spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoCosa si nasconde dietro i colloqui sugli armamenti tra Modi dell'India e...

    Cosa si nasconde dietro i colloqui sugli armamenti tra Modi dell’India e Putin della Russia?

    -

    Russia e India hanno una lunga storia di collaborazione in materia di difesa. Quali armi hanno scambiato in passato e di cosa discuteranno questa volta?

    Il presidente russo Vladimir Putin, a destra, stringe la mano al primo ministro indiano Narendra Modi durante un incontro al Cremlino il 9 luglio 2024 [Alexander Nemenov/Reuters]

    Il primo ministro indiano, Narendra Modi, compirà la sua prima visita in Russia dopo l’invasione dell’Ucraina per discutere di questioni che includono la difesa e gli accordi sulle armi.

    I dettagli di eventuali nuovi accordi sulle armi da stipulare tra i due paesi devono ancora emergere, ma si è capito che la necessità della Russia di armi e munizioni per la guerra in Ucraina sta guidando i colloqui. Modi è in grado di offrire un sostanziale supporto industriale indiano alla Russia per la guerra in Ucraina in cambio di energia e tecnologia militare. Il supporto sarebbe pratico ma si fermerebbe prima che l’India sostenga pubblicamente lo sforzo bellico della Russia.

    Il viaggio di lunedì e martedì serve a ricordare al mondo che i legami tra India e Russia, in particolare per quanto riguarda difesa e armi, risalgono a decenni fa e restano forti.

    Qual è la storia degli accordi di difesa tra India e Russia?

    Negli ultimi dieci anni, l’India si è concentrata sul rafforzamento del proprio complesso militare-industriale, dicendo ai fornitori internazionali della difesa che il “Made in India” è una priorità e affermando che i trasferimenti di tecnologia alle aziende indiane sono una parte fondamentale di qualsiasi accordo, sia con la Russia che altrove.

    Tuttavia, le forze armate indiane fanno ancora molto affidamento sulle divisioni corazzate e il 97 percento dei suoi 3.740 carri armati sono di fabbricazione russa.

    Mentre l’India ha cercato di diversificare i suoi acquisti di armi per la difesa e di liberarsi in parte dalle armi russe, sono soprattutto le aziende russe ad aiutare l’industria della difesa indiana a crescere a un ritmo rapido.

    Un giorno prima della partenza di Modi per Mosca questa settimana, la società statale russa per l’esportazione, Rostec, ha firmato un accordo per la produzione in India di proiettili perforanti avanzati “Mango” per il carro armato T-90.

    In quale altro modo India e Russia hanno collaborato finora in materia di difesa?

    La loro cooperazione in materia di difesa è stata sostanziale. Il missile supersonico antinave Brahmos, ad esempio, è stato progettato congiuntamente da ingegneri indiani e russi per le forze armate indiane e testato per la prima volta nel 2001.

    Brahmos è la fusione dei nomi dei fiumi Brahmaputra e Moscova, a simboleggiare la cooperazione tra i due paesi. Il missile è veloce e potente e può lanciare una testata da 300 kg (660 libbre) a tre volte la velocità del suono con una precisione inferiore a un metro (3,3 piedi). Da allora è stato esportato nelle Filippine.

    Le joint venture russe con l’India includono anche la produzione di 35.000 fucili d’assalto Kalashnikov AK203 per l’esercito indiano, la produzione su licenza di carri armati avanzati T-90 e jet da combattimento di quarta generazione Sukhoi Su-30-MKI e strutture di manutenzione per i jet da combattimento MiG-29 dell’India. Collaborano anche alla produzione del missile anticarro guidato Konkurs.

    Esercito russo-indiano

    Di cos’altro discuteranno Modi e Putin?

    Il petrolio russo a basso costo è stato un pilastro dell’economia indiana per più di un anno. È stato uno dei principali destinatari delle spedizioni di petrolio che hanno infranto le sanzioni degli Stati Uniti e dell’UE.

    Anche l’energia nucleare è in programma ai colloqui di Mosca. Molti dei reattori nucleari indiani sono di fabbricazione russa e sono in corso colloqui affinché l’India acquisti sia reattori nucleari russi galleggianti che marittimi, utili per le aree remote e anche per sottomarini e navi militari più grandi e a lungo raggio.

    Dove si rifornirà la Russia di armi per la guerra in Ucraina?

    Mosca è disperata nel tentativo di soddisfare la costante richiesta delle sue forze armate di munizioni di artiglieria e carri armati di tutti i tipi per la guerra in Ucraina.

    Le forze armate russe sparano prudentemente 8.000 colpi al giorno. A un costo medio di $ 4.000 ciascuno, la Russia spende $ 32 milioni ogni singolo giorno nel suo sforzo di rompere la situazione di stallo sui campi di battaglia dell’Ucraina.

    Sebbene l’economia russa sia tecnicamente sul piede di guerra, Putin ha comunque dovuto corteggiare la Corea del Nord e il Vietnam, entrambi operatori di artiglieria di calibro russo ed entrambi dotati di grandi fabbriche nazionali di munizioni, in particolare per il tanto necessario proiettile da 152 mm.

    Mentre il continuo sostegno all’Ucraina viene messo in discussione negli Stati Uniti e le fabbriche di munizioni europee e turche prendono il sopravvento, Ucraina e Russia dipendono sempre di più dall’aiuto di altri paesi per la fornitura delle grandi quantità di munizioni necessarie a tenere a bada l’altra.

    Entrambi i paesi sono alla ricerca di nuovi partner nella speranza di superare l’altro in produzione e portare l’intensa potenza di fuoco che ritengono necessaria per invertire la tendenza in quello che è diventato un conflitto statico. La Russia spera che, insieme alla Corea del Nord e al Vietnam, l’industria indiana possa aiutare a fornire alla Russia gli strumenti di cui ha bisogno per sconfiggere l’Ucraina.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts