“Credibilità in gioco”: perché l’Iran ha colpito il Pakistan durante la guerra di Gaza?

0
24

Gli attacchi di Teheran contro il territorio pakistano, iracheno e siriano hanno solo una cosa in comune, dicono gli analisti: una dimostrazione di forza in un momento in cui l’Iran si sente particolarmente minacciato.

Membri del gruppo musulmano Talba Mahaz Pakistan cantano slogan durante una manifestazione per condannare l'attacco iraniano nella zona di confine pakistana, a Islamabad, Pakistan, giovedì 18 gennaio 2024. L'aeronautica pakistana ha lanciato attacchi aerei di ritorsione giovedì scorso contro l'Iran, presumibilmente prendendo di mira posizioni militanti, un attacco mortale che ha ulteriormente aumentato le tensioni tra le nazioni vicine.  (AP Photo/Anjum Naveed)
Membri del musulmano Talba Mahaz Pakistan cantano slogan durante una manifestazione per condannare gli attacchi iraniani nella provincia del Balochistan, a Islamabad, Pakistan, giovedì 18 gennaio 2024. L’aeronautica pakistana ha lanciato attacchi aerei di ritorsione giovedì mattina presto contro l’Iran [Anjum Naveed/AP Photo]

In soli due giorni questa settimana, l’Iran ha lanciato missili – prima nella regione curda semi-autonoma dell’Iraq e in Siria, e poi nel Pakistan – in attacchi che potrebbero infiammare ulteriormente le tensioni in una regione al limite.

Gli attacchi di lunedì in Siria erano contro presunti obiettivi dell’ISIS (ISIS). A Erbil, in Iraq, Teheran ha affermato di aver colpito una struttura del Mossad, sempre lunedì. Secondo le autorità curde almeno quattro persone sono state uccise.

Martedì, poi, l’Iran ha lanciato missili sulla provincia pakistana del Balochistan. Il loro obiettivo era il gruppo separatista Jaish al-Adl ma almeno due bambini sono rimasti uccisi. Giovedì mattina il Pakistan ha lanciato attacchi di ritorsione, uccidendo almeno nove persone nella provincia iraniana del Sistan-Baluchestan, appena oltre il confine.

Questi rapidi attacchi dell’Iran contro tre diversi vicini hanno suscitato preoccupazioni per un’escalation regionale e hanno innescato interrogativi sui tempi della decisione di Teheran di lanciare attacchi transfrontalieri, data la continua guerra di Israele contro Gaza.

A prima vista, i presunti obiettivi degli attacchi iraniani in Siria, Iraq e Pakistan sembrano avere poco in comune. Ma c’è un filo comune che lega le azioni di Teheran – anche se l’attacco al Pakistan potrebbe essere stato una scommessa spericolata e sconsiderata – dicono gli analisti.

“Credo che ciò abbia a che fare con la crescente percezione della minaccia iraniana nella regione. E allo stesso tempo, sentendo il bisogno – a causa delle pressioni interne ed esterne – di rispondere”, ha detto Hamidreza Azizi, visiting fellow presso l’SWP di Berlino.

Alla fine di dicembre, Israele ha ucciso Sayyed Razi Mousavi, uno dei principali comandanti del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane in Siria, in un attacco missilistico fuori Damasco.

All’inizio dell’anno, due esplosioni tra le persone in lutto presenti al memoriale del defunto capo dell’IRGC iraniano Qassem Soleimani hanno ucciso almeno 90 civili e ne hanno feriti altre decine nella città di Kerman. Si è trattato dell’attacco armato più mortale sul suolo iraniano degli ultimi decenni. Soleimani era stato assassinato due anni prima in un attacco di droni negli Stati Uniti.

L’attentato è stato successivamente rivendicato dall’ISIS in Afghanistan. Tuttavia, l’Iran ha accusato il gruppo di agire di concerto con Israele, ponendo le basi per i suoi recenti attacchi alle presunte strutture del gruppo nel nord della Siria e nella capitale della regione curda irachena, Erbil.

