Factbox: chi vuole sostituire il leader sconfitto del partito laburista Jeremy Corbyn?

0
96

LONDRA – Il partito laburista dell'opposizione della Gran Bretagna ha bisogno di un nuovo leader dopo che il veterano socialista Jeremy Corbyn ha dichiarato che si dimetterà dopo la pesante sconfitta elettorale del suo partito per mano dei conservatori del Primo Ministro Boris Johnson.

Il leader del partito laburista britannico Jeremy Corbyn parla durante il dibattito sul discorso della regina alla Camera della Camera dei Comuni, a Londra, Gran Bretagna, 19 dicembre 2019. © Parlamento britannico / Jessica Taylor / Handout via REUTERS

Corbyn ha dichiarato che rimarrà temporaneamente il leader, e dovrebbe iniziare una gara per selezionare il suo sostituto nel nuovo anno. Il prossimo leader sarà scelto da un voto dei membri del partito e di altri sostenitori affiliati o registrati.

Ecco i probabili candidati:

THILNBERRY EMILY

Thornberry, 59 anni, ha rappresentato la sede nella zona nord di Londra accanto a Corbyn dal 2005 ed è la portavoce degli affari esteri di Labour. Ha detto che prevede di candidarsi per la leadership.

Un forte sostenitore di un secondo referendum sulla Brexit e di rimanere nell'Unione Europea, Thornberry ha affermato che la domanda per il prossimo leader non dovrebbe essere la loro posizione sulla Brexit ma quale sia il loro piano per assumere Johnson.

Thornberry si unì al Partito Laburista quando aveva 17 anni, dicendo che era motivata dalla sua esperienza di essere cresciuta da una madre single in alloggi sociali. Ha continuato a diventare un avvocato per i diritti umani.

CLIVE LEWIS

Annunciando il suo piano per candidarsi come leader, Lewis, 48 ​​anni, ha dichiarato di ritenere che i membri del partito debbano avere voce in capitolo nella scelta dei candidati e nella determinazione della politica.

Prima di diventare membro del parlamento nel 2015, Lewis è stato giornalista televisivo per oltre 10 anni. Era anche membro della riserva militare, prestando servizio in Afghanistan nel 2009.

Lewis era coinvolto nella politica studentesca mentre era all'università. Ora è un portavoce delle finanze junior per i laburisti, avendo precedentemente ricoperto incarichi sia come portavoce del partito per la difesa che per gli affari.

KEIR STARMER

Starmer, 57 anni, è stato portavoce della Brexit di Labour dall'ottobre 2016 ed è considerato fondamentale per spingere il partito a sostenere un secondo referendum sull'uscita dall'UE.

Ha detto che sta seriamente prendendo in considerazione la possibilità di candidarsi per la leadership e ha messo in guardia dal reagire in modo eccessivo alla sconfitta elettorale del partito abbandonando completamente l'agenda di sinistra di Corbyn. Si descrive come un socialista.

Starmer è un avvocato esperto che ha lavorato come pubblico ministero prima di entrare in parlamento ed è stato nominato cavaliere nel 2014 per servizi di diritto e giustizia penale.

LISA NANDY

Nandy, ex quarantenne capo della politica del lavoro per l'energia e i cambiamenti climatici, ha dichiarato domenica di prendere in considerazione l'idea di candidarsi come leader del partito.

Un legislatore che ha rappresentato la città inglese settentrionale di Wigan dal 2010, Nandy ha da lungo tempo affermato che i laburisti dovrebbero concentrarsi maggiormente sulle città, dove, ha scritto sabato sul Guardian, “c'è una forte sensazione … che Labour abbia smesso di ascoltare molto tempo fa ”.

Ha rassegnato le dimissioni da capo politico di Labour per l'energia nel 2016, uno dei numerosi cosiddetti "ministri ombra" che hanno lasciato le loro cariche per protestare contro il leader Corbyn. "Non è in grado di formare un gabinetto ombra ampio e inclusivo che attinge dalle migliori tradizioni sinistra e destra del nostro movimento", ha scritto in quel momento.

REBECCA LONG-BAILEY

Long-Bailey, 40 anni, deve ancora dichiarare la sua intenzione di correre, ma è vista come una contendente forte perché ha forti legami con i sindacati, che sono estremamente influenti all'interno dei laburisti, ed è vicina a Corbyn e al suo alleato anziano John McDonnell.

Rappresenta il collegio elettorale inglese settentrionale di Salford ed Eccles e attualmente è portavoce degli affari di Corbyn. Il suo primo lavoro stava lavorando in un banco dei pegni, e ha continuato a diventare avvocato nel settore sanitario.

JESS PHILLIPS

Noto per essere schietto e schietto, Phillips è stato a lungo un critico della leadership di Corbyn. La 38enne gestiva i rifugi delle donne per le vittime di abusi domestici prima di diventare membro del parlamento di Birmingham Yardley nell'Inghilterra centrale nel 2015.

La più giovane di quattro figli, Phillips è cresciuta in una famiglia della classe operaia a sostegno del lavoro e le è stata data la partecipazione al partito per il suo 14 ° compleanno. È stata una sua ambizione d'infanzia diventare primo ministro.

Phillips non ha esplicitamente dichiarato dopo le elezioni che ha intenzione di candidarsi per la leadership, ma in passato ha detto che lo avrebbe preso in considerazione. Ha affermato che i laburisti devono trovare un modo per riconnettersi con gli elettori della classe operaia.