Il Giappone ritarda la rimozione del carburante da due reattori di Fukushima Daiichi

0
61

TOKYO – Venerdì il governo giapponese ha ritardato la prevista rimozione di carburante da due reattori della centrale nucleare di Fukushima Daiichi, mettendo in evidenza le difficoltà che si incontrano per affrontare un disastro sul luogo del disastro del 2011.

Il Giappone prevede di smantellare completamente l'impianto di Fukushima Daiichi di Tokyo Electric Power, che è stato colpito da un forte terremoto e tsunami che ha provocato il tracollo, tra 30 e 40 anni. La rimozione delle barre di combustibile e dei detriti, nonché dell'acqua contaminata, sono tra le principali sfide.

Mentre il piano di disattivazione rimane invariato, il governo ha affermato che ora mira a iniziare a rimuovere il combustibile esaurito dal reattore n. 2 intorno al 2024-2026 e dal reattore n. 1 intorno al 2027-2028. In precedenza aveva pianificato di iniziare entrambi intorno al 2023.

Il carburante sarà rimosso da tutti e 6 i reattori Daiichi entro il 2031, ha affermato.

Alcuni esperti hanno affermato che anche un obiettivo di disattivazione di 40 anni è troppo ottimista e che il Giappone potrebbe dover adottare un approccio simile a Chernobyl, ad esempio aspettando che la radioattività sbiadisca naturalmente.

Il disastro di Fukushima portò allo spegnimento dei allora 54 reattori del paese, che un tempo fornivano quasi un terzo dell'elettricità giapponese. Alcuni reattori sono stati riavviati, ma permangono preoccupazioni sulla sicurezza nucleare.

Preoccupa che il cibo locale possa essere contaminato ha spinto i piani del comitato olimpico della Corea del Sud ad acquistare rilevatori di radiazioni e spedire ingredienti nostrani in Giappone prima dei Giochi di Tokyo del prossimo anno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here