Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cosa puoi fare se tuo figlio rifiuta di mangiare qualcosa?

Cosa puoi fare se tuo figlio rifiuta di mangiare qualcosa?

0
56

Molti genitori possono riferirsi alla frustrazione di avere un figlio che rifiuta di mangiare qualsiasi cosa. Può iniziare in piccolo, con quelli che storcono il naso al tipo di pollo "sbagliato" o ai broccoli "puzzolenti".

Quindi la prossima cosa che sai che stai preparando gli stessi tre articoli per ogni pasto e ti chiedi se il tuo bambino può davvero sopravvivere con spaghetti al burro, cracker e fette di mela.

Prima di cadere in uno schema di battaglie durante i pasti o semplicemente di servire cereali per colazione, pranzo e cena, tieni presente che rifiutare di mangiare è un comportamento infantile comune. E nella maggior parte dei casi, non è dovuto a qualcosa di grave ma è invece causato da cose del tutto normali come:

  • preferenza personale (confessione: non ci piace sempre nemmeno il cavolfiore, anche se i suoi benefici sono innegabili)
  • mancanza di fame
  • riluttanza a provare qualcosa di nuovo
  • malattie infantili comuni (come mal di gola o mal di pancia)
  • un giorno libero (li abbiamo tutti)

Tuttavia, a volte sono presenti problemi più seri. E anche se non, non vuoi che una fase si trasformi in un'abitudine permanente. Quindi è importante capire perché il tuo piccolo può rifiutarsi di mangiare, oltre a modi per incoraggiare una sana relazione con il cibo.

È solo esigente mangiare?

Quando un bambino rifiuta di mangiare, la prima cosa che fanno molti genitori è etichettarlo come un mangiatore esigente. Ma è importante sapere cosa significa in realtà questa etichetta e che non è l'unico motivo per cui i bambini smettono di mangiare.

Un mangiatore esigente è in genere una persona che rifiuta di mangiare determinati tipi di alimenti o vuole solo mangiare gli stessi cibi più e più volte.

Mentre il resto della famiglia gode di una varietà di cibi a un pasto, potrebbe voler solo pepite di pollo o burro di arachidi e sandwich di gelatina. In molti casi, il loro rifiuto ha molto a che fare con le preferenze.

D'altra parte, oltre alle preferenze limitate, potresti notare altri problemi, come bavaglio o difficoltà a deglutire o masticare con determinati alimenti. Anche se questo è raro, potrebbe essere un indizio che tuo figlio non è solo testardo. Potrebbe esserci un problema alla base, che vedremo in seguito.

Qualunque sia il problema, non dovresti cercare di costringere un bambino a mangiare. Ma non dipende nemmeno da te diventare un cuoco di breve durata. Un approccio migliore consiste nel cercare di includere almeno uno dei loro cibi sani e preferiti ad ogni pasto offrendo anche altri alimenti.

Puoi consentire loro di mangiare (o mettere) solo ciò che vogliono sul piatto. Potrebbero spazzare via il riso e i broccoli, ma mangiare felicemente il pollo. La chiave è avere una varietà di cibi disponibili e mantenere le cose positive.

Preparati per il successo durante i pasti

Ecco alcune idee che potrebbero incoraggiare il tuo esigente mangiatore a divertirsi seduto al tavolo per un pasto – mentre assaggi una varietà di cibi.

Limitare le distrazioni durante i pasti

Consentire a tablet, smartphone e guardare la TV durante i pasti può far perdere interesse a un bambino. Mentre potrebbe sembrare un modo per tenerli tranquilli e indaffarati, è meglio limitare l'uso di dispositivi elettronici e altre distrazioni mentre si mangia. Puoi modellarlo mettendo via anche il tuo cellulare!

Con l'attenzione rivolta al cibo, alla conversazione e al legame familiare, potrebbe essere più facile mangiare per tuo figlio. Inoltre, assicurati che la zona pranzo sia rilassata e che tutti abbiano spazio per godersi il pasto. Usa un booster o trova una sedia adatta al tuo bambino in modo che sia a suo agio al tavolo.

Servire porzioni di cibo appropriate

Forse il problema non è che tuo figlio rifiuta di mangiare, ma piuttosto si rifiutano di mangiare tutto il cibo nel loro piatto. Ricorda, i bambini non hanno bisogno di tanto cibo quanto gli adulti. Quindi, se metti troppo nei loro piatti, potrebbero non finire. Questo non è perché sono difficili, ma perché sono pieni.

