Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Gli ultimi progressi nel trattamento della sindrome dell’occhio secco

Gli ultimi progressi nel trattamento della sindrome dell’occhio secco

0
20

  • La sindrome dell’occhio secco è una condizione comune che può avere un grande impatto sulla qualità della vita.
  • Trattare le cause alla base dell’occhio secco può aiutare ad alleviare i sintomi.
  • Le terapie più recenti possono funzionare con le terapie precedenti per aiutarti a gestire la sindrome dell’occhio secco.

La sindrome dell’occhio secco, altrimenti nota come malattia dell’occhio secco, è una condizione cronica comune. Quando i tuoi occhi sono asciutti, possono prudere, pungere e bruciare.

Potresti anche avere arrossamento, infiammazione e visione offuscata. Anche se sembra controintuitivo, gli occhi lacrimosi possono essere un segno di secchezza oculare.

UN studio 2017 ha stimato che la sindrome dell’occhio secco colpisce più di 16 milioni di adulti negli Stati Uniti. Altri milioni potrebbero avere l’occhio secco non diagnosticato.

Senza trattamento, l’occhio secco può diventare un serio problema per la qualità della vita. Fortunatamente, il trattamento per l’occhio secco sta migliorando, il che significa che anche la qualità della tua vita può migliorare.

In questo articolo, esamineremo il trattamento per la sindrome dell’occhio secco, gli ultimi progressi e le abitudini quotidiane per alleviare i sintomi.

Collirio, topici, farmaci per via orale

Le lacrime artificiali senza ricetta medica sono un buon punto di partenza.

Quando possibile, scegli prodotti senza conservanti perché tendono ad essere meno irritanti per gli occhi. Se non funzionano, un oculista può prescrivere trattamenti più forti.

Uno dei più recenti colliri da prescrizione è la sospensione oftalmica loteprednol etabonate (Eysuvis, Inveltys, Alrex, Lotemax). Eysuvis è stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) nel 2020. È destinato al trattamento a breve termine dell’occhio secco.

L’approvazione si è basata sui risultati di quattro studi clinici che includevano più di 2.800 persone. Eysuvis è un corticosteroide oftalmico che può essere utilizzato fino a 2 settimane.

Nel 2016, la FDA approvato lifitegrast (Xiidra) per il trattamento della sindrome dell’occhio secco. Appartiene a una classe di farmaci chiamati antagonisti dell’antigene 1 associato alla funzione dei linfociti (LFA-1) e può aiutare con la produzione di lacrime.

L’approvazione di Xiidra si è basata sui risultati di quattro studi controllati randomizzati che includevano più di 1.000 persone.

Altri colliri e topici per l’occhio secco includono:

  • ciclosporina (Restasis, Cequa), un immunosoppressore che può aiutare i tuoi occhi a produrre più lacrime
  • detergenti per le palpebre che si massaggiano sulle palpebre per aiutare a ridurre l’infiammazione
  • gocce di siero autologo ottenute dal proprio sangue, utilizzate nei casi più gravi quando altri trattamenti hanno fallito
  • antibiotici orali per ridurre l’infiammazione delle palpebre

Dispositivi e procedure

La terapia a luce pulsata intensa (IPL) fornisce delicati impulsi di luce sulla pelle intorno agli occhi. Questo può aiutare a ridurre l’infiammazione.

Uno dei più recenti trattamenti per l’occhio secco è un dispositivo IPL chiamato OptiLight.

Approvato dalla FDA nel 2021, OptiLight mira a migliorare i sintomi dell’occhio secco causati dalla disfunzione della ghiandola di Meibomio. L’approvazione si è basata sui risultati di uno studio controllato randomizzato in doppio cieco.

Altri due dispositivi, Lipiflow e iLux, utilizzano calore e pressione per massaggiare le palpebre e aiutare a sbloccare gli oli.

In alcuni casi, l’occhio secco si verifica perché le lacrime drenano dagli occhi troppo rapidamente. Alcuni rimedi per questo sono:

  • Inserti per gli occhi. Gli inserti oftalmici in idrossipropilcellulosa (Lacrisert) hanno le dimensioni di un chicco di riso. Il tuo oculista li inserirà nei tuoi occhi vicino alle palpebre inferiori e forniranno lubrificazione mentre si dissolvono lentamente.
  • Occlusione puntuale. Questa è una procedura in cui viene inserito un tappo nel drenaggio lacrimale della palpebra inferiore. Il tuo medico può usare un tappo temporaneo che si dissolve da solo, oppure puoi averne uno in silicone che deve essere rimosso da un medico.
  • Chirurgia. Un chirurgo può stringere le palpebre inferiori per aiutare i tuoi occhi a trattenere le lacrime.

