Il leader islamista pakistano si dichiara non colpevole di accuse di finanziamento del terrorismo

0
55

FOTO FILE: Hafiz Muhammad Saeed, capo dell'associazione islamica bandita Jamat-ud-Dawa, osserva le persone affollate mentre concludono una "Kashmir Caravan" da Lahore con una protesta a Islamabad, Pakistan, 20 luglio 2016. REUTERS / Caren Firouz / / File foto

LAHORE, Pakistan – Il militante islamista pakistano Hafiz Saeed, la presunta mente degli attacchi mortali del 2008 a Mumbai, si è dichiarato non colpevole venerdì in un secondo caso con l'accusa di finanziamento del terrorismo, ha affermato un procuratore del governo e un avvocato della difesa.

Saeed, che è stato incriminato con accuse simili in un altro caso l'11 dicembre, è stato presentato in un tribunale antiterrorismo nella città orientale di Lahore in Pakistan, ha riferito al procuratore Abdur Rauf Watto a Reuters.

L'avvocato della difesa Imran Gill ha affermato che il secondo caso era legato alle operazioni di beneficenza di Saeed. "Le organizzazioni benefiche militanti accusate hanno raccolto fondi illegali", ha detto Watto.

Saeed è il fondatore di Lashkar-e-Taiba (LeT), o Army of the Pure, un gruppo militante accusato dagli Stati Uniti e dall'India per l'assedio di Mumbai di quattro giorni in cui furono uccise 160 persone. Gli stranieri, compresi gli americani, erano tra i morti.

La polizia antiterrorismo del Pakistan ha arrestato Saeed a luglio, pochi giorni prima di una visita a Washington del Primo Ministro Imran Khan.

Le accuse sono arrivate prima di un incontro del Financial Action Task Force (GAFI) all'inizio del prossimo anno che deciderà se inserire nella lista nera il Pakistan per il suo fallimento nel frenare il finanziamento del terrorismo.

Gli Stati Uniti hanno offerto un premio di $ 10 milioni per le informazioni che hanno portato alla condanna di Saeed, che è stato arrestato e rilasciato più volte nell'ultimo decennio.

Washington ha a lungo esercitato pressioni sul Pakistan per provare Saeed, che è designato terrorista dagli Stati Uniti e dalle Nazioni Unite.

L'islamista ha negato qualsiasi coinvolgimento negli attacchi di Mumbai e afferma che la sua rete, che comprende 300 seminari e scuole, ospedali, una casa editrice e servizi di ambulanza, non ha legami con gruppi di militanti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here