I pubblici ministeri britannici accusano la moglie del diplomatico americano per un incidente mortale

0
84

LONDRA – Venerdì, i procuratori britannici hanno dichiarato di aver deciso di accusare la moglie di un diplomatico americano per un incidente mortale in Inghilterra e di chiedere la sua estradizione, una decisione che "deluse" Washington.

FOTO FILE: Charlotte Charles, la madre di Harry Dunn, posa davanti a uno striscione fuori da Buckingham Palace, mentre la gente dimostra durante la visita del presidente degli Stati Uniti Donald Trump per il vertice della NATO, a Londra, in Gran Bretagna, il 3 dicembre 2019. REUTERS / Dylan Martinez

Harry Dunn, 19 anni, morì dopo che la sua moto fu in collisione con un'auto guidata da Anne Sacoolas vicino a RAF Croughton, una base aerea nella contea inglese del Northamptonshire che viene utilizzata dai militari statunitensi.

Sacoolas, 42 anni, ricevette l'immunità diplomatica e lasciò la Gran Bretagna poco dopo l'incidente, scatenando una disputa tra Londra e Washington sull'opportunità di tornare per affrontare le indagini.

Ha detto che non sarebbe tornata volontariamente per affrontare una potenziale pena detentiva.

Il Crown Prosecution Service (CPS) britannico ha dichiarato venerdì che accuserà Sacoolas di aver causato la morte per guida pericolosa e di aver avviato un procedimento legale.

Ma ha detto che spettava al Ministero degli Interni (ministero degli interni) decidere se cercare formalmente l'estradizione di Sacoolas attraverso canali diplomatici.

Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha accolto con favore la decisione di accusa, aggiungendo in una dichiarazione: "Spero che Anne Sacoolas ora realizzerà che la cosa giusta da fare è tornare nel Regno Unito e cooperare con il processo di giustizia penale".

Il dipartimento di stato degli Stati Uniti ha espresso delusione.

"Siamo delusi dall'annuncio odierno e temiamo che non avvicinerà una risoluzione", ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato.

"Gli Stati Uniti sono stati chiari sul fatto che, al momento dell'incidente, e per la durata della sua permanenza nel Regno Unito, l'autista in questo caso aveva uno status che conferiva immunità diplomatiche".

L'avvocato di Sacoolas Amy Jeffress ha detto che non sarebbe tornata in Gran Bretagna per essere processata.

"Anne non tornerà volontariamente nel Regno Unito per affrontare una potenziale pena detentiva per quello che è stato un incidente terribile ma non intenzionale", ha detto Jeffress in una nota.

"BELLO" MA "SAD"

Il caso di Dunn è diventato famoso a livello internazionale quando i suoi genitori hanno incontrato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump alla Casa Bianca in ottobre, un'occasione che ha definito "bella" ma "triste".

Trump sperava di convincerli a incontrare Sacoolas, che era nello stesso edificio, ma hanno rifiutato.

Inizialmente Sacoolas ha collaborato con la polizia locale dopo l'incidente, ma in seguito ha dichiarato di avere un'immunità diplomatica.

La Casa Bianca e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti non hanno immediatamente risposto a una richiesta di commento.

La pena detentiva massima in Gran Bretagna per aver causato la morte per guida pericolosa è di 14 anni.

La madre di Dunn, Charlotte Charles, scoppiò in lacrime dopo aver scoperto che erano state presentate accuse, dicendo che significava che aveva mantenuto una promessa a suo figlio di rendergli giustizia.

"Non avevamo idea che sarebbe stato così difficile e ci sarebbe voluto così tanto tempo, ma pensiamo davvero che sia un enorme passo verso quella promessa a Harry", ha detto ai giornalisti.

Edward Grange, partner dello studio legale criminale Corker Binning, ha affermato che Sacoolas potrebbe partecipare volontariamente a un'audizione in Gran Bretagna e che se non si presentasse, potrebbe portare a una richiesta di estradizione.

"La prospettiva di una richiesta di estradizione che ha avuto successo resta da vedere, in particolare alla luce dei commenti dell'amministrazione Trump che è molto riluttante a consentire ai suoi cittadini di essere processati all'estero", ha affermato.