I residenti di Beita raggiungono le terre per la prima volta dall’acquisizione dei coloni

0
42

Centinaia di paurosi palestinesi hanno raggiunto la loro terra a Jabal Sabih, che è stata occupata dai coloni e poi dall’esercito israeliano, per raccogliere i loro ulivi.

Aisha Khader, 62 anni, lavora nella fattoria di ulivi della sua famiglia nel villaggio palestinese di Beita vicino a Nablus [Al Jazeera]

Beita, Cisgiordania occupata – Per la prima volta da quando è stata occupata dai coloni israeliani, centinaia di palestinesi di questo villaggio assediato sono riusciti a raggiungere la loro terra confiscata.

Con l’inizio della stagione della raccolta delle olive in Palestina, i residenti e i proprietari terrieri di Beita si sono recati domenica sulla vetta di Jabal Sabih (Monte Sabih) per raccogliere i loro raccolti, aspettandosi di essere bloccati dall’esercito israeliano.

L’area è stata il sito dell’avamposto israeliano illegale di Evyatar, dove all’inizio di quest’anno decine di coloni hanno allestito carovane sotto la protezione dell’esercito israeliano.

“Avevamo tutti paura di non essere in grado di raggiungere le nostre terre”, ha detto Aisha Khader, 62 anni, la cui famiglia possiede terreni a Jabal Sabih.

“Non sono riuscito a dormire la scorsa notte per paura. Eravamo molto preoccupati. Avevo paura per i miei figli e i loro figli, temevo eventuali attacchi dei coloni o [the army] lanciandoci bombe a gas”, ha detto Khader ad Al Jazeera.

Le famiglie palestinesi sono arrivate ai margini della loro terra – a circa 60 metri (200 piedi) di distanza dall’avamposto dei coloni – mentre i soldati israeliani stavano di guardia.

I palestinesi raccolgono i loro ulivi a Jabal Sabih, sito di un avamposto israeliano illegale evacuato, domenica [Al Jazeera]

Terra in pericolo

Jabal Sabih a Beita, un villaggio palestinese alla periferia sud di Nablus, nel nord della Cisgiordania occupata, è stato teatro di intensi scontri quest’anno dopo i numerosi tentativi dei coloni israeliani di conquistare le aree palestinesi.

Nel maggio 2021, circa 50 famiglie di coloni israeliani si sono trasferite dopo aver eretto una serie di roulotte su Jabal Sabih, che coprono circa 35 dunam (3,5 ettari). La loro presenza, insieme all’esercito per proteggerli, ha impedito ai palestinesi di accedere alle loro aree.

In seguito alle proteste quotidiane, agli scontri e alle attività di resistenza della “confusione notturna” di Beita iniziate a marzo, i coloni sono stati evacuati all’inizio di luglio. Ma l’esercito rimane di stanza lì, a guardia delle carovane e impedendo ai palestinesi di raggiungere la loro terra.

L’esercito di occupazione israeliano ha ucciso sette palestinesi con proiettili veri dall’inizio degli scontri a Beita, con l’ultima sparatoria il 24 settembre. Centinaia sono stati anche feriti da proiettili d’acciaio rivestiti di gomma e candelotti lacrimogeni.

I soldati di occupazione israeliani rimangono di stanza nel sito dell’insediamento illegale di Evyatar, costruito su terra palestinese vicino a Nablus [Al Jazeera]

L’area è minacciata dalla confisca formale da parte dell’esercito israeliano, che potrebbe dichiararla “terra demaniale” o trasformarla in una base militare.

Con l’inizio della stagione della raccolta delle olive, i residenti palestinesi di Beita hanno dichiarato di aver deciso di venire collettivamente e lavorare le loro terre nonostante la presenza dell’esercito israeliano sulle loro terre.

“Non possiamo rinunciare a nessuno di questi alberi. Sono come le nostre anime e altro ancora”, ha detto Khader. “L’agricoltore palestinese non può vivere senza il suo petrolio. Dipendiamo dall’olio d’oliva in tutti gli aspetti della nostra vita”.

Linah Maazouz al-Deir, 30 anni, un’altra residente di Beita, ha detto ad Al Jazeera di essere andata a Jabal Sabih per aiutare la famiglia di suo zio a raccogliere i loro ulivi nonostante il timore di potenziali attacchi da parte dell’esercito israeliano.

“Il giorno della raccolta delle olive è un giorno bello, speciale e faticoso. Ma è segnato dalla paura dell’occupazione israeliana”, ha detto.

“Non possiamo abbandonare la nostra terra. Mio padre e mio zio l’hanno ereditata da mio nonno e ci hanno lavorato tutti molto duramente. Molti giovani furono martirizzati su questa terra. Spero che rimanga nostro per sempre».

Linah Maazouz al-Deir raccoglie le olive su Jabal Sabih domenica [Al Jazeera]

Un altro agricoltore, Hilal Ahmad Khader Budair, 72 anni, ha detto ad Al Jazeera di possedere un appezzamento di terreno di quattro dunam (0,5 ettari) a Jabal Sabih, con circa 65 ulivi che ha piantato su di esso.

“Avevamo paura di venire perché sappiamo che questo è un nemico che non ha pietà”, ha detto Budair, “ma avevamo qualche speranza che l’esercito si sarebbe fatto da parte”.

L’insegnante in pensione ha detto di aver ereditato la sua terra da suo padre e suo nonno. “Questa terra si è formata con il sangue dei martiri, con il sudore e le lacrime delle nostre famiglie, quindi come possiamo abbandonarla?

“Venivamo qui e non dovevamo preoccuparci degli israeliani in tutta l’area. Questa è la nostra terra, la nostra terra e le nostre olive. Siamo i legittimi eredi di questa terra”.

Hilal Ahmad Khader Budair, 72 anni, ha detto che non avrebbe mai abbandonato il suo appezzamento di terra a Jabal Sabih [Al Jazeera]

Budair ha affermato che mentre gli ulivi sono la principale fonte di sostentamento per gli agricoltori palestinesi in generale, questa realtà è ancora più specifica per Beita.

“Non c’è un centimetro nelle terre di Beita che non sia coltivato ad ulivi. Non abbiamo coltivato altri alberi perché è una zona montuosa e in passato era difficile raggiungere questa zona e trasportare l’acqua qui”, ha spiegato.

“Dipendiamo principalmente da questo albero benedetto: non richiede molte cure, come altri alberi”, ha detto Budair.

I residenti di Beita si sono impegnati a continuare le loro proteste fino a quando l’esercito israeliano non lascerà l’avamposto.

Mounir Mohammad Khdeir ha affermato di essere venuto “per aiutare le persone a raccogliere le olive e per sostenere la loro presenza su questa terra”.

Khdeir ha detto ad Al Jazeera di aver trovato “molto importante” la presenza di molti palestinesi domenica.

“Oggi sono venuti tutti per partecipare alla raccolta delle olive: questa è un’indicazione del valore inestimabile della terra”.

Mounir Mohammad Khdeir siede di fronte all’avamposto di insediamento illegale di Evyatar [Al Jazeera]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here