Il giornalista indiano veterano Vinod Dua muore a 67

0
41

Dua, una pioniera del giornalismo televisivo hindi, aveva contratto il COVID all’inizio di quest’anno.

Dua insieme a sua moglie Padmavati “Chinna” Dua aveva contratto il COVID-19 durante la devastante seconda ondata dell’India in aprile-maggio [File: Prabhas Roy/Hindustan Times via Getty Images]

Il giornalista indiano veterano Vinod Dua è morto all’età di 67 anni, sua figlia ha confermato sui social media.

“Il nostro padre irriverente, senza paura e straordinario, Vinod Dua è morto”, Mallika Dua, attore e comico, ha annunciato la morte di suo padre in un post su Instagram sabato.

Dua, un pioniere del giornalismo televisivo hindi, è salito alla ribalta negli anni ’80 iniziando la sua carriera con l’emittente statale Doordarshan, passando ad altri punti vendita tra cui NDTV e la piattaforma di notizie digitali indiane The Wire.

“Ha vissuto una vita inimitabile, passando dalle colonie di rifugiati di Delhi al picco dell’eccellenza giornalistica per oltre 42 anni, sempre, dicendo sempre la verità al potere”, ha scritto sua figlia.

Dua insieme a sua moglie Padmavati “Chinna” Dua aveva contratto il COVID-19 durante la devastante seconda ondata indiana di aprile-maggio. Chinna Dua è morta a giugno. Il giornalista veterano non si era tenuto bene da allora. Lunedì è stato trasferito in terapia intensiva all’ospedale Apollo.

Dua è stato inondato di numerosi premi durante la sua carriera, incluso nel 1996, quando ha vinto l’ambito premio Ramnath Goenka Excellence in Journalism.

Il governo indiano gli ha conferito il Padma Shri for Journalism nel 2008.

‘Il più grande’

Amici e colleghi si sono rivolti ai social media per rendere omaggio a Dua. Il co-fondatore di NDTV Prannoy Roy lo ha definito “il più grande del suo tempo”.

“Un talento straordinario che ho ammirato e rispettato e dal quale ho imparato molto nei tanti anni in cui abbiamo lavorato a stretto contatto”, ha twittato.

Arfa Khanum Sherwani, editore di The Wire, ha affermato che Dua era “più di un collega, era un amico, un filosofo e una guida per me”. “Non c’era nessuno come lui”.

Dua è stata accusata di sedizione nel 2020 da un membro del Bharatiya Janata Party (BJP) al governo per aver formulato osservazioni critiche nei confronti del primo ministro indiano Narendra Modi.

“Anche nei tuoi momenti più deboli, hai dato al giornalismo indiano un giudizio fondamentale. Nessun giornalista sarà colpito a caso con un caso di sedizione perché Vinod Dua ha combattuto quella battaglia per loro, come ha sempre fatto”, ha detto Mallika in riferimento al caso ormai defunto.

La Corte Suprema indiana ha respinto le accuse contro Vinod nel giugno di quest’anno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here