Gli Stati Uniti sanzionano il comandante iraniano per le uccisioni di Mahshahr

0
72

FOTO FILE: I partecipanti detengono bandiere dall'Iran e dagli Stati Uniti mentre gli iraniani americani di tutta la California convergono a Los Angeles per partecipare alla Convenzione della California per un Iran libero e per esprimere sostegno per le proteste a livello nazionale in Iran da Los Angeles, California, Stati Uniti, gennaio 11, 2020. REUTERS / Patrick T. Fallon / File foto

WASHINGTON – Sabato il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato di aver imposto sanzioni a un generale del Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica iraniana che ha comandato unità accusate di un massacro di manifestanti a novembre.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha affermato in precedenza di aver ricevuto video delle Guardie rivoluzionarie che aprivano il fuoco senza preavviso sui manifestanti nella contea di Mahshahr, nel sud-ovest dell'Iran.

Sabato ha citato resoconti dei media "multipli" e informazioni fornite dagli iraniani attraverso la sua tipline Rewards for Justice secondo cui le unità sotto il comando del generale di brigata Hassan Shahvarpour hanno ucciso ben 148 persone quando hanno usato veicoli corazzati per circondare i manifestanti in fuga, sparando con le mitragliatrici la folla e dando fuoco alla palude in cui i manifestanti si sono rifugiati.

Il Dipartimento di Stato ha dichiarato che stava designando Shahvarpour, un comandante nella provincia del Khuzestan dove si trova Mahshahr, ai sensi di una legge degli Stati Uniti che vieta ai funzionari di governi stranieri e ai loro parenti stretti per i quali c'erano "informazioni credibili sul loro coinvolgimento in gravi violazioni dei diritti umani. ”

L'annuncio arriva tra le alte tensioni tra Teheran e Washington dopo che gli Stati Uniti hanno ucciso il più potente comandante militare iraniano in uno sciopero dei droni in Iraq e l'Iran ha reagito lanciando attacchi missilistici contro obiettivi statunitensi in Iraq.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2018 ha strappato gli Stati Uniti da un accordo nucleare tra l'Iran e le maggiori potenze, sostenendo che l'accordo era troppo debole e che nuove sanzioni avrebbero costretto l'Iran ad accettare termini più rigorosi.

Il Dipartimento di Stato, che ha intensificato le critiche nei confronti dell'Iran per i diritti umani, ha affermato che l'ultima mossa ha dimostrato che "il costante impegno di Washington nei confronti del popolo iraniano a sostenere le sue richieste di responsabilità da parte dei funzionari iraniani che hanno commesso gravi violazioni dei diritti umani contro i manifestanti a novembre".

Un rapporto speciale di Reuters del mese scorso ha scoperto che circa 1.500 persone sono state uccise in meno di due settimane di disordini iniziati in Iran il 15 novembre. Le cifre, fornite da tre funzionari del ministero degli interni iraniani, includevano almeno 17 adolescenti e circa 400 donne come così come alcuni membri delle forze di sicurezza e della polizia.

Le autorità iraniane hanno contestato il racconto degli Stati Uniti di ciò che è accaduto a Mahshahr. Funzionari iraniani hanno affermato che le forze di sicurezza hanno affrontato "rivoltosi" che hanno descritto come una minaccia alla sicurezza dei complessi petrolchimici e di una via energetica chiave che, se bloccata, avrebbe creato una crisi nel paese.