“Falso senso di sicurezza” intorno ai vaccini COVID: OMS

0
48

Il capo dell’OMS afferma che molte persone vaccinate pensano erroneamente di non dover più prendere altre precauzioni contro il COVID.

L’OMS afferma che i vaccini sono efficaci nel ridurre la trasmissione, ma le persone non dovrebbero essere cullate da un “falso senso di sicurezza” tra i crescenti tassi di casi in Europa [Sergio Perez/Reuters]

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito che la pandemia di COVID-19 non è ancora finita e che alcune persone stavano cadendo in un “falso senso di sicurezza” dopo essere state vaccinate contro il virus.

Mercoledì, in una conferenza stampa a Ginevra, Tedros Adhanom Ghebreyesus ha affermato che molte persone vaccinate pensavano – a torto – che ricevere l’iniezione per il COVID significasse che non avevano più bisogno di prendere altre precauzioni.

“In molti paesi e comunità, siamo preoccupati per un falso senso di sicurezza che i vaccini abbiano posto fine alla pandemia e che le persone vaccinate non debbano prendere altre precauzioni”, ha detto Tedros ai giornalisti.

“I vaccini salvano vite, ma non prevengono completamente la trasmissione”, ha aggiunto.

“I dati suggeriscono che prima dell’arrivo della variante Delta, i vaccini riducevano la trasmissione di circa il 60 percento. Con Delta, questo è sceso a circa il 40%”, ha avvertito Tedros.

Delta è ora dominante in tutto il mondo, avendo quasi superato altri ceppi.

“Non possiamo dirlo abbastanza chiaramente: anche se sei vaccinato, continua a prendere precauzioni per evitare di infettarti tu stesso e infettare qualcun altro che potrebbe morire”.

“Ciò significa indossare una maschera, mantenere le distanze, evitare la folla e incontrare gli altri all’esterno, se possibile, o in uno spazio ben ventilato all’interno.

Crisi in Europa

Il direttore delle emergenze dell’OMS, Michael Ryan, mercoledì ha affermato che le persone in Europa sono “tornate ai livelli di mescolanza sociale pre-pandemia” nonostante un allarmante aumento di casi e ricoveri.

“La realtà è che il virus continuerà a trasmettersi intensamente in quell’ambiente”, ha detto ai giornalisti.

Il ritorno dell’Europa come epicentro della pandemia è stato attribuito a Delta, a una lenta diffusione del vaccino in alcune nazioni, al clima più freddo e all’allentamento delle restrizioni.

Le persone che indossano maschere facciali si trovano in una coda di 700 metri, secondo quanto riferito, per essere vaccinate nella sala filarmonica “Elbphilharmonie” nella città di Amburgo, nel nord della Germania, il 22 novembre 2021 [Morris Mac Matzen/AFP]

“La scorsa settimana, oltre il 60 percento di tutti i casi segnalati e i decessi per COVID-19 a livello globale sono stati ancora una volta in Europa”, ha affermato Tedros.

“L’enorme numero di casi si sta traducendo in una pressione insostenibile sui sistemi sanitari e sugli operatori sanitari esausti”.

L’Europa ha registrato oltre 2,4 milioni di nuovi casi la scorsa settimana, con un aumento dell’11% rispetto alla settimana precedente. In Germania, i contagi sono aumentati del 31%.

L’epidemiologo dell’OMS Maria van Kerkhove ha affermato che è importante adottare misure durante il periodo delle vacanze europee, aggiungendo che “le misure sociali non significano blocchi”.

Nelle ultime settimane, sono scoppiate rivolte in diversi paesi europei poiché sono stati introdotti ulteriori blocchi e restrizioni in luoghi come Germania, Paesi Bassi e Belgio.

Trattato di rinuncia alla PI

Tedros ha espresso la speranza che si possa trovare un consenso alla riunione ministeriale dell’Organizzazione mondiale del commercio la prossima settimana per una deroga alla proprietà intellettuale per i vaccini pandemici, già sostenuta da più di 100 paesi.

Il capo dell’OMS si è detto incoraggiato dal raggiungimento di un “ampio consenso” su un accordo internazionale sulla prevenzione di future pandemie durante la sessione speciale dell’ONU dell’Assemblea mondiale della sanità, definendolo un'”opportunità unica”.

“Il mondo ha trattati per gestire altre minacce; sicuramente i paesi possono concordare sulla necessità di un patto vincolante sulla minaccia delle pandemie”, ha aggiunto.

Inoltre, il direttore generale dell’OMS ha affermato che mentre il mondo ha continuato a rispondere alla pandemia di coronavirus, “non può perdere di vista le molte altre minacce alla salute che le persone affrontano in tutto il mondo, compresa la resistenza antimicrobica”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here