Il mese scorso, Jaish al-Adl aveva anche rivendicato la responsabilità di un attacco alla stazione di polizia nella città iraniana di Rask nel Sistan-Baluchestan, che aveva ucciso 11 membri del personale di sicurezza iraniano.

“Se si guarda alla serie di incidenti”, ha detto Azizi, “questi hanno proiettato l’immagine della debolezza dell’intelligence iraniana e della mancanza di serietà e volontà di rispondere. Quindi il calcolo di Teheran avrebbe potuto essere che, permettendo che ciò continuasse, la loro stessa credibilità sarebbe stata in pericolo.

“Ed è per questo che hanno deciso di mostrare una risposta tutta in una volta.”

Tuttavia, al di là del desiderio di mostrare forza su più fronti allo stesso tempo, gli analisti mettono in guardia dal confondere gli eventi lungo il confine pakistano con quelli che hanno luogo a Gaza.

Sebbene sia il Pakistan che l’Iran si siano regolarmente accusati a vicenda di consentire l’ingresso di gruppi armati nel territorio dell’altro, arrivando addirittura a scambiarsi colpi di mortaio nel 2014, i loro legami militari e diplomatici risalgono ad anni fa.

Lo stesso giorno in cui l’Iran attaccò il Pakistan, i due paesi stavano conducendo operazioni navali congiunte nello Stretto di Hormuz e nel Golfo Persico. Inoltre, poche ore prima dell’attacco iraniano, il ministero degli Esteri del Paese ha pubblicato le immagini del suo ministro, Hossein Amirabdollahian, mentre stringeva la mano al primo ministro ad interim del Pakistan, Anwaar ul-Haq Kakar, a margine dell’incontro del World Economic Forum a Davos.

Questi legami di lunga data, insieme ai messaggi anonimi di Telegram visti da Al Jazeera e che si dice provengano da fonti vicine all’IRGC, hanno portato a ipotizzare che gli attacchi potrebbero essere stati predisposti e persino coordinati tra Iran e Pakistan. Secondo alcuni messaggi di Telegram, gli attacchi erano originariamente previsti per la scorsa settimana.

Tuttavia, accettare questa interpretazione degli eventi significa trascurare la posizione internazionale del Pakistan: distante dalla tempesta che infuria nel Golfo, relativamente lontano dalla competizione ideologica che lega molti dei suoi principali attori e gelosamente orgoglioso del suo status di potenza nucleare.

“L’attacco è costoso per il Pakistan, soprattutto per quanto riguarda le sue relazioni con l’India (rivale nucleare di lunga data di Islamabad) ed è esattamente per questo che non credo che il Pakistan avrebbe mai accettato di coordinarsi con l’Iran in questo modo”, ha affermato Abdolrasool Divsallar, un anziano ricercatore presso il Middle East Institute, ha detto ad Al Jazeera.

“Iran e Pakistan hanno bisogno l’uno dell’altro”, ha detto. “Anche se il Pakistan ha reagito, la mia ipotesi è che l’escalation rimarrà limitata e contenuta”.

La Cina, il più importante alleato di Iran e Pakistan, si è già offerta di mediare, e i vicini dispongono anche di piattaforme come l’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO), di cui entrambi sono membri, dove possono impegnarsi a livello diplomatico.

È difficile contestare che l’attacco a una potenza nucleare avesse lo scopo di inviare messaggi chiari agli Stati Uniti e ai suoi alleati, non ultimo Israele. Secondo gli analisti, però, era destinato anche al consumo interno.

“La credibilità e il prestigio della repubblica islamica stanno già diminuendo, anche tra i suoi stessi sostenitori”, ha detto Azizi, aggiungendo che preservare ciò che resta del sostegno, in gran parte intransigente, è diventato imperativo.

Tuttavia, anche se le probabilità che questi ultimi scioperi contribuiscano a un conflitto regionale più ampio possono essere limitate, non sono inesistenti. Il giorno dopo che il Pakistan ha risposto al fuoco contro l’Iran, nessuna delle due parti si è impegnata in ulteriori azioni militari contro l’altra. Eppure, colpendo una potenza nucleare, anche apparentemente amica, l’Iran ha inviato un messaggio che avrà eco ben oltre il Belucistan.