Supplementi dietetici

Secondo l’American Optometric Association, l’assunzione di integratori di acidi grassi omega-3 può aiutare con l’occhio secco. Gli acidi grassi Omega-3 si trovano anche in una varietà di pesce, noci e semi.

UN Recensione 2021 suggerisce che, in alcuni casi, l’integrazione di vitamina A e D può aiutare a migliorare i sintomi dell’occhio secco.

È una buona idea parlare con il tuo medico di potenziali carenze vitaminiche e se dovresti assumere integratori alimentari.

Abitudini quotidiane che possono aiutare

Ci sono molte cose che possono contribuire alla secchezza oculare o peggiorare la situazione. Incorporare alcune di queste abitudini nella tua giornata può rivelarsi utile.

Stile di vita

Alcune pratiche quotidiane che puoi provare ad aiutare con l’occhio secco includono:

  • Evita di strofinarti gli occhi.
  • Applicare un impacco caldo sulle palpebre più volte al giorno.
  • Evitare colliri con conservanti.
  • Usa un umidificatore quando possibile.
  • Riposate gli occhi quando si sentono irritati.
  • Impegnati a sbattere le palpebre più spesso.
  • Cerca di dormire tutta la notte ogni notte.
  • Rimani idratato bevendo acqua durante il giorno.
  • Bevi alcolici solo con moderazione.
  • Riduci il tempo sullo schermo. Se possibile, abbassa l’altezza dello schermo in modo da guardare leggermente in basso.
  • Se indossi lenti a contatto, assicurati di indossarle e di pulirle correttamente.
  • Evita di indossare le lenti a contatto 1 giorno a settimana per aiutare con la secchezza.

Ambientale

Puoi provare a regolare il tuo ambiente per aiutare a secchezza oculare facendo quanto segue:

  • Cerca di evitare il fumo e altri inquinanti atmosferici.
  • Indossa occhiali da sole o occhiali colorati ogni volta che sei all’aperto.
  • Proteggi i tuoi occhi dal vento con occhiali grandi o montature avvolgenti.
  • Cerca di evitare la brezza dei ventilatori, del riscaldamento e delle prese d’aria.

Cause della sindrome dell’occhio secco

Puoi cambiare le tue abitudini quotidiane e provare le lacrime artificiali da banco (OTC), ma conoscere la causa del tuo occhio secco può aiutare a guidare altri trattamenti.

Alcune delle cause dell’occhio secco sono:

  • infiammazione delle palpebre (blefarite) o delle superfici dell’occhio
  • rotazione delle palpebre verso l’interno o verso l’esterno
  • bassa produzione di lacrime
  • lacrime di scarsa qualità
  • cambiamenti ormonali
  • uso di lenti a contatto a lungo termine
  • alcuni farmaci come antistaminici, decongestionanti, farmaci per la pressione sanguigna e antidepressivi

Le condizioni di salute sottostanti associate alla sindrome dell’occhio secco includono:

  • psoriasi
  • dermatite seborroica
  • artrite reumatoide
  • acne rosacea
  • Sjögren’s
  • diabete
  • disturbi della tiroide
  • paralisi di Bell
  • lupus

A volte, il trattamento della condizione sottostante può aiutare a migliorare l’occhio secco. Il trattamento può dipendere dalla causa tanto quanto dai sintomi, quindi è importante che un medico faccia la diagnosi.

L’asporto

La sindrome dell’occhio secco è una preoccupazione comune per gli occhi, soprattutto quando si invecchia.

Tuttavia, gli ultimi anni hanno portato diversi miglioramenti nel trattamento dell’occhio secco e la ricerca è in corso. Le terapie stanno iniziando a concentrarsi maggiormente sul trattamento delle cause dell’occhio secco piuttosto che solo sui sintomi.

Se i prodotti da banco non aiutano, potrebbe essere il momento di parlare con il tuo oculista. Assicurati di menzionare tutti i tuoi sintomi, eventuali condizioni sottostanti

Il tuo medico può spiegarti i potenziali benefici e gli effetti collaterali di ogni tipo di trattamento e aiutarti a scegliere la terapia più adatta a te.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here