concesso asilo a Morales, ed è ora in Argentina dove il nuovo governo peronista del presidente Alberto Fernandez ha indicato che gli darà anche asilo politico.

Lunedì, il ministero degli Esteri della Bolivia ha dichiarato di prendere in considerazione l'idea di ritirarsi dalla Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC) perché il Messico, il presidente dell'organizzazione del 2020, ha programmato quest'anno durante la presidenza della Bolivia per un incontro l'8 gennaio.

Anche il Messico si è reso colpevole di "condotta ostile" e ha dimostrato di essere "riluttante" a riconoscere la presidenza di Añez, ha aggiunto.

Karen Longaric, ministro degli Esteri boliviano, ha dichiarato che non parteciperà all'incontro dell'8 gennaio in Messico. "Vedremo se in futuro rimarremo parte del CELAC o no", ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa a La Paz.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here