Il capo dell'aviazione cilena: "Forse non sapremo mai" cosa è successo alla perdita di Ercole

0
65

FOTO FILE: i detriti che l'Aeronautica Cilena ritiene provengano da un aereo da carico militare Hercules C-130 che si è schiantato questa settimana e è scomparso, è visto nel Passaggio di Drake o nel Mare di Hoces, Mid-Sea in questa dispensa non datata ricevuta a dicembre 11, 2019. Fuerza Aerea de Chile (Air Force cilena) / via REUTERS

SANTIAGO – Il comandante in capo dell'Aeronautica cilena ha avvertito che la lotta per recuperare i resti di un Ercole che si è schiantato in rotta verso l'Antartico due settimane fa potrebbe rendere difficile determinare cosa è successo all'aereo.

L'aereo cargo Hercules C-130, che trasportava 17 membri dell'equipaggio e 21 passeggeri, scomparve poco dopo il decollo il 9 dicembre dalla città meridionale di Punta Arenas nella Patagonia cilena.

Le condizioni meteorologiche estreme, tra cui nuvole basse, forti venti e enormi ondate di onde oceaniche, inizialmente hanno complicato gli sforzi di ricerca, ma nel giro di pochi giorni un team internazionale ha recuperato detriti, effetti personali e resti umani 30 chilometri (18,6 miglia) a sud di dove l'aereo ha fatto l'ultima volta contatto.

Questa settimana gli investigatori hanno iniziato le ricerche subacquee nel Mare di Drake, un vasto deserto incontaminato oceanico al largo del margine meridionale del continente sudamericano che si tuffa a 3.500 metri (11.500 piedi).

Il comandante in capo dell'Aeronautica militare cilena, Arturo Merino Núñez, ha affermato che, poiché non erano stati ancora trovati più detriti, era possibile che non avrebbero "mai saputo" cosa fosse successo all'aereo. "Speriamo che non arrivi a quello", ha aggiunto.

"Da quello che abbiamo trovato e dato il contesto, la verità è che l'aereo ha subito un crollo completo che lo ha fatto disintegrare, sia nel mare che nell'aria", ha detto.

Se si trovassero parti più grandi dei detriti dell'aereo, ha detto, "ci permetterebbe di ignorare le ipotesi meno probabili e di concentrarci su ciò che ha realmente causato l'incidente".

"A questo punto tutte le possibili ipotesi verranno studiate con una mente aperta", ha detto. “Siamo tutti piloti e vogliamo sapere cosa è successo all'aeromobile per prendere misure correttive, se ce ne fossero. Questo è anche molto preoccupante per noi perché dobbiamo continuare a far funzionare l'aereo, le campagne antartiche devono continuare ”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here