Factbox: chi sono i sauditi sotto i riflettori sull'uccisione di Khashoggi?

0
68

DUBAI – L'Arabia Saudita lunedì ha condannato a morte cinque persone e altre tre in carcere per un totale di 24 anni per l'uccisione del giornalista saudita Jamal Khashoggi a Istanbul nell'ottobre dello scorso anno.

Khashoggi, editorialista del Washington Post e critico delle politiche saudite, è stato ucciso nel consolato saudita di Istanbul dopo essere entrato per ottenere documenti per il suo matrimonio.

Il pubblico ministero saudita non ha nominato le persone condannate lunedì. Ma il relatore speciale delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali, in un rapporto pubblicato a giugno, ha identificato 11 persone sotto processo e quelle che si trovano ad affrontare condanne a morte, sulla base di informazioni provenienti da varie fonti governative.

Di seguito sono riportati i profili di alcuni di quelli che sono stati detenuti, indagati o licenziati in Arabia Saudita per il caso Khashoggi, sulla base di rapporti e foto dei media, oltre a informazioni di funzionari e fonti.

Reuters non è stato in grado di contattare gli individui.

MAHER ABDULAZIZ MUTREB

Il generale ha aiutato Saud al-Qahtani, ex braccio destro del principe ereditario Mohammed bin Salman, per la sicurezza delle informazioni e il principale negoziatore all'interno del consolato, secondo un alto funzionario saudita. Il rapporto delle Nazioni Unite afferma che Mutreb era coinvolto nella pianificazione delle operazioni giorni prima che accadesse e che è stato registrato riferendosi a Khashoggi come "l'agnello sacrificale". [L8N23Q49K]

Mutreb è un alto funzionario dell'intelligence e fa parte del team di sicurezza del principe ereditario, sovrano di fatto dell'Arabia Saudita e noto come MbS. È apparso in fotografie con il principe in visite ufficiali l'anno scorso negli Stati Uniti e in Europa.

Secondo un funzionario saudita, Mutreb è stato selezionato per l'operazione di Istanbul perché conosceva già Khashoggi dal tempo trascorso a lavorare insieme presso l'ambasciata saudita a Londra e poteva convincerlo a tornare in Arabia Saudita.

SALAH MOHAMMED TUBAIGY

Tubaigy è un esperto forense presso il dipartimento prove penali del ministero degli Interni saudita, secondo una biografia della Commissione saudita per le specialità sanitarie.

Nell'operazione di Istanbul, avrebbe dovuto rimuovere prove come impronte digitali o prove dell'uso della forza, secondo il funzionario saudita. Tubaigy non sembra essere stato un membro del team principale, ma è stato specificamente reclutato per smaltire il corpo, secondo il rapporto delle Nazioni Unite.

A fronte di condanne a morte c'erano anche FAHAD SHABIB AL-BALAWI e WALEED ABDULLAH AL-SHEHRI, entrambi membri della Guardia reale saudita, e TURKI MUSERREF AL-SHEHRI, un ufficiale dell'intelligence, secondo il rapporto delle Nazioni Unite. I tre erano tra i 10 funzionari sauditi elencati nel rapporto come al consolato al momento dell'omicidio.

ALTRI CHE SONO STATI IN PROVA:

AHMED MOHAMMED AL-ASIRI

L'ex vice capo dell'intelligence generale era tra quelli licenziati dal re Salman. Il procuratore ha detto che ha ordinato all'operazione di rimpatriare – ma non uccidere – Khashoggi. Il vice procuratore ha dichiarato lunedì di essere stato assolto per prove insufficienti.

Asiri è entrato nell'esercito nel 2002, secondo i resoconti dei media sauditi, ed è stato portavoce della coalizione guidata dai sauditi, intervenuta nella guerra civile dello Yemen nel 2015. È stato nominato vice capo dell'intelligence straniera con decreto reale nell'aprile 2017.

MUSTAFA MOHAMMED AL-MADANI

Madani ha guidato gli sforzi di intelligence per la squadra di 15 uomini a Istanbul, ha detto il funzionario saudita.

Secondo tale funzionario, Madani ha indossato abiti, occhiali e Apple Watch di Khashoggi e ha lasciato la porta sul retro del consolato nel tentativo di far sembrare che il giornalista fosse uscito dall'edificio.

Il rapporto delle Nazioni Unite afferma che la sua presenza come un sosia che portava una barba falsa suggerisce che l'omicidio fosse stato pianificato. Identifica Madani come un generale di brigata impiegato nel palazzo reale.

Anche sotto processo furono MOHAMMED SAAD AL-ZAHRANI e SAIF SAAD AL-QAHTANI, che secondo il rapporto dell'ONU erano al consolato quando si verificò l'omicidio, e MANSOUR OTHMAN ABAHUSSAIN, che era alla residenza del console generale, così come MUFLIH SHAYA AL- MUSLIH, un membro dello staff consolare.

NON IN PROVA

SAUD AL-QAHTANI

Qahtani, visto come il braccio destro del principe Mohammed, è stato rimosso come consigliere della corte reale ed è la figura di più alto profilo coinvolta nell'incidente.

Qahtani è stato interrogato dal pubblico ministero ma non accusato.

Si unì alla corte reale sotto il defunto re Abdullah. È salito alla ribalta come confidente nella cerchia interna segreta del Principe Mohammed. Ha regolarmente parlato a nome di MbS e ha impartito ordini diretti a alti funzionari, incluso l'apparato di sicurezza, hanno riferito fonti legate alla corte reale.

Qahtani aveva cercato di attirare Khashoggi in Arabia Saudita dopo essersi trasferito a Washington un anno fa temendo rappresaglie per le sue opinioni, secondo le persone vicine al giornalista e al governo.

Qahtani ha usato Twitter per attaccare le critiche al regno in generale e MbS in particolare. Ha anche gestito un gruppo di WhatsApp con redattori di giornali locali, dettando la linea giudiziaria.

In un thread di Twitter di agosto 2017 che chiedeva ai follower di contrassegnare gli account per una lista nera per il monitoraggio, Qahtani ha scritto: "Sono un dipendente e un fedele esecutore degli ordini del mio signore re e mio signore il fedele principe ereditario".

Il funzionario saudita ha detto che Qahtani ha autorizzato Mutreb a condurre una trattativa per il ritorno di Khashoggi nel regno. Il pubblico ministero saudita ha affermato che un divieto di viaggio è stato imposto a Qahtani mentre le indagini continuano, ma fonti basate sul Golfo hanno detto a Reuters che è libero e continua a operare con discrezione.

Il procuratore generale e portavoce sauditi Shalaan al-Shalaan tiene un discorso a Riyadh, in Arabia Saudita, il 23 dicembre 2019. Agenzia di stampa saudita / Consegna tramite REUTERS

MOHAMMAD AL-OTAIBI

Mohammad al-Otaibi era il Console Generale di Istanbul al momento dell'omicidio di Khashoggi. Quattro giorni dopo fece un giro al consolato di Reuters, aprendo gli armadi nel tentativo di dimostrare che Khashoggi non c'era.

Il rapporto del relatore delle Nazioni Unite ha pubblicato conversazioni registrate che Otaibi aveva avuto con altri funzionari sauditi giorni prima dell'omicidio di Khashoggi in cui aveva discusso di "una missione segreta". Otaibi ha lasciato Istanbul e da allora non si è più sentito parlare. Lunedì, il vice procuratore saudita ha dichiarato che Otaibi era stato rilasciato dopo essere stato interrogato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here