Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Genotipo dell’epatite C: risposte alle tue domande

Genotipo dell’epatite C: risposte alle tue domande

0
8

Genotipo dell'epatite c
Getty Images

L’epatite C è un’infezione virale che causa l’infiammazione del fegato. Il virus si trasmette attraverso il sangue e raramente attraverso il contatto sessuale.

Esistono molti tipi di virus dell’epatite C. Ma tutte le forme di epatite C condividono importanti somiglianze.

Dopo aver ricevuto una diagnosi di epatite C, il medico lavorerà per identificare il tipo che hai in modo da ottenere il trattamento migliore.

Scopri le differenze nei tipi di epatite C. Le risposte degli esperti sono fornite dal dott.Kenneth Hirsch, che ha un’ampia pratica clinica che lavora con persone che hanno l’epatite C.

Cosa sono i genotipi dell’epatite C?

Una variabile per chi ha il virus dell’epatite C cronica (HCV) è il “genotipo”, o il ceppo del virus quando ha contratto un’infezione. Il genotipo è determinato da un esame del sangue.

Il genotipo non gioca necessariamente un ruolo nella progressione del virus, ma piuttosto come un fattore nella selezione dei farmaci giusti per il trattamento.

Secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), almeno sette distinti genotipi di HCV e più di 67 sottotipi, è stato identificato.

I diversi genotipi e sottotipi di HCV hanno distribuzioni diverse in tutto il mondo.

I genotipi 1, 2 e 3 si trovano in tutto il mondo. Il genotipo 4 si verifica in Medio Oriente, Egitto e Africa centrale.

Il genotipo 5 è presente quasi esclusivamente in Sud Africa. Il genotipo 6 è visto nel sud-est asiatico. Il genotipo 7 ha recentemente stato segnalato nella Repubblica Democratica del Congo.

L’epatite C ha diversi genotipi. Cosa significa questo?

L’HCV è un virus a RNA a filamento singolo. Ciò significa che il codice genetico di ciascuna particella virale è contenuto in un pezzo continuo dell’RNA dell’acido nucleico.

Ogni filamento di un acido nucleico (RNA o DNA) è costituito da una catena di mattoni. La sequenza di questi blocchi determina le proteine ​​che un organismo richiede, che si tratti di un virus, una pianta o un animale.

A differenza dell’HCV, il codice genetico umano è trasportato dal DNA a doppio filamento. Il codice genetico umano viene sottoposto a una rigorosa correzione di bozze durante il processo di replicazione del DNA.

Cambiamenti casuali (mutazioni) del codice genetico umano si verificano a bassa velocità. Questo perché la maggior parte degli errori di replicazione del DNA vengono riconosciuti e corretti.

Al contrario, il codice genetico dell’HCV non viene corretto quando viene replicato. Si verificano mutazioni casuali e rimangono nel codice.

L’HCV si riproduce molto rapidamente: fino a 1 trilione di nuove copie al giorno. Quindi, alcune parti del codice genetico dell’HCV sono molto varie e cambiano frequentemente, anche all’interno di una singola persona con un’infezione.

I genotipi vengono utilizzati per identificare particolari ceppi di HCV. Si basano sulle differenze in particolari regioni del genoma virale. Esistono sottocategorie di ramificazione aggiuntive all’interno di un genotipo. Includono sottotipo e quasispecie.

Qual è la differenza tra i genotipi dell’epatite C?

Come accennato, i diversi genotipi e sottotipi di HCV hanno distribuzioni diverse in tutto il mondo.

Il genotipo 1 è il genotipo HCV più comune negli Stati Uniti. Si trova in quasi il 75% di tutte le infezioni da HCV nel paese.

La maggior parte delle restanti persone negli Stati Uniti con infezione da HCV porta i genotipi 2 o 3.

Il genotipo dell’HCV non è assolutamente correlato al tasso di danno epatico o alla probabilità di sviluppare cirrosi alla fine. Tuttavia, può aiutare a prevedere l’esito del trattamento.

Il genotipo può aiutare a prevedere l’esito della terapia anti-HCV con regimi di trattamento a base di interferone. Il genotipo ha anche contribuito a determinare il trattamento.

