I pescatori piangono fallo mentre la Cina fa offerte per riparare il lago colpito dalla siccità

0
128

WUCHENG, Cina – Dopo essersi imbattuto in distese fangose, Fan Xinde, un pescatore di 36 anni, vaglia le vecchie monete di rame dai detriti raccolti dal letto di un fiume in diminuzione che alimenta il più grande lago d'acqua dolce della Cina, il Poyang.

FOTO FILE: Le barche abbandonate si trovano sul letto del lago essiccato del lago Poyang, il più grande lago d'acqua dolce della Cina, a Jiujiang, provincia dello Jiangxi, Cina, 9 dicembre 2019. REUTERS / Aly Song

Mentre gli abitanti fuggivano invadendo truppe giapponesi 80 anni fa, le monete furono imballate in scatole e spedite lungo il fiume su zattere, con molti affondamenti senza lasciare traccia. Ora vengono scoperti mentre l'acqua nel Poyang si ritira al suo livello più basso degli ultimi decenni, fornendo un piccolo reddito per i pescatori come Fan che affrontano un futuro incerto.

Il 1 ° gennaio 2020, la Cina vieterà la pesca nelle regioni sensibili dal punto di vista ambientale lungo lo Yangtze, il fiume più lungo della Cina, e all'inizio del 2021, la pesca in tutto il Poyang stesso sarà vietata per almeno 10 anni.

Fan, che ha lavorato per metà della sua vita sul lago, ha affermato che lui e altri 100.000 pescatori sono stati ingiustamente accusati di aver sollevato problemi ambientali locali e ora devono trovare altri modi per guadagnarsi da vivere.

“Le nostre fonti di reddito sono state tagliate. Non abbiamo nient'altro ", ha detto. "Ad essere onesti, non dovremmo assolutamente raccogliere le monete perché sono di proprietà dello Stato, ma è solo una piccola somma."

Il governo afferma che la pesca eccessiva ha portato gli stock a livelli pericolosamente bassi e ha messo in pericolo le specie in pericolo, tra cui l'ultimo mammifero fluviale cinese sopravvissuto, la focena senza pinne dello Yangtze.

Ma il Poyang, descritto dal presidente Xi Jinping come un "rene" vitale che filtra le riserve idriche del 40% della popolazione cinese, è stato anche ferito da un'intensa attività di estrazione di sabbia, acque reflue non trattate e l'impatto della gigantesca diga delle Tre Gole per circa 560 km (350 miglia) a monte.

L'acqua nel Poyang, che fuoriesce dalla parte centrale del fiume Yangtze nella provincia dello Jiangxi, diminuisce regolarmente in inverno. Ma il lago è ora al suo più basso in 60 anni. Con poca pioggia da luglio, centinaia di acciughe raggrinzite e piccoli molluschi sono stati cotti negli appartamenti del litorale esposti.

DAMS E CAVI

I residenti danno la colpa al Progetto Three Gorges per i problemi che affliggono il lago, con il suo vasto serbatoio di 660 km (410 miglia di lunghezza) che immagazzina enormi volumi d'acqua dietro una diga gigante per la produzione di energia.

"Le Tre Gole stanno bloccando tutta l'acqua", ha detto Zhang Yingsheng, un pescatore di 59 anni che raccoglie vongole dal bordo del lago. "Ogni inverno è così adesso, ma quest'anno è particolarmente basso a causa della siccità".

Con la diga di 181 metri (600 piedi) che riduce il flusso dello Yangtze in inverno, l'acqua del Poyang drena rapidamente e facilmente nel fiume.

Ma la causa principale dei problemi sono i due decenni di intensiva estrazione di sabbia nel Poyang, ha affermato David Shankman, professore all'Università dell'Alabama, che studia il lago.

"L'estrazione della sabbia ha reso il canale di drenaggio (nella parte settentrionale del lago) più profondo e più ampio" accelerando il drenaggio, ha detto.

Zhang ha detto che l'estrazione da draghe giganti ha colpito duramente la pesca, con fondali più profondi che hanno reso più difficile per i pescatori distribuire le loro reti. L'industria della sabbia aveva anche danneggiato l'ecosistema del lago, ha detto.

Secondo i piani politici visti da Reuters, il governo locale sta già lavorando per ridurre l'attività mineraria nel Poyang dopo averlo vietato nel fiume Yangtze due decenni fa.

La produzione annua di sabbia sarà limitata a 39,9 milioni di tonnellate dal 2019-2024, in calo del 26,9% rispetto al periodo 2014-2018. Le draghe potranno estrarre 65 km quadrati (25 miglia quadrate) dell'area lacustre, un quarto del livello precedente.

La nuova politica era un segno che i funzionari avevano riconosciuto che l'estrazione di sabbia era diventata una grave responsabilità ambientale, ha detto Shankman, ma semplicemente interrompere l'attività non avrebbe risolto automaticamente i problemi.

"Dipende non solo dall'estensione dell'estrazione mineraria e non dall'area totale dell'estrazione mineraria, ma da dove stanno effettuando l'estrazione", ha affermato.

IRREVERSIBILE

La Cina è nel mezzo di una campagna volta a porre fine allo sviluppo grande e "distruttivo" lungo lo Yangtze. Il presidente Xi ha affermato che il ripristino del Poyang è stato un elemento cruciale del piano di rilancio delle regioni lungo le sponde del fiume.

Ma gli esperti sostengono che molti dei devastanti cambiamenti nel lago sono irreversibili.

Ancor prima della diga delle Tre Gole e del boom delle miniere di sabbia, il lago si era già notevolmente ridotto a seguito di una precedente campagna per bonificare terreni agricoli e arginare le inondazioni attraverso l'uso di dighe e diversioni.

"Tutto nel lago è stato drammaticamente modificato dal cambiamento del paesaggio, dalle dighe e dall'estrazione della sabbia", ha detto Shankman. "La quantità di acqua nel lago, nel fiume Yangtze, i sedimenti che entrano e escono – tutto è influenzato dall'attività umana."