Gli avvocati di Djokovic affermano che l’infezione da COVID gli ha concesso l’esenzione dall’Australia

0
9

In una dichiarazione in tribunale, gli avvocati affermano che il tennista ha contratto il COVID-19 il mese scorso e in seguito gli è stata concessa un’esenzione dal vaccino per entrare in Australia.

Il giocatore serbo è al suo terzo giorno di detenzione per immigrati a Melbourne [Clive Brunskill/Getty]

Il numero uno del mondo di tennis maschile, Novak Djokovic, ha ricevuto un’esenzione medica dal vaccino contro il COVID per entrare in Australia perché ha contratto la malattia il mese scorso, hanno sostenuto i suoi avvocati nei documenti del tribunale.

A Djokovic è stato negato l’ingresso all’aeroporto di Melbourne dopo che i funzionari di frontiera hanno annullato il suo visto per non aver soddisfatto il requisito di ingresso secondo cui tutti i non cittadini erano completamente vaccinati contro COVID-19.

In una dichiarazione in tribunale sabato prima dell’udienza di lunedì sulla cancellazione del visto, Djokovic ha affermato di aver ricevuto l’esenzione dall’organizzatore del torneo Tennis Australia, con una lettera di follow-up del Dipartimento degli affari interni che affermava che gli era stato permesso di entrare nel paese.

Il giocatore serbo, sperando di vincere il suo 21° Grande Slam agli Australian Open alla fine di questo mese, è al suo terzo giorno di detenzione per immigrati a Melbourne, un caso che ha suscitato scalpore sportivo, politico e diplomatico.

Oppositore vocale dei mandati dei vaccini, Djokovic è stato confinato in un modesto hotel dopo che il suo visto è stato cancellato a causa di problemi con l’esenzione medica dall’obbligo di immigrazione del paese per la vaccinazione contro il coronavirus che ha presentato.

Il dramma ha causato tensioni tra Serbia e Australia ed è anche diventato un punto di riferimento per gli oppositori dei mandati sui vaccini in tutto il mondo.

“Ho spiegato di essere stato recentemente infettato da COVID nel dicembre 2021 e su questa base avevo diritto a un’esenzione medica in conformità con le regole e le linee guida del governo australiano”, ha affermato Djokovic nel deposito del tribunale sulla sua esperienza di detenzione a Aeroporto di Melbourne.

Djokovic ha detto di aver detto agli ufficiali dell’Australian Border Force: “Avevo fatto correttamente la mia dichiarazione di viaggio australiana e altrimenti soddisfatto tutti i requisiti necessari per entrare legalmente in Australia con il mio visto”.

Djokovic ha restituito il suo primo test positivo al COVID-19 il 16 dicembre, ma entro il 30 dicembre “non aveva avuto febbre o sintomi respiratori di COVID-19 nelle ultime 72 ore”, si legge nel documento.

Il 1° gennaio, si dice, ha ricevuto un documento dagli Affari interni in cui si diceva che le sue risposte indicavano che soddisfaceva “i requisiti per un arrivo senza quarantena in Australia”.

La corte federale ha ordinato agli Affari interni di presentare la sua risposta entro domenica. Gli Australian Open iniziano il 17 gennaio.

Nel frattempo, il 14 dicembre, Djokovic ha assistito a una partita di basket di Eurolega tra Stella Rossa e Barcellona in un palazzetto dello sport gremito di Belgrado. È stato fotografato mentre abbracciava diversi giocatori di entrambe le squadre, compresi alcuni che poco dopo erano risultati positivi.

La federazione di tennis di Belgrado, in un post su Facebook dopo la cerimonia del 17 dicembre, ha riferito che Djokovic aveva consegnato coppe e premi ai migliori giovani giocatori del 2021.

All’evento, svoltosi presso il centro Novak Tennis nella capitale serba, hanno partecipato solo i vincitori del premio “per le misure epidemiologiche legate alla pandemia di coronavirus”, si legge nel comunicato della federazione.

È stato accompagnato da diverse foto di Djokovic, in posa con i funzionari della federazione e una ventina di giovani giocatori in possesso di coppe e premi.

Nessuno indossava una maschera.