Prova a mettere una porzione più piccola di fronte al tuo piccolo. Possono sempre chiedere un secondo aiuto.

Ricorda anche che potrebbero non essere affamati in primo luogo. I bambini, specialmente i più piccoli, possono avere forti sbalzi di appetito nel corso di una giornata o anche per giorni o settimane. Non è necessario che un bambino mangi ad ogni pasto.

Non programmare orari dei pasti troppo vicini all'ora di andare a letto

Far sedere un bambino assonnato e irrequieto per sedersi e mangiare può essere una sfida. Quindi non programmare i pasti troppo vicino all'ora di andare a letto o troppo presto prima o dopo un'attività. Se questo significa più pasti per lavorare con il programma di tutti, va bene.

Elimina lo stress durante i pasti

Forzare, fare pressioni o urlare a un bambino per mangiare non aiuta la situazione. Una volta che si arrabbiano o iniziano a piangere, ogni possibilità che mangino va fuori dalla finestra. Quindi, mentre potresti voler incoraggiare a mangiare, non esercitare troppa pressione su di loro.

Coinvolgi tuo figlio nella preparazione del cibo

Anche se a molti bambini piccoli piacciono gli stessi cibi giorno dopo giorno, la varietà può aggiungere eccitazione a un pasto. Se ti ritrovi a servire lo stesso tipo di cibo ancora e ancora – forse anche perché tuo figlio ha richiesto quel cibo in primo luogo – è possibile che cambiare le cose possa aiutare.

Consenti a tuo figlio di aiutarti a scegliere nuovi alimenti da provare. Incoraggiali ad aiutare nella pianificazione, nello shopping e nella preparazione del cibo. Se aiutano a preparare il pasto, potrebbero essere più entusiasti di mangiare.

Ridurre cibi e bevande non durante i pasti

Alcuni bambini si rifiutano di mangiare quando hanno avuto troppi snack o bevande durante il giorno. Hanno stomaci più piccoli, quindi non ci vuole molto per diventare pieni. E se un bambino non ha fame durante i pasti, ha meno probabilità di mangiare.

Quindi, anche se non vuoi negare il cibo del tuo bambino in caso di vera fame, potresti voler scoraggiare lo spuntino facile – diciamo, una ciotola di munchies sul tavolo – che può portare a un'alimentazione senza cervello e tumori troppo pieni di ora di cena.

Comprendi lo stile alimentare di tuo figlio

A seconda dello stile alimentare di tuo figlio, potrebbe richiedere più o meno cibo in diversi momenti della giornata. Quindi, mentre il bambino potrebbe rifiutarsi di mangiare a cena, può mangiare molto per colazione o pranzo.

Il problema è un problema sensoriale?

Per essere chiari, la maggior parte delle cose che potrebbero indurre un bambino a rifiutare il cibo sono completamente – e forse frustranti – normali. Benvenuti in genitorialità.

Ma ci sono alcuni problemi piuttosto rari, ma più preoccupanti quando si verificano.

Ad esempio, raramente, alcuni bambini rifiutano anche di mangiare perché hanno problemi sensoriali con il cibo. Questo è abbastanza diverso dall'avere un mangiatore esigente. Mentre un mangiatore esigente potrebbe non gradire un alimento, mangiare questo alimento non causa un sovraccarico sensoriale.

I bambini con problemi sensoriali possono essere sensibili a determinate trame o colori del cibo. Questi problemi variano da bambino a bambino. Ad esempio, se un bambino può tollerare solo cibi morbidi, può imbavagliare quando mangia qualcosa con una consistenza croccante.

Se a tuo figlio viene diagnosticato un problema sensoriale che influisce sulla sua capacità di mangiare, affrontarlo può comportare la comprensione del bambino e l'introduzione di alimenti che fanno appello ai propri sensi. Quindi, se tuo figlio non è in grado di gestire cibi verdi, ma va bene con cibi arancioni o gialli, potresti aggiungere più patate dolci e carote al menu.

Alcuni bambini traggono beneficio anche dalla terapia alimentare, che può aiutarli a sviluppare modelli e comportamenti alimentari più sani. Questo tipo di terapia può aiutare coloro che hanno difficoltà a masticare, deglutire o mangiare determinate trame e ad affrontare altri problemi legati al cibo.

Il problema è un problema di abilità motoria orale?

Se il tuo bambino ha difficoltà di alimentazione, il problema potrebbe essere un problema di abilità motorie orali o problemi con i meccanismi del mangiare. (Ancora una volta, questo è molto più raro del semplice "mangiare schizzinoso", ma alcuni bambini lo sperimentano.)

