I manifestanti di Hong Kong denunciano un raid della polizia sulla piattaforma di raccolta fondi

0
72

HONG KONG – Centinaia di attivisti antigovernativi di Hong Kong si sono radunati fuori da un centro di detenzione venerdì, chiedendo il rilascio di attivisti arrestati e denunciando un giro di vite della polizia su una piattaforma di raccolta fondi a sostegno dei manifestanti in difficoltà.

Manifestanti di Hong Kong si riuniscono fuori da un centro di detenzione a Lai Chi Kok per chiedere il rilascio dei manifestanti, a Hong Kong, Cina, il 20 dicembre 2019. REUTERS / Lucy Nicholson

Congregandosi al di fuori di un centro di detenzione nel distretto di Kowloon occidentale di Lai Chi Kok, la folla alzò i cartelli con le parole "In Solidarity We Stand", sventolò bandiere e chiese il rilascio di tutti i manifestanti.

"Mi sento abbastanza triste per i giovani, stanno lottando per la libertà … per tutti noi", ha detto Ben, un pensionato di 68 anni.

Dopo una relativa pausa nelle proteste a volte violente che hanno attaccato l'ex colonia britannica negli ultimi sei mesi, alcuni manifestanti sono stati allarmati dalle mosse della polizia per congelare 70 milioni di HK $ ($ 9 milioni) in depositi bancari detenuti dalla raccolta fondi Spark Alliance.

I manifestanti sono arrabbiati per il percepito intromissione cinese nelle libertà della città garantite con la formula "un paese, due sistemi" quando è tornata al dominio cinese nel 1997. La Cina nega l'accusa.

La polizia ha detto che un uomo ha sparato contro di loro nella città di Tai Po, nei Nuovi Territori, ma non ha detto se fosse legato alla protesta. Presero un "oggetto simile a una pistola" e arrestarono un uomo.

L'uso di armi da fuoco a Hong Kong è molto raro, anche da parte della polizia.

Spark Alliance è stata lanciata nel 2016 per supportare i manifestanti su una serie di fronti, comprese le spese legali. La polizia ha dichiarato di aver arrestato tre uomini e una donna per sospetto "riciclaggio di denaro", secondo una dichiarazione.

Spark Alliance sulla sua pagina Facebook ha dichiarato di "condannare tali tattiche diffamatorie" da parte della polizia.

Claudia Mo, deputata alla democrazia democratica, che era anche alla protesta, ha affermato che il caso della polizia era alquanto tenue, e si è chiesta perché il fondo abbia funzionato per diversi anni senza incidenti.

"È troppo conveniente per le autorità chiamarlo riciclaggio di denaro", ha detto.

Gruppo bancario globale HSBC (HSBA.L) (0005.HK) venerdì ha negato fermamente qualsiasi legame tra la repressione della polizia su Spark Alliance e la precedente chiusura di un conto bancario HSBC legato al gruppo.

Un piccolo gruppo di manifestanti aveva precedentemente chiesto un boicottaggio della banca nella sua sede centrale nel cuore del distretto finanziario di Hong Kong.

"La nostra decisione (di chiudere il conto) non è completamente correlata all'arresto da parte della polizia di Hong Kong delle quattro persone il 19 dicembre 2019", ha detto HSBC in una nota.

"Abbiamo chiuso l'account a novembre 2019 seguendo le istruzioni dirette del cliente."

Hong Kong è stata sconvolta dalle proteste antigovernative e democratiche nella peggiore crisi politica della città degli ultimi decenni.

Hanno anche posto una grave sfida populista al leader cinese Xi Jinping, che ha appena completato una visita ufficiale al vicino centro di gioco d'azzardo di Macao, che ha celebrato il 20 ° anniversario della sua consegna dal dominio portoghese a quello cinese.

Nel mezzo di una marea crescente di sentimento anti-cinese, mentre la rabbia pubblica si diffonde verso la percepita compressione della Cina sulle libertà della città, alcune banche e aziende della Cina continentale sono state vandalizzate.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here