Djokovic ha partecipato a un altro raduno il 16 dicembre, quando il servizio postale nazionale serbo lo ha onorato lanciando una serie di francobolli con lui e i suoi successi sportivi.

Ha pubblicato una foto della cerimonia su Instagram il 17 dicembre.

Molti paesi consentono una recente infezione da COVID come motivo di esenzione dai requisiti sui vaccini. Il governo federale australiano ha rilasciato una lettera subito dopo l’arrivo di Djokovic in cui mostrava di aver notificato a Tennis Australia che non era necessariamente il caso nel paese.

I governi federale e statale del Victoria e Tennis Australia hanno negato la responsabilità della controversia.

Il deposito del tribunale di Djokovic ha confermato un rapporto dei media secondo cui aveva chiesto di essere trasferito in alloggi con accesso a un campo da tennis ma che la sua richiesta era stata respinta. Il Park Hotel, dove alloggia, ospita anche decine di richiedenti asilo che cercano di entrare nel Paese.

Il primo ministro serbo Ana Brnabic ha detto che al giocatore sono stati forniti cibo senza glutine, strumenti per fare esercizio e una scheda SIM.

“Rimarrà al Park Hotel fino a quando non verrà presa la decisione finale”, ha detto Brnabic ai media serbi.

“Siamo riusciti a assicurarci che gli venga consegnato cibo senza glutine, oltre a strumenti per l’esercizio, un laptop e una scheda SIM in modo che possa essere in contatto con la sua famiglia”.

“E’ un tono positivo da parte della squadra australiana. Il governo serbo è pronto a fornire tutte le garanzie necessarie affinché Novak possa entrare in Australia, il presidente serbo [Aleksandar Vucic] è anche coinvolto”, ha detto Brnabic.

Il deposito di Djokovic affermava di aver espresso “shock”, “sorpresa” e “confusione” quando era stato trattenuto durante la notte e aveva preparato un letto vicino alla stanza delle interviste in aeroporto in modo da poter riposare mentre aspettava fino al mattino in cui sarebbe stato in grado di raggiungere l’ufficio legale rappresentanti e Tennis Australia, dice il deposito.

I funzionari doganali alla fine hanno “fatto pressioni” su Djokovic affinché intraprendesse un colloquio prima che avesse parlato con nessuno dei due, afferma il deposito.

Tennis Australia ha affermato di non aver mai fuorviato consapevolmente i giocatori e di aver sempre esortato i giocatori a vaccinarsi, dopo che i giornali di News Corp hanno pubblicato un documento dell’ente organizzatore che apparentemente consigliava ai giocatori come entrare nel paese con un’esenzione medica dalla vaccinazione.

“Siamo sempre stati coerenti nelle nostre comunicazioni ai giocatori sul fatto che la vaccinazione è la migliore linea d’azione, non solo come la cosa giusta da fare per proteggere se stessi e gli altri, ma anche come la migliore linea d’azione per garantire che possano arrivare in Australia. Lo ha affermato Tennis Australia in una dichiarazione citata dai media locali.

“Rifiutiamo completamente che il gruppo di gioco sia stato consapevolmente fuorviato”.

Il consiglio di Tennis Australia si basava sui contenuti di un sito web del governo federale a cui era stato indirizzato dal ministro della salute federale, ha aggiunto la dichiarazione.

Separatamente, la giocatrice ceca Renata Voracova, anch’essa detenuta nello stesso hotel di Djokovic ea cui è stato revocato il visto per problemi con la sua esenzione, ha lasciato l’Australia sabato, ha detto il ministero degli Esteri ceco.

Voracova, una specialista di doppio di 38 anni, ha deciso di andarsene, dicendo al sito di notizie ceco idnes.cz che non avrebbe sfidato a causa del tempo che ci sarebbe voluto per aspettare e non allenarsi prima degli Australian Open.

“(Renata) Voracova ha lasciato l’Australia sabato sulla base della sua decisione di interrompere la sua partecipazione al torneo a causa di complicazioni con i suoi visti”, ha affermato il ministero ceco.

“La decisione non era basata sulla sua espulsione dal Paese”, si legge.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here