In alcune formulazioni, le dosi raccomandate di ribavirina e interferone pegilato (PEG) sono per persone con specifici genotipi di HCV.

Qual è l’attuale ricerca sui genotipi e sui trattamenti per ogni tipo?

La terapia anti-HCV più utilizzata, PEG / ribavirina, non prende di mira il virus stesso. Questo regime di trattamento colpisce principalmente il sistema immunitario della persona. Il suo obiettivo è stimolare il sistema immunitario a riconoscere ed eliminare le cellule infettate da HCV.

Tuttavia, le variazioni dell’HCV in una singola persona non “avranno necessariamente lo stesso aspetto” per il sistema immunitario. Questo è uno dei motivi per cui le infezioni da HCV persistono e diventano infezioni croniche.

Anche con questa diversità genetica, i ricercatori hanno identificato le proteine ​​necessarie per la riproduzione dell’HCV nel corpo. Queste proteine ​​sono presenti essenzialmente in tutte le molte varianti di HCV.

I nuovi trattamenti per l’HCV prendono di mira queste proteine. Ciò significa che prendono di mira il virus. La terapia antivirale ad azione diretta (DAA) utilizza piccole molecole progettate per inibire specificamente queste proteine ​​virali.

Molti farmaci DAA sono stati sviluppati negli ultimi dieci anni. Ogni farmaco prende di mira una delle poche proteine ​​essenziali dell’HCV.

I primi due farmaci DAA, boceprevir e telaprevir, hanno ottenuto l’approvazione per l’uso negli Stati Uniti nel 2011. Entrambi prendono di mira un particolare tipo di enzima HCV noto come proteasi. Questi farmaci sono usati in combinazione con PEG / ribavirina.

Entrambi questi nuovi farmaci sono più efficaci per il genotipo 1 dell’HCV. Sono moderatamente efficaci per il genotipo 2 e non efficaci per il genotipo 3.

Inizialmente, erano stati approvati solo per l’uso in persone con HCV di genotipo 1 in combinazione con PEG / ribavirina.

Altri farmaci DAA sono stati approvati per l’uso insieme a PEG / ribavirina. Questi nuovi farmaci prendono di mira diverse proteine ​​HCV aggiuntive. Uno di questi farmaci è il sofosbuvir.

Con il solo trattamento con PEG / ribavirina, l’HCV di genotipo 1 richiedeva la durata più lunga del trattamento con la minima probabilità di successo. Con sofosbuvir, il genotipo 1 è ora curabile in oltre il 95% delle persone trattate per sole 12 settimane.

Sofosbuvir ha una potenza molto elevata nel sopprimere la replicazione virale, indipendentemente dal genotipo (tra quelli studiati). A causa del successo del farmaco, l’Europa ha recentemente cambiato le sue linee guida per il trattamento.

Ora raccomanda un ciclo di trattamento di 12 settimane per tutte le persone con HCV non complicato che non sono state trattate in precedenza.

Con sofosbuvir, la FDA [Food and Drug Administration] ha anche approvato la prima terapia di combinazione senza interferone (sofosbuvir più ribavirina). Questa terapia viene utilizzata per 12 settimane nelle persone con genotipo 2 o 24 settimane nelle persone con genotipo 3.

Il genotipo predice la risposta alla terapia DAA come ha fatto per la terapia con interferone?

Forse sì forse no.

Ciascuna delle proteine ​​essenziali dell’HCV funziona allo stesso modo, indipendentemente dal genotipo. Queste proteine ​​essenziali possono essere strutturalmente differenti a causa di piccole mutazioni.

Poiché sono essenziali per il ciclo di vita dell’HCV, è meno probabile che la struttura dei loro siti attivi cambi a causa della mutazione casuale.

Poiché il sito attivo di una proteina è relativamente coerente tra i diversi genotipi, il funzionamento di un particolare agente DAA è influenzato dal punto in cui si lega alla proteina bersaglio.

È meno probabile che l’efficacia di quegli agenti che si legano più direttamente al sito attivo della proteina sia influenzata dal genotipo del virus.

Tutti i farmaci DAA sopprimono la replicazione dell’HCV in corso, ma non espellono il virus dalla sua cellula ospite. Inoltre non rimuovono le cellule infette. Questo lavoro è lasciato al sistema immunitario della persona.