Con un problema di abilità motoria orale, il bambino può tossire, soffocare o soffocare mentre mangia. Ciò può causare stress o ansia legati all'alimentazione e, se il bambino smette di mangiare, può portare a carenze nutrizionali a lungo termine. La terapia alimentare può anche aiutare il bambino a superare questo problema.

Il problema è legato al dolore?

Se il rifiuto di mangiare è un problema relativamente nuovo, il problema potrebbe essere qualcosa che rende doloroso mangiare. Ciò è più probabile se il bambino ha altri segni di malattia come febbre o diarrea. Invece di sentirti frustrato con tuo figlio, fai delle domande (se sono abbastanza grandi per rispondere) per arrivare alla radice del problema.

Alcuni problemi che possono rendere doloroso mangiare includono:

  • dentizione
  • mal di denti
  • gola infiammata
  • reflusso acido

Alcuni bambini possono anche rifiutare di mangiare se hanno anche altri problemi. La costipazione può far gonfiare lo stomaco di tuo figlio, il che può influire sul suo appetito.

Oppure, il bambino potrebbe avere un'allergia o una sensibilità alimentare e provare dolore alla bocca, allo stomaco o ai gas dopo aver mangiato un determinato alimento. Di conseguenza, possono iniziare ad associare il cibo al dolore e rifiutare gli oggetti.

Il problema è comportamentale?

I bambini possono essere testardi solo per essere testardi. (Fai un respiro profondo e ricorda a te stesso: questo non è necessariamente un tratto negativo e potrebbe anche essere utile in seguito.)

Ma a volte ci sono cose più profonde. Il tuo bambino ha subito un grande cambiamento di recente? Forse la famiglia si è trasferita in una nuova casa o città, o forse una persona cara o un animale domestico è morto. Alcuni bambini perdono l'appetito e smettono di mangiare a causa di una situazione stressante.

La buona notizia è che il rifiuto di mangiare in queste situazioni è di solito temporaneo. Parlare con tuo figlio della situazione e offrire rassicurazione può aiutarlo a sentirsi meglio.

Tieni presente, inoltre, che un bambino può smettere di mangiare come un modo per esercitare un certo controllo nella sua vita. Ma i pasti non devono essere una lotta di potere tra genitori e figli.

Se ritieni che il problema di fondo sia il controllo, servi almeno un alimento che il bambino mangerà e non fare molto per non pulire il piatto. Più insisti sul fatto che mangiano, più possono rifiutare di mangiare.

È un disturbo alimentare?

I disturbi alimentari possono svilupparsi nei bambini. Un tipo raro che può colpire un bambino è l'eliminazione del disturbo restrittivo dell'assunzione di cibo. Questo è quando il rifiuto e la limitazione del cibo diventano così estremi che un bambino ha carenze nutrizionali ed energetiche.

I bambini con questo disturbo hanno difficoltà a mantenere una crescita sana e la loro evitamento di cibo influenza altre aree della loro vita come la scuola e le relazioni.

Alcuni bambini più grandi possono anche avere problemi di bulimia o anoressia. I possibili segni di un disturbo alimentare possono includere:

  • vertigini e svenimento
  • bassa temperatura corporea
  • sottopeso
  • estrema perdita di peso
  • ansia
  • vomito
  • periodi mestruali irregolari
  • crescita lenta
  • unghie fragili
  • ecchimosi
  • la perdita di capelli

Se sospetti un disturbo alimentare, parla con tuo figlio e porta queste preoccupazioni all'attenzione del loro medico.

Porta via

Rifiutare di mangiare è una sfida genitoriale comune. In effetti, è spesso praticamente un rito di passaggio durante gli anni del bambino. Questo può causare molta ansia per i genitori, ma di solito è normale e spesso temporaneo e alla fine si risolve da solo. (Uff.)

Ma mentre il cibo schizzinoso o i normali alti e bassi dell'appetito di un bambino possono essere il problema principale, non è sempre l'unica causa. A seconda di quanto tempo continua il problema e di quali altri sintomi ha un bambino, potrebbe effettivamente essere causato da un altro problema che dovrebbe essere affrontato.

Trovare modi per affrontare il rifiuto alimentare in modo positivo può aiutare a risolvere il problema e portare a pasti più felici, ma se sospetti problemi sottostanti oltre la norma, parla con il pediatra di tuo figlio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here