L’efficacia variabile del trattamento con interferone indica che il sistema immunitario è in grado di eliminare le cellule infettate da alcuni genotipi meglio di quelle infette da altri.

Il genotipo di solito determina il tipo di trattamento che una persona riceve. Ci sono altri fattori che influenzano il trattamento?

A parte il genotipo, ci sono molte variabili che possono influenzare la probabilità di successo del trattamento. Alcuni di quelli più significativi includono:

  • quantità di virus HCV nel sangue
  • gravità del danno epatico prima del trattamento
  • le condizioni del suo sistema immunitario (coinfezione con l’HIV, trattamento con corticosteroidi o aver subito un trapianto d’organo possono abbassare la sua immunità)
  • età
  • gara
  • abuso di alcol in corso
  • risposta a terapie precedenti

Alcuni geni umani possono anche prevedere l’efficacia del trattamento. Il gene umano noto come IL28B è uno dei più forti predittori di risposta al trattamento con PEG / ribavirina nelle persone con genotipo 1 di HCV.

Le persone hanno una delle tre possibili configurazioni di IL28B:

  • CC
  • CT
  • TT

Le persone con la configurazione CC rispondono bene al trattamento con PEG / ribavirina. In effetti, hanno una probabilità da due a tre volte maggiore rispetto alle persone con altre configurazioni di avere una risposta completa al trattamento.

Determinazione del IL28B la configurazione è importante nella decisione di trattare con PEG / ribavirina. Tuttavia, le persone con genotipi 2 e 3 possono spesso essere trattate con PEG / ribavirina anche se non hanno la configurazione CC.

Questo perché in generale, PEG / ribavirina funziona bene contro questi genotipi. Così, IL28B la configurazione non modifica la probabilità di efficacia del trattamento.

Il mio genotipo influisce sulla probabilità di sviluppare cirrosi o cancro al fegato?

Possibilmente. Alcuni ricerca suggerisce che le persone che hanno un’infezione da HCV genotipo 1 (in particolare quelle con sottotipo 1b) hanno una maggiore incidenza di cirrosi rispetto a quelle che hanno un’infezione con altri genotipi.

Indipendentemente dal fatto che questa osservazione sia vera, il piano di gestione raccomandato non cambia in modo significativo.

La progressione del danno epatico è lenta. Succede spesso per decenni. Quindi, chiunque abbia una nuova diagnosi di HCV dovrebbe essere valutato per danni al fegato. Il danno epatico è un’indicazione per la terapia.

Il rischio di sviluppare un cancro al fegato non sembra essere correlato al genotipo dell’HCV. Nell’infezione cronica da HCV, il carcinoma epatocellulare (cancro del fegato) si sviluppa solo una volta che la cirrosi è stata stabilita.

Se una persona con un’infezione da HCV viene trattata efficacemente prima di sviluppare la cirrosi, il genotipo infettante non è un fattore.

Tuttavia, nelle persone che hanno già sviluppato la cirrosi, c’è alcuni dati suggerendo che i genotipi 1b o 3 possono aumentare il rischio di cancro.

Lo screening per il cancro al fegato è raccomandato a tutti coloro che hanno l’HCV con cirrosi. Alcuni medici raccomandano uno screening più frequente per le persone infette dai genotipi 1 e 3.

Sul dottore


Il dottor Kenneth Hirsch ha conseguito il dottorato in medicina presso la Washington University di St. Louis, Missouri. Ha svolto una formazione post-laurea in medicina interna ed epatologia presso l’Università della California, San Francisco (UCSF). Ha svolto ulteriore formazione post-laurea presso il National Institutes of Health in allergia e immunologia. Il dottor Hirsch è stato anche capo dell’epatologia presso il Washington, DC, VA Medical Center. Il dottor Hirsch ha tenuto incarichi di facoltà presso le facoltà di medicina delle università di Georgetown e George Washington.

Il Dr. Hirsch ha un’ampia pratica clinica al servizio di pazienti con il virus dell’epatite C. Ha anche anni di esperienza nella ricerca farmaceutica. Ha fatto parte di comitati consultivi per l’industria, le società mediche nazionali e gli organismi di regolamentazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here